• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italians & Passengers > ITALIANS - Momento magico per Darmian e Giovinco. Osvaldo sprecone

ITALIANS - Momento magico per Darmian e Giovinco. Osvaldo sprecone

Le pagelle dei giocatori italiani all'estero e i top/flop degli ex stranieri della Serie A


Matteo Darmian ©Getty Images
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

29/09/2015 17:15

ITALIANS PAGELLE GIOCATORI ITALIANI ESTERO EX STRANIERI SERIE A / ROMA - Weekend intenso, il penultimo prima della pausa per gli impegni delle nazionali. Calciomercato.it vi offre  Italians nella sua veste classica: le pagelle dei giocatori italiani all'estero e i top ed i flop degli stranieri che hanno militano in passato nella nostra Serie A. Questa settimana salgono ancora in cattedra Darmian, Giovinco ed Okaka. Male El Shaarawy, Bellusci e Bocchetti. Osvaldo spreca e il Porto paga il conto.

 

ITALIANS - LE PAGELLE DEI GIOCATORI ITALIANI ALL'ESTERO


FABIO BORINI (Sunderland): 5,5 - Il suo Sunderland viene 'macinato' dal Manchester United con il punteggio di 3-0. Lui mostra la solita generosità ma non è la giornata giusta per incidere, essendo poco servito dai compagni.

MATTEO DARMIAN (Manchester United): 7 - Ottima partita per l'ex laterale del Torino. van Gaal decide di schierarlo come terzino sinistro e lui, abituato a questo ruolo, sforna una prestazione di livello sia in fase di costruzione che in contenimento. Sempre più convincente.

ANGELO OGBONNA (West Ham): non convocato.

VITO MANNONE (Sunderland): in panchina nella gara contro il Manchester United.

GRAZIANO PELLE' (Southampton): 6,5 - Oramai un punto fermo del Southampton di Ronald Koeman che a lui non può proprio rinunciare. Non entra nel tabellino dei marcatori nel 3-1 allo Swansea ma si rivela fondamentale nel lavoro per la squadra e serve anche un assist vincente a Tadic.

ALESSANDRO DIAMANTI (Watford): in panchina nella partita contro il Crystal Palace.

FEDERICO MACHEDA (Cardiff City): non convocato.

GABRIELE ANGELLA (Qpr): 4,5 - Affonda insieme al suo Qpr sul campo del Fulham, con i 'Cottagers' che vincono 4-0. Schierato centrale al fianco di Onuoha, va in affanno ad ogni attacco avversario senza garantire la giusta copertura. Serata da dimenticare.

MARCO SILVESTRI (Leeds United): 6 - Sempre uno dei più positivi per il suo Leeds, nonostante la sconfitta per 3-0 con il Middlesbrough. Il passivo poteva essere superiore se non ci fosse stato lui in porta.

MIRCO ANTENUCCI (Leeds United): 6 - Imprescindibile per la squadra dello Yorkshire. Nonostante il pessimo risultato si sbatte, lavora per la squadra, crea occasioni e segna anche un gol annullato in maniera controversa. 

GIUSEPPE BELLUSCI (Leeds United): 4 - Un vero e proprio disastro. Male sul primo gol incassato dal Middlesbrough, autore dello sciagurato autogol del 2-0 con un tuffo di testa da centravanti di razza. Non ha mai il controllo della situazione.

TOMMASO BIANCHI (Leeds United): non convocato.

FRANCESCO PISANO (Bolton): 6 - Partita onesta per l'ex Cagliari. Il suo Bolton impatta per 2-2 sul Brighton e lui è l'unico a salvarsi dal disastro in difesa. Non male anche in fase di spinta.

FERNANDO FORESTIERI (Sheffield Wednesday): non convocato.

MICHAEL AGAZZI (Middlesbrough): non convocato.

DIEGO FABBRINI (Middlesbrough): 6,5 - Solito grande lavoro di raccordo tra centrocampo e attacco per l'ex giocatore dell'Udinese. Trova anche la gioia del gol (quello del definitivo 3-0) approfittando del clamoroso errore di Bamba. 

