• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > Serie A, Lucescu: "Ho spinto per mandare Luiz Adriano al Milan"

Serie A, Lucescu: "Ho spinto per mandare Luiz Adriano al Milan"

Il tecnico romeno su Ronaldo: "Peccato, era come Messi o Cristiano Ronaldo"


Lucescu, tecnico dello Shakhtar © Getty Images

29/09/2015 10:26

LUCESCU RONALDO INTER LUIZ ADRIANO / MILANO - Nella sua decennale carriera da allenatore, Mircea Lucescu ha avuto la fortuna di allenare tanti grandi campioni, molti dei quali brasiliani. Tra questi alcuni sono passati o giocano in Italia: l'attuale allenatore dello Shakhtar ne ha parlato alla 'Gazzetta dello Sport'.

LUIZ ADRIANO - "Arrivò da noi a 19 anni, lo vidi e dissi: 'Questo non è un giocatore'. Aveva poca qualità ma un enorme desiderio di emergere. E infatti si è impegnato molto e lì ho iniziato a vederci un diamante grezzo. In estate ho spinto perché andasse subito al Milan e ora si fa valere: forza fisica, reattività, gran stacco di testa, il migliore che abbia mai visto nel proteggere palla. E può diventare ancora più dinamico, aggredire meglio gli spazi".

RONALDO - "Ancora mi ricordo di quando prendeva di mira West, lo metteva a terra con 3 finte e tutti ridevano. Spesso i talenti più sono grandi e più sono difficili da gestire, e le sue scappatelle erano leggendarie. Se avesse avuto la forza di gestire il suo peso l'avremmo visto molto di più. Peccato, era come Messi o Cristiano Ronaldo. Anzi, aveva qualcosa di tutti e due".

ZE ELIAS - "In spogliatoio era un comico, grandissimo imitatore, lo amavano tutti. Ma poi in campo aveva la stessa superficialità. Nel 1999 all'Inter proprio lui avrebbe potuto salvare tutto: eravamo 1-0 con il Manchester United, arrivò davanti al portiere e sbagliò un gol incredibile. Se fossimo passati sarebbe cambiata la sua vita, la mia, quella di tutti. Poi dovetti dare le dimissioni".

 

M.D.F.




Commenta con Facebook