• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Europa league > Europa League, il punto sulle avversarie delle italiane

Europa League, il punto sulle avversarie delle italiane

Focus su Basilea, Dnipro e Brugge


Breel Embolo (Getty Images)
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

17/09/2015 16:26

CALCIO EUROPA LEAGUE NAPOLI FIORENTINA LAZIO DNIPRO BASILEA BRUGGE / ROMA - Comincia l'Europa League 2015/2016 che vedrà in campo tre italiane: uììil Napoli di Maurizio Sarri, la Fiorentina di Paulo Sousa e la Lazio di Stefano Pioli che saranno opposte rispettivamente al Brugge, al Basilea e al Dnipro. Conosciamo meglio le avversarie delle italiane.

BASILEA - La Fiorentina di Paulo Sousa sfida il Basilea, ex squadra del tecnico portoghese. Gli svizzeri sono una realtà provinciale di lusso del calcio europeo. Guidati da Urs Fischer (precedentemente al Thun) vengono da 6 campionati nazionali vinti consecutivamente. Anche quest'anno sono la squadra capolista: 8 vittorie in 8 partite. Mancheranno Ivanov e Traoré. Nel 4-2-3-1 i punti di forza sono gli attaccanti Marc Janko e Breel Embolo. Occhio anche al capitano Delgado.

BRUGGE - La rivale del Napoli è la squadra vicecampione del Belgio, guidata da Michel Preud'homme. Vincitori della coppa nazionale nella scorsa stagione, hanno perso la supercoppa in estate. Settimi nella Jupiler League in corso (dopo 7 gare), i punti di forza sono da trovare nel collettivo e in alcuni singoli: Vossen, Vormer e il maliano Diaby.

DNIPRO - La Lazio non avrà vita facile. Il Dnipro di Myron Markevich è arrivato terzo nello scorso campionato ucraino ma ha reso difficile la vita al Siviglia nella finalissima di Europa League, eliminando il Napoli in semifinale. Konoplyanka e Kalinic non ci sono più e Markevich punta sulla vena di Seleznyov e su un collettivo rodato. Attualmente terzi nel proprio campionato.




Commenta con Facebook