• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus, lettera di Agnelli agli azionisti: "Squadra rinnovata ma competitiva"

Juventus, lettera di Agnelli agli azionisti: "Squadra rinnovata ma competitiva"

Il presidente ha parlato anche dei problemi del calcio italiano


Andrea Agnelli ©Getty Images

01/10/2015 20:15

JUVENTUS AGNELLI AZIONISTI / TORINO – Tramite una lettera inviata agli azionisti, il presidente della Juventus Andrea Agnelli ha parlato del rinnovamento in atto a livello di squadra nella società bianconera e non solo. Questro uno stralcio della lettera inviata dal numero uno bianonero: "Dopo un percorso iniziato nell’estate del 2010, con un’operazione di completo cambio del management, un rafforzamento patrimoniale in grado di sostenere il turnaround e una corretta gestione, la Vostra società è riuscita a tornare sia al successo sportivo sia alla sostenibilità economica...Il profondo rinnovamento della rosa per la stagione 2015/2016, che permette ai colori bianconeri di essere pienamente competitivi, unitamente alle strategie di espansione dei ricavi tramite la ricerca di grandi partnership globali permetteranno alla Vostra società di consolidare il proprio sviluppo - riporta il sito ufficiale della Juventus - Gli evidenti progressi della Juventus sul fronte della gestione non sono stati tuttavia sufficienti per avviare una profonda e definitiva riflessione a livello nazionale sul futuro del calcio italiano. Da più parti, importanti esponenti del mondo del calcio invocano per il nostro movimento la dignità di essere considerati a pieno titolo un comparto industriale che contribuisce allo sviluppo del Paese sia con il gettito fiscale sia con il cosiddetto indotto. Ma il calcio italiano, purtroppo, non sta trovando al suo interno le risorse umane adatte a rilanciarlo e ricollocarlo al centro del dibattito politico".

M.F.




Commenta con Facebook