• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > Inter-Milan: il derby infiamma la 3a giornata. Statistiche, condizione e probabili formazioni

Inter-Milan: il derby infiamma la 3a giornata. Statistiche, condizione e probabili formazioni

Rossoneri e nerazzurri si presentano a quella che sarà la prima grande prova della stagione


Miranda ©Getty Images
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

09/09/2015 14:10

CALCIO SERIE A INTER MILAN DERBY MILANO MIHAJLOVIC MANCINI MERCATO STATISTICHE / MILANO - Roma-Juventus è stato il grande appuntamento della seconda giornata della Serie A. La terza, che comincerà il prossimo sabato, avrà invece il culmine domenica sera, quando al 'Giuseppe Meazza' di Milano andrà in scena il derby meneghino tra Inter e Milan. Una partita dalla programmazione inconsueta (solo nell'agosto 2009 si presentò prima, alla seconda di campionato) ma che potrà dire molto sulle news Serie A, in particolare sulle ambizioni delle due compagini che si presentano all'appuntamento con grande carica ma con morale differente, anche dovuto al calciomercato che ha visto regnare i nerazzurri mentre i tifosi rossoneri hanno espresso maggior malcontento.

Presentiamo il derby di Milano, Inter-Milan, attraverso le statistiche chiave e l'analisi del momento delle due squadre: calciomercato, stato di forma, probabili schieramenti e giocatori protagonisti da Icardi a Carlos Bacca.

 

INTER-MILAN, DERBY NUMERO 215. NERAZZURRI CON PIU' VITTORIE: LE STATISTICHE CHIAVE

Sono passati 106 anni dal primo derby meneghino della storia. Era il 10 gennaio 1909 e al 'Campo Milan' di Porta Monforte i rossoneri si imposero per 3-2 grazie alle reti di Treré II, Lana e Laich. Da allora sono stati giocate altre 213 stracittadine, considerando solo le competizioni ufficiali. Nel computo totale l'Inter è in vantaggio con 76 vittorie mentre il Milan è fermo a 74. 64 i pareggi. L'ultimo successo nerazzurro è datato 22 dicembre 2013 e porta la firma di Rodrigo Palacio, autore di un meraviglioso gol di tacco nel finale. L'ultimo acuto rossonero risale alla gara di ritorno di quella stagione: il 4 maggio 2014 fu Nigel de Jong a decidere la stracittadina con un colpo di testa. Nella stagione scorsa due pareggi: 1-1 il 23 novembre 2014 (gol di Menez ed Obi) e 0-0 il 19 aprile. Se l'Inter è in vantaggio complessivamente (e anche in Serie A, considerando il campionato a girone unico) il Milan può sorridere ricordando le stracittadine valevoli per altri palcoscenici. La finale di Coppa Italia del 1977, giocatasi il 3 luglio, fu vinta da Rivera e compagni con un netto 2-0. Vittoria milanista anche nella finale della Supercoppa Italiana del 2011 (2-1 in rimonta a Pechino). Quattro le partite valide per la Champions League: la semifinale del 2002-2003 (0-0 ed 1-1, a passare fu il Milan) e i quarti del 2004-2005: 2-0 rossonero all'andata e 0-3 a tavolino al ritorno, con il 'Diavolo' a passare il turno nuovamente. Il bomber principe della stracittadina è Andriy Shevchenko con 14 reti, una in più di Giuseppe Meazza che ha vestito entrambe le casacche. Il record di presenze è di Paolo Maldini con 56 derby giocati, Javier Zanetti è fermo a  47. Il maggior scarto nel risultato vede sorridere la compagine rossonera: 5-0 nella Coppa Italia dell'8 gennaio 1998 e 0-6 l'11 maggio 2001, in un incontro valido per la Serie A. L'Inter può vantare lo 0-4 del 29 agosto 2009: preludio al 'Triplete'. Un'ulteriore curiosità a tinte nerazzurre: Walter Samuel può vantare un primato unico con 10 vittorie in 11 derby disputati in Serie A dal 2005 al 2012.


