• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, Zanetti: "Che tensione nel derby. Favoriti? No, vogliamo essere in testa alla fine"

Inter, Zanetti: "Che tensione nel derby. Favoriti? No, vogliamo essere in testa alla fine"

Il vicepresidente nerazzurro ha parlato a pochi giorni dalla stracittadina


Javier Zanetti ©Getty Images
Andrea Della Sala (@dellas8427)

10/09/2015 11:14

SERIE A INTER MILAN ZANETTI DERBY / MILANO - Domenica sera Inter e Milan si troveranno di fronte per il derby nella terza giornata di Serie A. I nerazzurri potranno avere a disposizione gli ultimi colpi di calciomercato: Telles, Felipe Melo e Ljajic, ma c'è apprensione per le condizioni di Miranda. Tra i rossoneri non ci saranno Antonelli e Bertolacci, ma Bacca ha dimostrato di essere in grande condizione anche in nazionale. Non sarà protagonista in campo, ma sosterrà i colori nerazzurri nella nuova veste da dirigente, Javier Zanetti. Il vicepresidente interista ha parlato delle news Inter e del tema del derby sulle colonne de 'Il Giornale': "Ricordo ancora uno dei miei primi derby, giocavamo in casa del Milan e riuscimmo a vincere. A fine partita Berlusconi mi raggiunse negli spogliatoi e mi fece i complimenti, fu un momento di grande emozione. Il presidente rossonero mi voleva? No, anche con Galliani c'è grande stima e affetto, ma non mi ha mai telefonato per questo motivo. Il derby è una partita importante, c'è grande tensione e sono fortunati quei 22 che scenderanno in campo per giocarselo. Inter favorita? Non credo, è ancora troppo presto. Fa piacere essere in testa alla classifica, ma non basta, bisogna esserlo alla fine". L'Inter troverà di fronte due ex nerazzurri passati ai cugini, Mihajlovic e Balotelli: "Con Sinisa c'è un grande rapporto, abbiamo buoni ricordi sia da giocatore che da allenatore. Facendo l'allenatore è normale che potesse diventare un nostro avversario, ma tra noi c'è sempre affetto. Mario ora dovrà metterci qualcosa in più, gli stanno dando un'atra possibilità. Vicino al ritorno all'Inter? Non credo, Mancini aveva idee diverse e siamo andati su altri obiettivi". 

L'Inter ha accontentato Mancini in tutte le sue richieste e ora toccherà al tecnico riuscire a far girare la squadra: "Sta costruendo una squadra con grande forza fisica e credo che questa caratteristica possa essere un'arma in più. La difesa mi piace molto". Zanetti si è soffermato anche sul campionato e sulla partenza a rilento della Juventus: "E' una grande squadra e ha tanti giocatori in rosa che possono fare la differenza. Il fatto che siano partiti alcuni giocatori importanti può avere influito, ma si riprenderà. Dobbiamo pensare solo a noi stessi". Chiusura di nuovo sulla stracittadina di domenica: "Non so chi vincerà, basta un dettaglio, un imprevisto per far saltare tutto ciò che hai preparato in settimana". 

 

 

 




Commenta con Facebook