• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Roma-Juventus, Allegri: "Coman è voluto andar via, Zaza resta. Dybala sarà titolare"

Roma-Juventus, Allegri: "Coman è voluto andar via, Zaza resta. Dybala sarà titolare"

Calciomercato.it ha seguito le dichiarazioni dell'allenatore bianconero


Allegri ©Getty Images
Bruno De Santis (@Bruno_De_Santis)

29/08/2015 13:15

ROMA JUVENTUS CONFERENZA ALLEGRI / TORINO - E' già tempo di riscatto per la Juventus: dopo la sconfitta interna contro l'Udinese, la formazione di Allegri va sul campo della Roma per cercare i primi punti del campionato ed evitare di vedere già allontanarsi le rivali per la lotta al titolo. Il tecnico bianconero ha parlato in conferenza stampa delle news Juventus: Calciomercato.it ha seguito per voi le sue dichiarazioni. 

GIOCATORI - "Qualcuno per giocare a Roma ce li abbiamo. Marchisio sarà a disposizione dopo la sosta, Khedira è distante dal rientro, Asamoah sta lavorando bene ma dobbiamo ancora valutarlo quando lavorerà con la squadra. Morata è a disposizione". 

MERCATO - "E' uscito Coman, c'è stata la volontà del calciatore di andare, la società ha fatto le sue valutazioni e credo si stata una buona operazione. E' un ragazzo del '96, lo scorso anno ha giocato molto e quest'anno ha iniziato giocando la Supercoppa. Tenere calciatori controvoglia non fa bene: bisogna voler stare all'interno di un gruppo e alla Juventus. L'uscita di Llorente era programmata, mi dispiace perché lo scorso anno mi ha dato tanto. Isla non sarà convocato domani e sarà un'altra uscita: ha due-tre possibilità e presto deciderà. Gli altri vengono a Roma a giocare la partita". 

CUADRADO - "Ha qualità offensive: che giochi sull'esterno, da seconda punta o da trequartista cambia poco. Va coinvolto molto nel gioco e sarà utile alla squadra. Padoin? Credo che domani giocherà perché è l'unico che può giocare davanti alla difesa in assenza di Marchisio. Ho provato anche gli altri ma sono tutti azzardi e bisogna scegliere con logica chi è più bravo a giocare in quel ruolo. Domenica Padoin ha fatto una buona partita, poi ha influito il risultato: loro hanno tirato una volta in porta. Se vincevamo, Padoin sarebbe stato giudicato come il più bravo in campo. Finché non chiuderà il mercato e torneranno tutti bisognerà avere equilibrio. Poi ci ricompatteremo e affronteremo la stagione serenamente cercando di raggiungere gli obiettivi. Abbiamo un campionato da affrontare, un girone Champions difficile, ma abbiamo una rosa in grado di affrontare tutte e tre le competizioni". 

DRAXLER - "L'allenatore deve sfruttare le caratteristiche dei calciatori a disposizione. Nessuno si aspettava la cessione di Coman, ma ci sono calciatori che non vogliono venire, che non possono venire o che non si vendono. Devo mettere tutti i calciatori in grado di rendere al meglio. L'importante è avere buoni giocatori tecnicamente, per non abbassare il livello della squadra e questo è fondamentale soprattutto in Europa". 

DYBALA - "Domani scenderà in campo, Cuadrado è ancora indietro ma è un cambio importante come lo sono quelli che domani verranno in panchina. Zaza? Non va via, l'uscita di Llorente era programmata. E' l'attaccante della Nazionale, deve crescere. Serve pazienza per la crescita di questi calciatori come lo è stato lo scorso anno con Morata e Coman. Non si può avere tutto e subito". 

ROMA-JUVE - "Speriamo che sia una giornata di sport, una bella partita, uno spettacolo. E' una delle partite più importanti del campionato italiano ma la cosa più importante è che non succedano incidenti. Poi sul campo serve intensità, tecnica e consapevolezza delle qualità fisiche e tecniche della Roma: hanno fatto un ottimo mercato, si sono rinforzati e hanno il dente avvelenato visto che sono arrivati secondi lo scorso anno. Hanno tutte le carte in regole per vincere il campionato, così come Inter, Milan e Napoli: ma Roma e Inter sono le favorite, insieme a noi, per lo scudetto". 

ACQUISTI - "Serve completare la rosa con calciatori di qualità. La società ha lavorato bene, la cessione di Vidal ha cambiato le cose e ha fatto sì che si dovesse tornare a pensare al mercato". 

APPROCCIO - "Dopo la sconfitta abbiamo vissuto una settimana con rabbia e amarezza. Domani dobbiamo pensare di fare una bella prestazione e tramite la prestazione ottenere il risultato: bisogna essere consapevoli che la Juventus è una squadra che ha le carte in regole per lottare per lo scudetto, per passare il turno in Champions e vincere la coppa Italia. Nulla nel calcio è scontato: dobbiamo lavorare per far sì che si possa continuare a vincere. Capita di poter perdere delle partite, ma alla fine i valori vengono fuori: non ho mai visto vincere il campionato ad una squadra più debole di un'altra". 




Commenta con Facebook