MARCO VERRATTI (Psg): 6,5 - Laurent Blanc può contare su un vero top player a centrocampo. Verratti infatti regge la mediana nel 4-1 esterno con il Nantes, sfoggiando la solita sicurezza e facendo girare il pallone con classe e precisione. 

THIAGO MOTTA (Psg): 6 - Gioca venticinque minuti senza incidere particolarmente  ma sfruttando l'enorme esperienza e la capacità di far girare la squadra. Beneficia della presenza di Verratti.

SALVATORE SIRIGU (Psg): in panchina nella partita con il Nantes.

ANDREA RAGGI (Monaco): 6,5 - Schierato come terzino sinistro da Jardim, sfodera una grande prova nonostante il 3-3 finale col Guingamp. Preciso e attento in chiusura (dal suo lato non si passa) si toglie anche lo sfizio di segnare.

STEPHAN EL SHAARAWY (Monaco) 5 - Non ci siamo ancora. Jardim lo lancia titolare ma il 'Faraone' non riesce a lasciare il segno. Non entra nel tabellino dei marcatori e non realizza assist. Fa buoni movimenti e si sacrifica, ma da lui ci si aspetta di più.

PAOLO DE CEGLIE (Marsiglia): 5,5 - Generoso e dinamico sulla fascia, mette in mezzo palloni interessanti non concretizzati. Mezzo voto in meno per il secondo gol dell'Angers sul quale non è esente da colpe in marcatura.

GIULIO DONATI (Bayer Leverkusen): 6 - Solido in difesa, un po' meno propositivo del solito nella gara vinta col Werder Brema. Sempre pronto a lottare su ogni pallone, è ormai una certezza per Roger Schmidt.

LUCA CALDIROLA (Darmstadt): 5,5 - Il primo tempo è di ottimo livello e tiene a bada con efficacia gli attaccanti del Borussia Dortmund. Nella ripresa cala e Aubameyang ne approfitta per siglare una doppietta (ma le colpe non sono solo sue).

GIANLUCA CURCI (Mainz): in panchina nella partita contro il Bayern Monaco.

CIRO IMMOBILE (Siviglia): in panchina nella partita contro il Rayo Vallecano.

MARCO ANDREOLLI (Siviglia): 6 - Premia ancora una volta la fiducia di Emery che lo schiera al centro della difesa, anche per emergenza. Lui risponde con una prestazione attenta, dimostrando di essere un giocatore affidabile.

DANIELE BONERA (Villarreal): non convocato.

FRANCESCO BARDI (Espanyol): in panchina nella partita contro il Deportivo La Coruna.

SIMONE VERDI (Eibar): s.v.

CRISTIANO BIRAGHI (Granada): 6 - Di solito più bravo a spingere piuttosto che a difendere, col Valencia gioca molto di più nella propria metà campo contenendo in maniera efficace il veloce Feghouli. 

CRISTIANO PICCINI (Betis Siviglia): 6 - Forma una catena di fascia interessante con Joaquin. Lo spagnolo usa il fioretto, lui fa il lavoro sporco e lo fa anche molto bene nella vittoria esterna con lo Sporting Gijon.

ALBERTO AQUILANI (Sporting Lisbona): in panchina nella partita con il Boavista.

BRYAN CRISTANTE (Benfica): non convocato.

PABLO DANIEL OSVALDO (Porto): 5,5 - Schierato al centro dell'attacco nella gara contro la Moreirense mostra buon piglio e tanta volontà. Si rende pericoloso in alcune occasioni ma non riesce a concretizzare e alla fine il Porto paga con due punti persi.

SALVATORE BOCCHETTI (Spartak Mosca): 5 - Lo Zenit fa quello che vuole centralmente contro lo Spartak. Bocchetti, schierato al centro insieme a Tasci e Makeev, non riesce a fare filtro e viene infilato ogni qualvolta la squadra di Villas-Boas avanza.

DOMENICO CRISCITO (Zenit): s.v.

