• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI EMPOLI-CHIEVO

PAGELLE E TABELLINO DI EMPOLI-CHIEVO

Birsa man of the match, Saponara non basta ai toscani. Male Mpoku e Martinelli


Riccardo Meggiorini, uno dei protagonisti della rimonta clivense ad Empoli

23/08/2015 23:31

ECCO LE PAGELLE DI EMPOLI-CHIEVO

 

EMPOLI

Skorupski 5,5 – Alla prima davanti al suo nuovo pubblico, deve fare inizialmente i conti con Martinelli che fa di tutto per metterlo in difficoltà. Non esente da colpe sul colpo di testa vincente di Meggiorini, può ben poco sul secondo e terzo gol degli ospiti.  

Zambelli 5,5 – Attento e concentrato non fa rimpiangere la partenza di Hysaj, almeno nel primo tempo, poi cala vistosamente ed il Chievo ne approfitta.

Martinelli 4,5 – Titolare complice la squalifica di Tonelli, in avvio di gara rischia l’impossibile in almeno un paio di circostanze, ma prima Paloschi e poi Mpoku, per sua fortuna, non ne approfittano. Prima del 45esimo, prova a riscattarsi in zona gol, ma Bizzarri gli chiude lo specchio della porta.

Barba 5 – Dopo la partenza di Rugani, è lui il nuovo pilastro della difesa toscana. Nonostante gli svarioni di Martinelli, fa bella figura nella prima frazione. Nella ripresa, tuttavia, prende parte al black out generale, dimenticandosi clamorosamente di Paloschi in occasione del 1-3 clivense.

Mario Rui 5,5 – L’esterno portoghese è il padrone della corsia sinistra, nei primi quarantacinque minuti. Poi però l’Empoli resta negli spogliatoi, e la sua prestazione crolla sensibilmente.  

Zielinski 5 – Lento e compassato per lunghi tratti del match, prova a rifarsi nella ripresa con una conclusione che per poco non riaccende le speranze toscane. Nel complesso, troppo poco.   

Diousse 6,5 – Scoperto qualche anno fa dall’ex Sarri, si dimostra subito all’altezza della situazione, nonostante la difficile eredità lasciatagli da Valdifiori. Dinamico e dotato di piedi interessanti, perde con il passare dei minuti un pò di brillantezza come il resto dei compagni. Dal 73’ Ronaldo s.v.

Croce 6,5 – Molto intraprendente nel primo tempo in tandem con Mario Rui, con il quale confeziona l’assist per il vantaggio di Saponara, è costretto a lasciare il campo per un problema fisico ad inizio ripresa. Dal 57’ Signorelli 5 – Il suo ingresso coincide con il tris fulmineo del Chievo...Insufficienza inevitabile.

Saponara 7 – Pronti via e si fa trovare subito pronto sul servizio da sinistra di Croce. E’ lui l’uomo più importante di questo Empoli e lo conferma con giocate di ottima fattura. Nella seconda frazione, poi, si spegne come tutta la squadra di Giampaolo.

Maccarone 5,5 – Molto utile in fase di appoggio quando l’Empoli domina l’incontro; è sfortunato al 37esimo con un tiro da posizione defilata che si stampa sull’esterno del palo. Molto affaticato nel secondo tempo, manca di testa il pallone che Meggiorini tramuta in pareggio. Dal 63’ Mchedlidze 5,5 – Riceve la prima palla giocabile a cinque minuti dal termine, ma non la sfrutta a dovere.  

Pucciarelli 5 – La sua intesa con Maccarone è ormai più che collaudata. Come aveva palesato lo scorso anno, gli manca ancora un pò di determinazione in più sotto porta, per diventare un attaccante completo.

All. Giampaolo 5,5 – Dopo quattro anni lontano dalla Serie A, sperava sicuramente in un ritorno migliore. Se nel primo tempo, il Castellani si dimentica in un lampo di quel che era lo straordinario Empoli di Sarri, nella seconda frazione la squadra mette a nudo tutte le sue difficoltà difensive ed offensive, diventando una squadra prevedibile e priva di idee. A questo punto, viene da chiedersi quale sarà il vero Empoli?

 

CHIEVO

Bizzarri 6 - Non perfetto sul primo tentativo empolese dove si lascia sorprendere sul suo palo dal tiro non irresistibile di Saponara. Fatta la frittata, però, l’ex estremo difensore di Genoa e Lazio si riscatta prima su un tiro-cross di Zielinski e poi, poco prima dell’intervallo, su Martinelli. Interventi alla fine fondamentali per la rimonta giallo-blu.