L'INTER DI MANCINI: PRIMA IN SERIE A MA MIRANDA POTREBBE NON ESSERCI

Concentriamoci ora su come si presentano le due compagini. L'Inter di Roberto Mancini arriva alla stracittadina con grande entusiasmo. Le prime due uscite hanno visto due vittorie (1-0 con l'Atalanta e 2-1 col Carpi) ma il tecnico jesino sa bene di dover tenere i piedi per terra. Il gioco non ha entusiasmato e ci vuole tempo per trovare la giusta amalgama con i tanti nuovi arrivi. A tal proposito: nessuno può essere più contento di Mancini che ha avuto dal mercato la rivoluzione che tanto aveva invocato al termine della scorsa annata. Contro il Milan i volti nuovi potrebbero essere addirittura 7: Telles (in ballottaggio con Juan Jesus), Miranda, Murillo, Felipe Melo (se la giocherà con Medel), Kondogbia, Perisic e Jovetic, finora capocannoniere con tre reti. Le dolenti note arrivano dall'infermeria: Miranda è uscito dopo 23 minuti durante la sfida tra il suo Brasile e gli Usa. Le sue condizioni sono da monitorare ed è un peccato, perché l'intesa con Murillo mostrata nelle prime due partite di campionato stava regalando fiducia ai tifosi nerazzurri che sicuramente non faranno mancare gli sfottò per i cugini. Uno su tutti, ne siamo certi, riguarderà quel Geoffrey Kondogbia strappato proprio al Milan in una convulsa notte di calciomercato. Ultimo appunto: Mauro Icardi non ha mai segnato ai rossoneri. La fascia di capitano cambierà la storia?


IL MILAN DI MIHAJLOVIC: TANTI DUBBI E IL TABU' DEI DERBY PERSI FUORI CASA

Morale diverso in casa Milan, dove Sinisa Mihajlovic (ex di turno così come Andrea Poli) non può essere totalmente contento dell'avvio dei suoi. Archiviata la sconfitta con la Fiorentina (un 2-0 senza appello) è arrivato il successo casalingo con l'Empoli che ha visto Carlos Bacca e Luiz Adriano sbloccarsi al 'Meazza'. Il gioco, però, latita ancora ed il tecnico serbo sta cercando di trovare la quadratura del cerchio, considerando che in sede di calciomercato non ha avuto tutto ciò che desiderava (Soriano in primis). Ecco che domenica sera potrebbero essere solamente 4 i volti nuovi rispetto al Milan targato Filippo Inzaghi: si tratta di Alessio Romagnoli, Juraj Kucka e la coppia d'attacco Luiz Adriano-Bacca. E magari l'eroe a sorpresa può essere quel Mario Balotelli tanto bistrattato, che partirà dalla panchina ma che è pronto a mettere la sua esperienza al servizio della squadra. Servirà anche questo, visto che i numeri non sorridono al Milan: negli ultimi 10 derby di Serie A giocati 'fuori casa' sono arrivati 7 ko, 2 pareggi ed una sola vittoria. Era il 14 novembre 2010 e a decidere la gara fu Zlatan Ibrahimovic. A fine anno arrivò lo scudetto: i tifosi rossoneri fanno gli scongiuri ma sognano una sterzata alla sorte. 

PROBABILI FORMAZIONI DI INTER-MILAN, DERBY VALIDO PER LA TERZA GIORNATA DI SERIE A

Proviamo quindi ad abbozzare i possibili schieramenti della stracittadina della 'Madonnina', con tutte le incognite del caso...

Inter (4-3-1-2): Handanovic; Santon, Miranda, Murillo, Telles; Brozovic, Felipe Melo, Kondogbia; Perisic; Jovetic, Icardi. All. Mancini

Milan (4-3-1-2): Diego Lopez; Abate, Zapata, Romagnoli, De Sciglio; Poli, de Jong, Kucka; Bonaventura; Bacca, Luiz Adriano. All. Mihajlovic




Commenta con Facebook