• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI GENOA-VERONA

PAGELLE E TABELLINO DI GENOA-VERONA

Pavoletti entra segna ed esce. Laxalt e Ntcham belle sorprese. Toni e Pazzini non brillano


Pavoletti (getty images)
Davide Ritacco

30/08/2015 22:48

ECCO LE PAGELLE DI GENOA-VERONA

 

GENOA

Lamanna 6,5 – Molto bravo ad opporsi ai tentativi degli avversari salvando il risultato con una parata decisiva poco dopo il vantaggio rossoblù.

De Maio 6 – Gara solida e rocciosa per contrastare un colosso come Toni. Se la cava bene con l’ausilio di Burdisso. Lascia il campo per infortunio. Dal 75’ Marchese s.v.

Burdisso 6,5 – Bellissimo il duello con il vecchio compagno ai tempi della Roma Toni. Scontro fisico senza mai risparmiarsi e l’argentino ne esce vincitore limitando molto il bomber veronese.  

Izzo 6 – Bravo a tenere a bada gli avversari e bravo anche ad impostare ma deve controllare la sua irruenza.

Cissokho 6,5 – Spinge molto bene specialmente nel secondo tempo quando ha maggior gamba facendo valere il suo fisico possente.

Rincon 6,5 – La sua prestazione lievita e il Genoa ne beneficia. Nella ripresa è il padrone del centrocampo con recuperi fondamentali che spesso trasforma in occasioni da gol.  

Tino Costa 6 – Va a fase alterne: la manovra pulita è il suo forte ma ancora pecca in precisione. Deve alzare i ritmi di gioco.

Laxalt 7 – Il migliore in campo. La sua velocità spezza il Verona in due. Ogni sua discesa è un pericolo per la difesa gialloblù. E’ una spina costante nel fianco della retroguardia di Mandorlini.

Ntcham 6,5 – Dopo la bella prestazione di Palermo si guadagna i gradi da titolare ed anche stasera conferma le sue ottime doti. Il diciannovenne proveniente dal Manchester City, ha appreso tutte le lezioni impartite dal mister della primavera dei Citizen, un certo Vieira.

Gakpè 6,5 – Segna il gol della tranquillità e regala al Genoa i primi tre punti. Ripaga la fiducia di Gasperini che lo lancia dal primo minuto.

Pandev 5 – Il fatto che Pavoletti appena entrato al suo posto segni, non fa altro che evidenziare la gara statica e senza guizzi da parte del macedone. Dal 56’ Pavoletti 7 – Mai cambio fu più azzeccato. Al primo pallone toccato porta in vantaggio il ‘grifone’ cambiando volto alla gara ma la sfortuna lo colpisce ed esce poco dopo per infortunio. Dal 72’ Lazovic s.v.   

All. Gasperini 6 – Inspiegabilmente lascia fuori Pavoletti dal primo minuto per poi ricredersi ad inizio ripresa e fortunatamente per lui e per il Genoa l’attaccante ex Varese non tradisce. Bravo a riconfermare sia Laxalt che Ntcham, due talenti su cui puntare.

 

VERONA

Rafael 6 – In occasione del secondo gol sarebbe potuto uscire dai pali per cercare di intercettare il pallone ma sostanzialmente è incolpevole su entrambi i gol subiti.  

Pisano 5 – Laxalt sarà un incubo anche stanotte. Il giovane uruguagio lo mette in difficoltà facendo valere la sua maggiore velocità. Non riesce mai a contrastarlo.

Marquez 5,5 – Nella ripresa crolla come tutto il Verona. Nei primi 45 minuti aveva retto bene all’urto dei padroni di casa.

Moras 5,5 – Dopo l’ammonizione subita (la prima della partita) resta condizionato e si fa sfuggire Pavoletti.

Souprayen 5,5 – Prova a spingere in particolar modo nel primo tempo. Nella ripresa Cissokho prende il sopravvento e resta bloccato in difesa.

Sala 6 – Cerca di cambiare marcia con qualche incursione delle sue ma non è la serata ideale. Dal 84’ Siligardi s.v.

Greco 6 – In cabina di regia non la vede mai. Si ritrova spesso a inseguire gli avversari piuttosto che a costruire il gioco in modo ragionato.

Hallfredsson s.v. Dal 21’ Viviani 5,5 – Entra a freddo e non riesce a dare una mano ai compagni di reparto risultando spesso in affanno.

Jankovic 5 – L’esterno serbo non riesce quasi mai a creare superiorità numerica e ripartire con convinzione. Spesso sparisce dal gioco del Verona e per questo Mandorlini lo toglie dal campo. Dal 69’ Pazzini 6 – Entra con il solito spirito da guerriero e colpisce una traversa. Mandorlini dovrebbe concedergli più spazio, lo merita.

Toni 5,5 – Come sempre si batte come un vecchio leone ma può poco con una squadra che preferisce prima non prenderle rispetto ad attaccare.

Gomez 5 – Invisibile come l’altro esterno Jankovic. Eppure nel primo tempo aveva iniziato bene.

All. Mandorlini 5,5 – Dopo la bella prova con la Roma un evidente passo indietro. Pazzini meriterebbe più spazio e forse sarebbe il caso di iniziare a pensare ad un modulo a due punte.

Arbitro: Orsato 6,5 – Partita tranquilla che s’infiamma nel finale ma è abile a gestire ogni situazione utilizzando bene i cartellini. Il Genoa protesta per un fallo in area su Laxalt ma non ci sono gli estremi per il rigore.

 

TABELLINO

GENOA - VERONA  2-0

Genoa (3-4-1-2): Lamanna; De Maio (Dal 74’ Marchese), Burdisso, Izzo; Cissokho, Rincon, Tino Costa, Laxalt; Ntcham; Gakpè, Pandev (dal 56’ Pavoletti, dal 72’ Lazovic). A disp.: Ujkani, Sommariva, Tachtsidis, Capel, Diogo. All.: Gasperini 

Verona (4-3-3): Rafael; Pisano, Marquez, Moras, Souprayen; Sala (dal 84’ Siligardi), Greco, Hallfredsson (dal 21’ Viviani); Jankovic (dal 69’ Pazzini), Toni, Gomez. A disp.: Gollini, Vencato, Bianchetti, Winck, Albertazzi, Romulo, Zaccagni. All.: Mandorlini

Arbitro: Orsato di Schio

Marcatori: 57’ Pavoletti (G), 76’ Gakpè (G)

Ammoniti: 45’ Moras (V), 59’ Izzo (G), 73’ Pazzini (V), 89’ Rincon (G)

Espulsi:




Commenta con Facebook