• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI SAMPDORIA-CARPI

PAGELLE E TABELLINO DI SAMPDORIA-CARPI

Muriel devastante, Fernando che punizione! Carpi, si salva soltanto Lazzari


Fernando ©Getty Images

23/08/2015 23:00

ECCO LE PAGELLE DI SAMPDORIA-CARPI

 

SAMPDORIA

Viviano 6,5 – Nonostante la gara si metta subito in discesa, la sua difesa non gli permette di trascorrere una serata tranquillissima. Incolpevole sui due gol del Carpi, prima del fischio finale si esalta neutralizzando il penalty di Lazzari.

Cassani 7 – Non particolarmente impegnato in fase difensiva, torna ai fasti di un tempo facendosi apprezzare anche nella metà campo avversaria. Al 31esimo è bravissimo a liberarsi al cross dalla destra per il tiro vincente di Muriel.

Silvestre 5,5 – Qualche apprensione di troppo sia ad inizio match e sia sul finale di tempo, a risultato già quasi acquisito. Da rivedere la sua intesa con Coda. Il confronto con questo Carpi non può essere probante.

Coda 5,5 – Preferito a Moisander, commette qualche sbavatura di troppo, in una serata che dovrebbe essere più che tranquilla.

Regini 6 – Spinge sin dalle prime battute con una discreta continuità sull’out di sinistra. Si addormenta un pò in occasione del momentaneo 5-1 del Carpi. Prestazione comunque positiva.

Barreto 6,5 – Fondamentale per gli equilibri del centrocampo di Zenga, si rende molto utile in fase di contenimento.

Fernando 7 – Alla sua prima al Ferraris, sfodera il meglio del suo repertorio. Quantità al servizio della squadra e soprattutto qualità. La dimostrazione arriva al minuto 37 con una splendida punizione a giro sulla quale non può nulla Brkic. Davvero un ottimo acquisto del presidente Ferrero.

Ivan 6,5 – Zenga lo lancia titolare, un pò sorpresa, al posto di capitan Palombo e lui risponde con una prestazione convincente. Bravo nel duettare con i compagni di reparto, complice anche l’opposizione inconsistente degli ospiti.

Soriano 6 – Il pensiero del Milan inevitabilmente lo condiziona. Prova la giocata ma senza strafare, anche perchè bastano Eder e Muriel per mettere in ginocchio un Carpi piccolo piccolo. Dall'82' Wszolek s.v.

Eder 7 – Tra voci di mercato ed il sogno Nazionale, il campionato dell’italo-brasiliano riparte nel migliore dei modi, ovvero con una doppietta. Prima il rigore e poi la papera di Brkic, gli consentono di iniziare già a più 2 nella classifica marcatori.

Muriel 7,5 – Quando è in una serata come questa può essere incontenibile per chiunque, specie per una squadra al suo esordio assoluto nella massima serie. E’ lui a conquistare il rigore dell’1-0, è lui dopo un dribbling secco a lasciare sul posto Spolli e battere Brkic, ed infine è sempre lui a timbrare la doppietta personale dopo una bella iniziativa di Cassani. Semplicemente devastante. Dal 75' Cassano s.v.

All. Zenga 6,5 – Dopo l’eliminazione dall’Europa League serviva una risposta immediata, anche per mettere a tacere le voci di un suo addio anticipato. La squadra lo segue e la coppia Muriel-Eder comincia a raccogliere i primi frutti: l’avversario, però, ha reso sicuramente il compito molto più semplice.

 

CARPI

Brkic 4,5 – Inizio di campionato da incubo per l’ex portiere del Cagliari. In poco più di mezz’ora, la sua porta viene colpita cinque volte, ma in almeno due occasioni ha più di qualche resposabilità.

Letizia 4,5 - Ingenuo prima nel farsi superare da Muriel e poi nell’atterrare in area di rigore lo stesso colombiano. Paga non poco lo scotto del salto in Serie A, un pò come tutta la squadra di Castori...Dal 70' Wallace 6 - L'ex nerazzurro entra a risultato già ampiamente acquisito ed incide poco.

