• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > LA MOVIOLA DI CM.IT: Manca un rigore all'Inter, Ferrari-Morata penalty generoso

LA MOVIOLA DI CM.IT: Manca un rigore all'Inter, Ferrari-Morata penalty generoso

Rocchi non sanziona il fallo di Zukanovic su Manaj. Celi punisce il tocco ingenuo del difensore bolognese


Fredy Guarin (Getty Images)
Emiliano Forte

05/10/2015 07:40

MOVIOLA SERIE A 7A GIORNATA MANAJ MORATA / ROMA - Il settimo turno di campionato vede l'Inter costretta al pari in casa della Samp e superata in vetta alla classifica da una Fiorentina arrembante. In casa Inter non mancano le recriminazioni per la decisione dell'arbitro Rocchi di non sanzionare il contatto Zukanovic-Manaj in area blucerchiata nei minuti finali. Nella sfida dello 'Stadium' tra Juventus e Bologna, invece, va rivisto il contatto tra Ferrari e Morata in area rossoblu che ha portato Celi a concedere il penalty in favore dei bianconeri. Evidente l'errore di Doveri in collaborazione con il suo assistente nel derby di Verona, dove il difensore dell'Hellas Pisano firma l'1-0 partendo da una netta posizione di fuorigioco.

CARPI-TORINO 2-1, arbitro Russo 6 - Direzione nel complesso positiva con un solo neo: il contatto Maxi Lopez-Zaccardo nel corso del minuto 67. Per Russo è tutto regolare ma le immagini al rallenty danno la sensazione che il tiro dal dischetto poteva starci.

 

CHIEVO-VERONA 1-1, arbitro Doveri 5 - Insufficienza legata alla svista in occasione del gol di Pisano che ha portato in vantaggio l'Hellas. Nell'azione il difensore del Verona è chiaramente in offside sul colpo di testa di Moras. Purtroppo per Doveri l'assistente sbaglia nel non segnalare la posizione irregolare ed il gol viene convalidato.

 

EMPOLI-SASSUOLO 1-0, arbitro Calvarese 6,5 - Buona prova del fischietto di Teramo, che controlla il match con sicurezza e precisione. Bravo a lasciar correre, nonostante le proteste empolesi, su un tocco di Terranova che avviene con la spalla e non con il braccio.

 

PALERMO-ROMA 2-4, arbitro Damato 6,5 - Regolare la posizione di Pjanic sull'1-0 giallorosso così come quella di Florenzi in occasione del raddoppio al 14'. Corretta la scelta dell'arbitro di non intervenire sul contatto Salah-Rigoni in area di rigore rosanero. Da verificare il punto di partenza del pallone in occasione del calcio d'angolo che ha portato al secondo gol del Palermo: la palla potrebbe essere stata posizionata fuori dalla lunetta.

 

UDINESE-GENOA 1-1, arbitro Cervellera 6,5 - Netto il rigore concesso al Genoa ad un quarto d'ora dal 90° per il fallo di Danilo su Gakpé. Da rivedere in precedenza un contatto in area rossoblu con protagonisti Cissokho e Felipe: il fallo non è evidente ma poteva essere sanzionato.

 

SAMPDORIA-INTER 1-1, arbitro Rocchi 5,5 - Proteste nerazzurre nel finale per l'entrata di Zukanovic su Manaj in piena area blucerchiata. Dal replay si vede che il difensore della Samp colpisce l'attaccante nerazzurro con la gamba sinistra dunque Rocchi doveva concedere il rigore.

 

JUVENTUS-BOLOGNA 3-1, arbitro Celi 5 - Evidente la svista sul fuorigioco fischiato a Morata nel corso del 39°. L'attaccante bianconero, scattato da posizione regolare, è lanciato verso la porta avversaria quando viene fermato dall'errata segnalazione dell'assistente di Celi. Ad inizio ripresa il direttore di gara concede il rigore per il contatto tra Ferrari e lo stesso Morata: il difensore rossoblu è ingenuo nell'afferrare l'avversario e Celi dal canto suo è particolarmente severo nel sanzionare la lieve trattenuta alle spalle del numero 9 bianconero.

 

LAZIO-FROSINONE 2-0, arbitro Di Bello 7 - Nulla da obiettare sulla direzione del fischietto brindisino al quale non sfugge mai di mano il match. Ricorre al giallo solo nei momenti più concitati della sfida che porta a termine con autorità e senza esitazioni.

 

MILAN-NAPOLI 0-4, arbitro Rizzoli 6 - Nella ripresa manca un calcio di punizione in favore del Napoli per l'intervento di Zapata su Higuain nei pressi dell'area rossonera. Per il resto, fatta eccezione di un paio di contatti al limite sui quali Rizzoli lascia correre, non si ravvisano episodi particolarmente difficili da valutare per l'arbitro ed i suoi assistenti.

 

FIORENTINA-ATALANTA 2-0, arbitro Massa 6,5 - Nei primissimi minuti è chiamato ad una decisione difficile che ha inevitabilmente condizionato l'andamento della gara: rigore più espulsione per il fallo in area di Paletta che stende Blaszczykowski ed interrompe una chiara occasione da gol. In questo caso Massa applica alla lettera il regolamento e non sbaglia. Sul 2-0 per la Fiorentina da segnalare il contatto Kalinic-Toloi in area atalantina con l'arbitro che giustamente non interviene.




Commenta con Facebook