• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus, la rivincita di Cuadrado: ora ha convinto tutti

Juventus, la rivincita di Cuadrado: ora ha convinto tutti

Il colombiano era stato accolto con molti dubbi


Juan Cuadrado (Getty Images)
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

16/09/2015 16:05

CALCIO JUVENTUS SERIE A CHAMPIONS LEAGUE CUADRADO ALLEGRI / ROMA - La Juventus di Massimiliano Allegri era arrivata a Manchester con tanti crucci, dovuti alla partenza shock in campionato. Un punto in tre partite ed un gioco che non riusciva a convincere, amplificando il rumore delle assenze per infortunio (Marchisio e Khedira su tutti) e di chi ha lasciato il bianconero per sempre (Tevez, Pirlo, Vidal). La vittoria sul City, arrivata dopo una gara condotta con brillantezza, regala alla Juventus un sospiro di sollievo e la sterzata necessaria. Non tutti i problemi sono ancora risolti, ovviamente, ma alcune certezze sono venute a galla prepotentemente. Tra queste c'è il colombiano Juan Cuadrado, arrivato a Torino in sordina e ora celebrato sia dai tifosi che dagli addetti ai lavori.

A lungo inseguito da Antonio Conte in passato e poi fino al ChelseaCuadrado non è mai riuscito ad inserirsi negli schemi di José Mourinho e così Giuseppe Marotta e Fabio Paratici hanno deciso di cogliere l'occasione 'last-minute' portandolo a Torino in prestito secco. L'arrivo del colombiano non ha però scaldato i cuori dei tifosi, 'impegnati' nel seguire le vicende relative al trequartista e dubbiosi sull'effettiva utilità dell'ex Fiorentina.

A Cuadrado però sono bastati 130' per convincere in maniera univoca i tifosi della Juventus. Entrato nei minuti finali contro la Roma, ha giocato uno spezzone superiore contro il Chievo, procurandosi il calcio di rigore del definitivo 1-1. Con il Manchester City, invece, è partito titolare nel 4-3-3: incontenibile sulla fascia e attento in copertura. Allegri se lo coccola, il popolo bianconero comincia ad ammettere l'errore di valutazione. Lui, invece, si è preso già una bella rivincita.




Commenta con Facebook