Spolli 4,5 – Dopo la breve e deludente parentesi nella Roma, riparte come peggio non si potrebbe. Colpevole sul raddoppio di Muriel, va in totale confusione insieme a tutto il reparto difensivo emiliano.

Bubnjic 4,5 – Disorientato e svagato, partecipa senza quasi mai reagire all’imbarcata della propria squadra.

Gagliolo 5 – Anche lui esordiente come molti suoi compagni, vede arrivare avversari da tutte le parti. Dal 60' Di Gaudio 5,5 - Ha poche opportunità per farsi notare.

Matos 6 – Cerca di mettere in mostra le sue qualità offensive, ma in fase difensiva lascia completamente solo Letizia, quasi inerme di fronte alle scorribande dei blucerchiati. Nel finale sigla la rete del definitivo 5-2, firmando il suo primo gol in Serie A.

Porcari 5 – Prova a lottare in mezzo al campo, ma non lo seguo quasi nessuno. Dopo l’annata con il Novara, si aspettava un ritorno nella massima serie decisamente migliore.

Marrone 5 – Il centrocampo di casa fa praticamente quello che vuole e lui non riesce a prendere le necessarie contromisure. Nel finale di partita si conquista un calcio di rigore, che Lazzari si lascia neutralizzare da Viviano.

Gabriel Silva 4,5 – Un altro giocatore rispetto a quello ammirato nei primi tempi di Udine. Assente ingiustificato nella metà campo avversaria, insufficiente nei ripiegamenti difensivi.

Lazzari 6,5 – Dopo pochi minuti Lasagna gli serve un pallone invitante che però calcia a lato. E’ l’ultimo dei suoi a mollare: al 38esimo arpiona un lancio complicato e con il sinistro rende meno amaro il disastroso primo tempo del Carpi. Poco prima dell’intervallo, sfiora anche la doppietta personale con un colpo di testa a fin di palo. Nel finale fallisce il penalty che avrebbe reso meno pesante la sconfitta.

Lasagna 6 – Pochi palloni giocabili nel primo tempo, ma dà la sensazione comunque di poter impensierire la coppia non insuperabile dei centrali blucerchiati. La Sampdoria, però, prende il sopravvento e a quel punto le motivazioni vengono meno. Dal 56' Wilczek 5,5 - Ha una buona chance per riaprire la gara ma non la sfrutta.

All.: Castori 4,5 – Il salto in Serie A si paga, eccome se si paga. L’inizio della gara è forse lo scotto che neanche il tecnico marchigiano si sarebbe mai aspettato. Difesa assolutamente da bocciare e centrocampo completamente allo sbaraglio. Il tempo per rimediare, però, c’è, soprattutto sul fronte mercato.

Arbitro: Michael Fabbri 6,5 – Direzione arbitrale sostanzialmente semplice per il fischietto della sezione di Ravenna. Evidenti entrambi i rigori assegnati.

 

TABELLINO

SAMPDORIA-CARPI 5-2

Sampdoria (4-3-1-2): Viviano; Cassani, Silvestre, Coda, Regini; Barreto, Ivan, Fernando; Soriano (dall'82' Wszolek); Eder, Muriel (dal 75' Cassano). A disposizione: Brignoli, Puggioni, Zukanovic, Pereira, Moisander, Serinelli, Mesbah, Wszolek, Palombo, Bonazzoli, Oneto. All.: Zenga.

Carpi (4-4-1-1): Brkic; Letizia (dal 70' Wallace), Spolli, Bubnjic, Gagliolo (dal 60' Di Gaudio); Matos, Porcari, Marrone, Gabriel Silva; Lazzari; Lasagna (dal 56' Wilczek). A disp.: Benussi, Liotta, Romagnoli, F. Poli, Fedele, Martinho, Bianco, Pasciuti. All. Castori.

Arbitro: Fabbri

Marcatori: 14’ Eder (S), 21’, 31’ Muriel (S), 33’ Eder (S), 37’ Fernando (S), 38’ Lazzari (C), 88' Matos (C)

Ammoniti: 13’ Letizia (C), 35’ Porcari (C)

Espulsi:




Commenta con Facebook