• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan, da Inzaghi a Mihajlovic manca il regista

Milan, da Inzaghi a Mihajlovic manca il regista

Nel finale di mercato i rossoneri non sono arrivati al centrocampista di quaità


Sinisa Mihajlovic © Getty Images
Andrea Della Sala (Twitter: @dellas8427)

01/09/2015 09:47

MILAN INZAGHI MIHAJLOVIC REGISTA / MILANO - Nonostante la recente vittoria contro l'Empoli, il Milan non ha convinto in questo inizio di stagione e nell'ultimo giorno di calciomercato non sono arrivati rinforzi, quindi Mihajlovic dovrà andare avanti con i giocatori fin qui avuti a disposizione. Sebbene Galliani avesse evidenziato un problema a centrocampo per i rossoneri dopo le prime due giornate di campionato, nessun colpo in entrata, con Witsel che non è arrivato a Milano nonostante i tentativi della società. Le news Milan parlano di un problema in mezzo al campo, un problema che la squadra si porta dietro dall'anno scorso, da quando in panchina c'era Inzaghi: la mancanza di un regista, di un giocatore di qualità che possa manovrare il gioco rossonero, come evidenziato da 'La Gazzetta dello Sport'. 

Inzaghi a centrocampo si affidava a Poli, De Jong e Muntari giocatori di quantità, ma con poche idee. Per ora Mihajlovic ha alternato Bertolacci, De Jong, Bonaventura, Nocerino e Kucka, ma il risultato è stato più o meno lo stesso. L'unica sostanziale differenza tra le due gestioni tecniche sono le giocate sulle fasce: con Mihajlovic il Milan prova a sfruttare di più le crosie laterali rispetto a quanto faceva con Pippo Inzaghi. Meno tocchi di palla, meno passaggi, il pallone ora gira meno in mezzo al campo, anche perché mancando il regista diventa difficile costruire gioco. Così sono i terzini a doversi sacrificare, a continuare a spingere per partecipare anche al gioco offensivo. I dati statistici evidenziano anche che il Milan di Mihajlovic è una squadra più lunga, con i reparti più distanti tra loro. Nel Milan dello scorso anno, però, il contributo in zona gol dei centrocampisti era stato importante con le reti di Bonaventura, De Jong e Muntari, quest'anno, invece, a parte Bacca e Luiz Adriano non sono arrivati i gol dagli inserimenti della mediana. Toccherà a Mihajlovic ovviare al problema regista, cercando come ha fatto fino a ora di sviluppare il gioco in ampiezza, passando poco per il centro del campo. 




Commenta con Facebook