Frey 5,5 – Si lascia sfuggire Croce in occasione del vantaggio dei padroni di casa, palesando grosse amnesie difensive. Migliora nella ripresa.

Cesar 5,5 – Lento e macchinoso come tutto il Chievo, si fa spesso prendere in castagna dagli attaccanti azzurri nei primi quarantacinque minuti. Poi però dà segnali di risveglio.

Gamberini 6,5 – Uno dei pochi ad avere un rendimento costante per tutti i novanta minuti. Evita il peggio in più di una circostanza nella prima frazione, salvando insieme a Bizzarri la porta clivense.

Gobbi 6 – Molto bloccato ed in palese apprensione nel primo tempo, prende le giuste contromisure nella ripresa controllando senza problemi la sua zona di competenza.

Birsa 7,5 – Da corpo estraneo alla squadra si trasforma al rientro negli spogliatoi, nel man of the match. L’ex milanista confeziona l’assist per la testa di Meggiorini, e disegna poi uno splendido mancino che regala al Chievo la rete del sorpasso. Le fortune del Chievo passano inevitabilmente dai suoi piedi. Dall’87’ Cacciatore s.v.

Hetemaj 6 – Poco reattivo sin dalle prime battute, cresce alla distanza come il resto della squadra.

Radovanovic 5,5 – Anche lui inizialmente non ne prende una, fino a che un infortunio non lo costringe ad abbandonare il terreno di gioco. Dal 40’ Rigoni 6,5 – Impatto positivo sull’incontro. Resta da chiedersi come mai, Maran si fosse privato inizialmente di uno come lui.

Castro 6 – Poco presente in tutto il primo tempo, prende vigore nella ripresa quando la squadra con due episodi ribalta il risultato. Il suo inserimento nel 4-3-2-1 però non è ancora come vorrebbe Maran.

M'Poku 5 – Promosso titolare dal tecnico gialloblu, ha l’occasione di portare subito la gra in parità ma non approfitta a pieno dell'errore di Martinelli. Ha talento ma dimostra ancora scarsa personalità. Dal 45’ Meggiorini 7,5 – Entra e cambia il volto alla partita. Il suo colpo di testa ad anticipare tutti, suona la carica alla squadra che nel giro di 8 minuti mette al tappeto l’Empoli. Suo anche l’assist per la rete del 3-1 di Paloschi.

Paloschi 6,5 – E’ sempre lì in agguato come un condor, come gli ha insegnato al Milan un certo Pippo Inzaghi. Nel primo tempo mette paura a Skorupski, poi nella ripresa prende il tempo a Barba e scrive la parola fine al match. Certezza.

All.: Maran 7 – Non era facile ribaltare una gara subito in salita e rimotivare la squadra dopo un primo tempo tra i peggiori della sua gestione. L’ingresso di Meggiorini e qualche aggiustamento tattico, alla fine però gli danno ragione. Come inizio, davvero niente male.

Arbitro: Mariani 6 – Il fischietto di Aprilia lascia correre molto, sbagliando anche in qualche caso. Per il resto,  nessun episodio degno di nota. 

 

TABELLINO

EMPOLI-CHIEVO 1-3

Empoli (4-3-1-2): Skorupski; Zambelli, Martinelli, Barba, Mario Rui; Zielinski, Diousse, Croce; Saponara; Maccarone, Pucciarelli. A disp.: Pugliesi, Pelagotti, Bittante, Costa, Camporese, Signorelli, Ronaldo, Maiello, Brillante, Krunic, Mchedlidze, Piu. All.: Giampaolo..

Chievo (4-4-2): Bizzarri; Frey, Cesar, Gamberini, Gobbi; Birsa (dall’87’ Cacciatore), Hetemaj, Radovanovic (dal 40’ Rigoni), Castro; M'Poku (dal 45’ Meggiorini), Paloschi. A disp.: Bressan, Seculin, Sardo, Biraghi, Pellissier, Christiansen, Inglese. All. Maran..

Arbitro: Maurizio Mariani

Marcatori: 8’ Saponara (E), 55’ Meggiorini (C), 60’ Birsa (C), 63’ Paloschi (C)

Ammoniti: 53’ Meggiorini (C), 65' Saponara (E)

Espulsi:




Commenta con Facebook