• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > Slovenia-Italia U21, Di Biagio: "Leader Bernardeschi. Rugani e Romagnoli, che umiltà!"

Slovenia-Italia U21, Di Biagio: "Leader Bernardeschi. Rugani e Romagnoli, che umiltà!"

Il Ct azzurro chiede di rispettare la decisione di José Mauri


Gigi Di Biagio (Getty Images)

07/10/2015 16:36

SLOVENIA ITALIA DI BIAGIO BERNARDESCHI RUGANI / CAPODISTRIA (Slovenia) – L'Italia Under 21 è pronta per ricominciare a correre. Il Commissario tecnico degli 'Azzurrini', Gigi Di Biagio, è intervenuto in conferenza stampa per fare il punto della situazione alla vigilia della trasferta contro la Slovenia, battuta 1-0 lo scorso 8 settembre a Reggio Emilia con un rigore di Bernardeschi. Un avversario molto pericoloso, come confermano le parole del Ct: "Sarà una partita dura, difficile. Mi aspetto un'altra Slovenia rispetto a quella che abbiamo incontrato un mese fa. In casa abbiamo tenuto saldamente in mano le redini del gioco, ma ora andiamo in trasferta e loro saranno più aggressivi. L'ambiente, inoltre, sarà di certo tutto fuorché amichevole. Dalla nostra avremo il maggior minutaggio nelle gambe e un affiatamento di gruppo più consolidato. Dovremo essere bravi a saper rendere facile una partita che può rivelarsi molto difficile contro una Nazionale che non sarà attendista in campo".

JOSE' MAURI - Di Biagio, inoltre, ha analizzato alcuni singoli di questo ciclo azzurro. Tra le ultime news Italia spicca la decisione del talento dalla doppia nazionalità di non rispondere alla chiamata in Under 20: "Mauri è un bravo ragazzo e un bel giocatore, va rispettata la sua decisione di non rispondere alla convocazione dell'Under 20. Era stato mandato lì per farlo giocare dato che nel Milan non scende in campo, ma certo se oggi si sente argentino non potrà sentirsi italiano tra un mese. Non penso che tornerà a breve".

BERNARDESCHI E BENASSI - "Federico è uno dei nostri leader; Marco l'ho scelto come capitano un po' a pelle. La mia idea era di avere un capitano che restasse con noi per un biennio. Poi è chiaro che se Conte dovesse chiamarlo sarei contentissimo".

RUGANI E ROMAGNOLI - Protagonisti anche due calciatori che hanno catalizzato l'attenzione nella scorsa sessione di calciomercato, salvo apparire più ai margini in questo primo scorcio di stagione: "Si sono calati di nuovo nell'Under 21 in maniera straordinaria. Sono stati i migliori in campo nella gara d'andata e quando due calciatori come loro si comportano con tale umiltà tutto è più semplice".

M.T.




Commenta con Facebook