STEFANO OKAKA (Anderlecht): 7 - Memore dell'esperienza in coppa di Belgio, Hasi lo schiera titolare nella gara casalinga contro il St.Truiden. Lui ripaga con il gol vittoria e con una prestazione da centravanti vero, andando anche vicino al 2-0 con una grande girata. I biancomalva tengono il ritmo dell'Oostende capolista grazie ad Okaka.

SEBASTIAN GIOVINCO (Toronto FC): 7,5 - Sempre più decisivo. Giovinco trascina il Toronto Fc alla vittoria contro i Chicago Fire segnando un gol bellissimo con un pallonetto delizioso. Leader conclamato, mette lo zampino anche in occasione delle reti di Bradley ed Altidore. 

ANDREA PIRLO (New York City): 6,5 - La stagione scivola verso i play-off e l'ex regista di Milan e Juventus dimostra di essere in forma crescente. Orchestra l'azione del primo gol del New York City e mostra una grande intesa con Lampard: sprazzi di classe pura.

MARCO DONADEL (Montreal Impact): 6 - Torna dopo la squalifica e si riprende il centrocampo dei Montreal Impact, trascinati da Didier Drogba nella vittoria col D.C. United. Prestazione di grande sostanza, fa 'legna' in mezzo al campo.


ITALIANS - TOP E FLOP TRA GLI EX STRANIERI DELLA SERIE A

I TOP 3 DEL WEEKEND

ALEXIS SANCHEZ (Arsenal): 8,5 - L'ex attaccante dell'Udinese si riprende l'Arsenal nella gara esterna col Leicester di Claudio Ranieri. Contro i 'Foxes' il cileno mette a segno una tripletta strepitosa, facendo sfoggio di tutte le proprie qualità: classe, senso del gol e capacità di segnare in qualsiasi maniera. Si porta a casa il pallone e il titolo di migliore in campo.

PHILIPPE COUTINHO (Liverpool): 7,5 - Rimaniamo in Premier League e ci spostiamo ad 'Anfield'. Il Liverpool di Rodgers liquida l'Aston Villa con un faticoso 3-2. Sale in cattedra il 10 dei 'Reds', ex Inter. Due assist (a Milner e a Sturridge) e il secondo è un'autentica perla di tacco. Il brasiliano ormai è uno dei giocatori più importanti per il manager nordirlandese.

KINGSLEY COMAN (Bayern Monaco): 7,5 - Un altro giocatore che si è trasformato da quando ha lasciato l'Italia. Il giovane francese è in prestito al Bayern Monaco dalla Juventus e nella vittoria contro il Mainz serve l'assist a Lewandowski e segna su passaggio vincente di Douglas Costa. Giocate semplici ma efficaci e Pep Guardiola se lo coccola.

I FLOP 3 DEL WEEKEND

FREDERIK SORENSEN (Colonia): 4,5 - Un altro ex giocatore della Juventus. Il difensore danese è ora il perno centrale del Colonia di Peter Stöger. Nel pareggio interno con la matricola Ingolstadt però è colpevole sul pareggio degli ospiti e non sembra essere in giornata, andando spesso in difficoltà quando attaccato.

FEDERICO FERNANDEZ (Swansea): 4,5 - Altro ex difensore della nostra Serie A. Federico Fernandez ha giocato nel Napoli ed è uno dei protagonisti in negativo della sconfitta esterno dello Swansea sul campo del Southampton. Perde tutti i duelli con Graziano Pellé e in generale non riesce a comandare la difesa, per la disperazione di Garry Monk.

JUNIOR TALLO (Lille): 4 - Tre presenze con la maglia della Roma per questo attaccante ivoriano classe '92 che ora gioca nel Lille. Prestazione da film horror nella sconfitta esterna con lo Stade Reims. Si mangia un gol clamoroso a porta vuota e non riesce ad incidere, se non con conclusioni sterili e giocate discutibili. Se i 'Mastini' sono 15esimi è anche per la mancanza di un vero bomber di razza.

 




Commenta con Facebook