• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Sampdoria > Sampdoria-Inter, Zenga: "La Roma mi ha impressionato di più. Ecco il problema con Cassano"

Sampdoria-Inter, Zenga: "La Roma mi ha impressionato di più. Ecco il problema con Cassano"

Il tecnico doriano: "Mourinho il mio punto di riferimento nel bene e nel male"


Walter Zenga ©Getty Images
Marco Di Federico

05/10/2015 09:48

SAMPDORIA INTER ZENGA / FENOVA - Ancora un'ottima prestazione casalinga della Sampdoria, che ieri ha bloccato sul pareggio l'Inter di Mancini. "La più bella Samp è quella che vince, io voglio vedere solo i tre punti in classifica. - le parole del tecnico - Noi abbiamo analizzato bene la partita, loro hanno un centrocampo fisico e di personalità ed abbiamo impostato la partita con Correa alto ed Eder su Santon. Del possesso palla non ci frega nulla. L'occasione di Muriel vicino al palo per il possibile 2-0 è il nostro rimpianto, lì la gara si chiudeva e veniva giù lo stadio".

INTER - "Io sono nato e cresciuto interista, ma qui sento qualcosa di pancia che altrove forse non sentirei. Il mio punto di arrivo è la Samp, mi ha fatto un enorme piacere che i tifosi dell'Inter ancora mi ricordino con affetto. Sono felice di essere stato accostato ai nerazzurri, ma sto bene qui".

CASSANO - "Ieri scherzando gli dicevo che ha 20 minuti nelle gambe, ma il problema verrà dopo quando ne avrà 60 e poi devo toglierlo... Ha giocato l'ultima gara da titolare a gennaio, si è allenato da solo ma non è la stessa cosa".

EDER - "Con i giocatori ho un rapporto di onestà, ci diciamo tutto e tutto viene condiviso. Un allenatore incide su una squadra se trova il cuore dei ragazzi. Lui, come Soriano, è diventato straimportante per noi perché è uno dei pochi che c'era anche lo scorso anno, per il resto il gruppo è praticamene nuovo".

FERNANDO - "Contiamo molto su di lui, ha grande personalità, ma vogliamo diventi più determinante nelle verticalizzazioni del gioco. Ieri lui, Soriano e Barreto hanno fatto più di 10 km a testa, la sua è stata una gara sontuosa".

MOURINHO - "Il mio tecnico di rifermento è lui, nel bene e nel male. Lui crea un'empatia pazzesca nello spogliatoio di qualsiasi squadra alleni. Guardiamo tutto quello che ha vinto, non è stato neanche un giocatore. In comunicazione è il numero uno e lo è anche come allenatore":

SCUDETTO - "Ho affrontato Napoli, Roma ed Inter. I giallorossi sono quelli che mi hanno più impressionato".




Commenta con Facebook