• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Darmian? Ora il 'Diavolo' è solo rosso

Darmian? Ora il 'Diavolo' è solo rosso

I rossoneri non ci hanno creduto, Ventura e van Gaal sì. Al Manchester United vuole conquistare l'Europa


Matteo Darmian ©Getty Images
Jonathan Terreni

06/10/2015 10:30

MILAN TI RICORDI DI DARMIAN / MILANO - Di strada ne aveva fatta poca quando all'età di 12 anni da Legnano arrivò in città, in quella Milano che poteva essere il suo futuro calcistico e invece non lo è stato. Matteo Darmian entrò nelle giovanili del Milan nel 2001 per restare rossonero fino al 2009. Che i numeri li avesse si era già capito quando, non ancora 17enne, esordì in prima squadra in un Brescia-Milan di Coppa Italia. Sembrava potersi prendere quella fascia per tanto tempo ma qualcosa non è andato come molti si aspettavano per lui, capitano della Primavera rossonera e in campo in Serie A non ancora maggiorenne. Per farlo crescere i rossoneri lo mandano in prestito al Padova dove colleziona una ventina di presenze nella Serie B stagione 2009/2010 raggiungendo una sofferta salvezza. Nel 2010 ci prova il Palermo che lo acquisisce in compartecipazione e gli fa assaporare per la prima volta il sapore europeo.

Nel 2011 ecco il Torino e così anche la svolta della sua carriera. Il prestito si trasforma in acquisizione della metà del cartellino con il Milan che esce definitivamente di scena e lascia il giocatore. I granata però ci vedono lungo. Matteo cresce con Ventura e da centrale si allarga sulla corsia: destra o sinistra per lui non fa differenza. L'annata 2013/2014 gli vale un posto al Mondiale 2014; posto da titolare e faccia salvata perché a fine competizione sarà uno dei sopravvissuti al disastro azzurro.

Il grande salto in questa stagione. La chiamata del Manchester United è il coronamento di una carriera fatta di sacrificio, silenzio e parole sul campo. Lo ha voluto van Gaal, magari non come primissima scelta ma i venti milioni dati a Cairo sono la testimonianza che i 'Red Devils' in lui ci credono eccome. Ad 'Old Trafford' è già un idolo per la sua corsa e voglia di non mollare mai. Titolare in campionato ed esordio in Champions League: il ragazzo è diventato uomo. Anche nella Nazionale di Conte è e sarà un punto fermo ai prossimi Europei. A 26 anni il 'Diavolo' ora è solo rosso.




Commenta con Facebook