• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > Napoli-Sampdoria, Sarri: "Siamo pochi a centrocampo. Gabbiadini ha sofferto la preparazione"

Napoli-Sampdoria, Sarri: "Siamo pochi a centrocampo. Gabbiadini ha sofferto la preparazione"

Calciomercato.it seguirà le dichiarazioni del tecnico azzurro


Maurizio Sarri ©Getty Images
Bruno De Santis (@Bruno_De_Santis)

29/08/2015 15:40

NAPOLI SAMPDORIA CONFERENZA SARRI / NAPOLI - A caccia del riscatto: dopo il ko contro il Sassuolo, il Napoli debutta in casa ospitando la Sampdoria. Per gli azzurri è obbligatorio vincere per non rischiare di veder naufragare sul nascere il progetto Sarri. Proprio il tecnico azzurro parla in conferenza stampa di tutte le news Napoli: Calciomercato.it seguirà per voi le dichiarazioni dell'allenatore partenopeo. 

SAMPDORIA - "Hanno iniziato la preparazione prima, hanno fatto male la prima partita poi invece mi sembra abbiano giocato bene. Mi sembrano in ottima condizione e questa sarà una delle difficoltà di questa partita: il primo tempo contro il Carpi è stato molto bello, poi sono calati ma magari anche per il risultato ormai acquisito". 

PARTNER HIGUAIN - "Gabbiadini può giocare anche accanto a Higuain. Ha sofferto molto la preparazione, ora sta dando segnali di crescita e sarà preso in considerazione. Mertens e Callejon hanno caratteristiche diverse e si scegliere di volta in volta: non credo viste le tante partite che ci sarà un problema di sottoutilizzo". 

EUROPA LEAGUE - "In certe zone siamo attrezzati per le due competizioni, in altre no ma abbiamo comunque ottimi ricambi. A centrocampo ad esempio non siamo tantissimi ma vediamo se Dezi se rimane e se tra un mese può essere un buon giocatore. Ovunque sono stato ho tirato fuori il meglio dai calciatori con il lavoro. Favoriti nel girone? Sono valutazioni fatte soltanto sul nome: affrontiamo squadre di poco blasone ma di molta sostanza. Il Brugge è arrivato ai quarti lo scorso anno, i danesi hanno buttato fuori il Southampton". 

MODULO - "In futuro non lo so, dipende dall'evoluzione della situazione ma in questo momento continueremo con lo stesso modo perché sarebbe delittuoso aver lavorato su un modulo e poi abbandonarlo dopo una partita. Poi siamo aperti anche ad altre soluzioni, se il campo dirà che bisognerà cambiare, cambieremo. Però non è che è mancato poi così tanto l'equilibrio: abbiamo concesso poco". 

DIFESA - "Stiamo lavorando, la linea è diventata più ordinata che non significa più efficace ma ci può aiutare". 

ALLAN - "La settimana scorsa era spento dal punto di vista fisico. Ha fatto due mezze preparazioni diverse e questo può averlo danneggiato. E' in miglioramento e vediamo se metterlo dentro questa o la prossima. Non è ancora l'Allan visto con l'Udinese ma è in progresso". 

CAMBI DI FORMAZIONE  - "Stiamo valutando la condizione di Chiriches, Ghoulam sta crescendo bene a livello di condizione fisiche, vorrei più tempo per renderlo più efficace a livello difensivo. Qualche segnale lo sta dando, le caratteristiche fisiche per migliorare ce l'ha o con qualche altro passo può diventare un calciatore importante. Ci vuole pazienza perché ha sempre difeso in maniera diversa. Cambierò in base a quanto visto in questa settimana". 

VALDIFIORI - "Non ha bisogno di grandi incontristi intorno, a Empoli giocavamo con Vecino e Croce che non sono centrocampisti difensivi. Lui per caratteristiche ad inizio stagione non è mai al meglio. Poi se tutti lavorano bene non c'è bisogno di incontristi, se anche solo uno non fa bene allora ci sono dei problemi. Questo è il primo anno che ho centrocampisti anche difensivi che offensivi. Se andiamo su tutti i campi per fare la partenza, al primo errore prendiamo una ripartenza: dobbiamo però essere bravi a gestirle".

 4-3-3 - "In preparazione l'abbiamo provato e perdevamo venti metri di baricentro e allora abbiamo intrapreso un'altra strada che potrebbe anche non essere quella giusta. Però è giusto avere pazienza e fare una valutazione su uno spezzone di campionato". 

AUTOMATISMI - "Non si può fare una valutazione sui tempi necessari: dipende dalle caratteristiche del singolo e del gruppo. La squadra ha cambiato modo di lavorare dal punto di vista fisico e questo può dare delle difficoltà per lo scarico del lavoro. La preparazione fisica non è una cosa automatica: spero il meno possibile. Contro il Sassuolo mi è sembrato strano è che ci alleniamo a ritmi molto più alti: questo è strano ma mi fa essere anche positivo". 

INSIGNE - "Quando ho messo Saponara trequartista l'unico convinto era lui. Lorenzo è più adatto negli spazi stretti, Riccardo va meglio con il campo avanti. Prima di trarre conclusioni su Insigne vorrei però vederlo al 100% perché siamo a inizio stagione e viene da un anno in cui è stato fermo per un infortunio importante. Non ho dubbi che possa fare il trequartista, ma lui lo deve fare facendo la differenza". 




Commenta con Facebook