• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan, dal calciomercato alla difesa flop: i numeri condannano Mihajlovic

Milan, dal calciomercato alla difesa flop: i numeri condannano Mihajlovic

Nell'Era Berlusconi il Milan, nelle prime sette giornate, non era mai stato a -5 di differenza reti


Sinisa Mihajlovic (Getty Images)
Marco Di Federico

06/10/2015 08:10

CALCIOMERCATO NEWS MILAN MIHAJLOVIC / MILANO - Doveva essere la stagione della svolta, ma al Milan le cose stanno andando anche peggio dell'anno scorso. Questa estate i rossoneri hanno speso tanto sul calciomercato per allestire una rosa competitiva a disposizione di Sinisa Mihajlovic: quasi 90 milioni di euro tra Bacca, Luiz Adriano, Romagnoli, Kucka e Bertolacci. Ma i conti non tornano e le ultime news Milan parlano di una squadra allo sbando, contestata dai tifosi e senza ancora un'identità.

Tre vittorie e quattro sconfitte in sette giornate, con l'ultima umiliante in casa contro il Napoli di Maurizio Sarri. Lo stesso tecnico a cui anche il Milan aveva pensato nella scorsa estate, scegliendo poi Mihajlovic perché ritenuto più pronto per una piazza esigente come quella milanese. Finora, però, il serbo non ha smentito gli scettici. Sono addirittura 5 i punti in meno rispetto alla gestione Inzaghi: solo Allegri nel 2012-13 ha fatto peggio con 7, chiudendo comunque la stagione al terzo posto e conquistando il preliminare di Champions League, poi superato eliminando il PSV Eindhoven.

Come evidenzia oggi la 'Gazzetta dello Sport', comparando i punti in classifica con i milioni di euro spesi dal Milan sul mercato, ogni punto è costato quasi 9,6 milioni. Solo la Juventus ha fatto peggio: oltre 15 milioni a punto. Ma almeno i bianconeri sono a punteggio pieno nel loro girone di Champions. Fiorentina e Lazio sono le migliori, con meno di 1 milione a punto.

I rossoneri sono undicesimi in classifica perché subiscono tanti gol e tirano poco in porta: 14esimi per tiri, peggio di Carpi e Frosinone, 17esimi per tiri in porta e 14esimi per cross. Nell'Era Berlusconi, il 'Diavolo' aveva preso 13 gol nelle prime sette giornate solo una volta, due anni fa, ma non era mai stato a -5 di differenza reti.




Commenta con Facebook