• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, Capello: "Bravo Mancini! Meglio vincere 1-0 che perdere divertendo"

Inter, Capello: "Bravo Mancini! Meglio vincere 1-0 che perdere divertendo"

L'ex ct della Russia applaude il tecnico interista


Fabio Capello © Getty Images

26/09/2015 08:50

INTER MANCINI CAPELLO  SEIRE A / MILANO - L'Inter, dopo il grande calciomercato effettuato in estateè prima in classifica con 5 vittorie su 5 partite, ma non mancano le critiche per la squadra nerazzurra. Da più parti si sente parlare di una squadra senza gioco, che vince solo di misura. Ora le news Inter vedranno la formazione nerazzurra di fronte alla Fiorentina, second in classifica. A correre in difesa del tecnico dei nerazzurri Roberto Mancini ci ha pensato l'ex ct della Russia Fabio Capello su 'La Gazzetta dello Sport': "Credo che si debba riflettere di più prima di vedere come l'1-0 come un risultato negativo. Oltre a ottenere la vittoria, si mantiene la porta inviolata. Inoltre bisogna anche considerare che in campo c'è un avversario ed è sempre difficile portare a casa il risultato. Stimo molto Mancini, lo considero un grande allenatore: è bravo a farsi comprare i giocatori che desidera e sa adattarsi al materiale che ha. L'ideale per ogni squadra, ovviamente, sarebbe vincere e divertire. Se l'alternativa è tra vincere senza divertire e perdere divertendo, allora scelgo sempre i tre punti. Nel calcio vale un antico detto contadino: produci il vino con l'uva che hai". 

Capello ha poi analizzato il calcio moderno: "L'equilibrio è davvero fondamentale. Bisogna saper gestire nel migliore dei modi sia le sconfitte che le vittorie. Credo che ora si difenda molto peggio rispetto a qualche anno fa. Il problema è che si lavora poco sugli aspetti specifici. Nell'uno contro uno molti vanno in crisi. A mio avviso a centrocampo si deve tenere la posizione ma in difesa si deve marcare a uomo. Ora in Germania il livello è migliorto, anche se le difese sono ancora da rivedere. In Premier mi aspettavo il City dominatore, ma pesa molto l'assenza di Aguero; mentre credo che in Spagna se la vedranno Barça e Real, anche se il Celta sta facendo molto bene". Su Mourinho: "Mi piace, perché ha sempre le idee chiare. E per la stessa ragione apprezzo anche Mihajlovic, credo che abbia la mentalità giusta per andare lontano". 

A.D.S.




Commenta con Facebook