• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > IL PAGELLONE DI CM.IT: Higuain show, Hoedt stordito

IL PAGELLONE DI CM.IT: Higuain show, Hoedt stordito

Top e Flop della 4a giornata di Serie A secondo i voti dei nostri inviati


Gonzalo Higuain (Getty Images)
Emiliano Forte

21/09/2015 07:40

PAGELLONE 4A GIORNATA SERIE A HIGUAIN HOEDT / ROMA - Le prime 4 giornate di campionato dicono che la squadra da battere è l'Inter di Mancini, capolista solitaria a punteggio pieno. Tra le più dirette inseguitrici al momento c'è il sorprendente Torino di Ventura trascinato dagli acuti di Quagliarella e da un Bruno Peres imprendibile.
Vittoria e 3 punti anche per il Milan nel segno di Carlos Bacca, autore di una magnifica doppietta. Settimana da urlo per il Napoli che, dopo la goleada in Europa League, nel posticipo travolge la Lazio grazie alle perle della coppia Higuain-Insigne. Non pervenuta la formazione di Pioli incapace di abbozzare una qualsiasi reazione con il giovane Hoedt sempre in affanno in difesa ed un Matri mai in partita.

 

TOP

 

5.Quagliarella (Torino) - A suon di gol trascina i suoi fino ai piani alti della classifica. Di lui spesso si dice che segna solo gol difficili invece contro la Samp indossa i panni del perfetto uomo d'area che è sempre posizionato alla perfezione per tramutare in gol gli assist dei compagni. Fondamentale. VOTO 7,5

 

4.Bacca (Milan) - Bomber vero, capace di far male in qualsiasi momento e in qualsiasi modo. Il 'graffio' in piena area con la punta (o quasi) ed il colpo di testa ad incrociare che chiude i conti sono da manuale del perfetto goleador. Killer. VOTO 7,5

 

3.Bruno Peres (Torino) - Il suo dominio sulla fascia destra è totale. Semplicemente imprendibile per chiunque provi a fermarlo, è l'uomo che manda in tilt gli schemi blucerchiati e regala imprevedibilità al Toro. 75 minuti buoni di scatti, cross e assist a ripetizione. Impressionante. VOTO 7,5

 

2.Insigne (Napoli) - Da incorniciare questo inizio di stagione per il 'piccolo genio' azzurro, che continua a deliziare il pubblico di fede azzurra con giocate sensazionali e terribilmente efficaci. Il suo estro, condito da repentini cambi di ritmo e direzione, va a nozze tra le voragini lasciate dai difensori della Lazio che assistono piantati come birilli al suo show. Dopo l'assist da standing ovation offerto ad Allan ed una serie di giocate sopraffine nella ripresa si toglie anche la soddisfazione di firmare il 3-0. Sublime. VOTO 8

 

1.Higuain (Napoli) - Prestazione da fenomeno assoluto per il 'Pipita' che, nel giro di un'ora, travolge come un tornado una Lazio frastornata e mai in grado di opporre resistenza. Segna due gol spettacolari, fa segnare i compagni e lotta come un leone su tutti i palloni manco fosse l'ultimo dei gregari. Solo Sarri riesce a fermarlo quando gli concede la meritata ovazione sostituendolo con Gabbiadini. Spaziale. VOTO 8

 

FLOP

 

5.Regini (Sampdoria) - Trascorre 45 minuti in apnea nel tentativo di rincorrere, senza successo, uno strepitoso Bruno Peres che lo sfianca con una serie infinita di scatti e progressioni. Zenga nella ripresa corre ai ripari sostituendolo con Lazaros. Surclassato. VOTO 4,5

 

4.Jankovic (Verona) - Un fantasma in campo per circa 80 minuti durante i quali si fa notare solo quando riceve i due gialli che lo costringono alla doccia anticipata. Irritante. VOTO 4

 

3.Matri (Lazio) - Dai fasti della settimana scorsa al buio del 'San Paolo'. L'attaccante biancoceleste è spettatore impotente del tracollo della sua squadra. Annullato in zona gol, la sua gara è tutta nel retropassaggio sciagurato che manda in gol Higuain. Ridimensionato. VOTO 4

 

2.Izzo (Genoa) - Cuadrado appena può lo punta viaggiando a velocità doppia con il pallone incollato ai piedi ed il difensore di Gasperini va presto in confusione. Quando decide di ricorrere alle maniere forti per limitare l'estro del colombiano, l'esito è inevitabile: due gialli in meno di 20 minuti e gara compromessa per il Genoa. Annebbiato. VOTO 4

 

1.Hoedt (Lazio) - Higuain gli nasconde il pallone in occasione dell'1-0 napoletano e non lo rivedrà praticamente più per il resto della gara. L'olandese è frastornato dai movimenti continui e dal talento dell'attacco azzurro e finisce col perdere ogni punto di riferimento. Imperdonabile. VOTO 4




Commenta con Facebook