• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter-Atalanta, Mancini: "Kondogbia tra i migliori al mondo. Da domani pensiamo a vincere"

Inter-Atalanta, Mancini: "Kondogbia tra i migliori al mondo. Da domani pensiamo a vincere"

Il tecnico in conferenza stampa alla vigilia del debutto ufficiale dei nerazzurri


Roberto Mancini (Getty Images)
Andrea Della Sala (Twitter: @dellas8427)

22/08/2015 16:00

INTER ATALANTA SERIE A MANCINI / MILANO - Domani l'Inter scenderà in campo a 'San Siro' per il debutto ufficiale in questa stagione. I nerazzurri avranno di fronte l'Atalanta di Reja nella prima giornata di Serie A. Il tecnico dei nerazzurri, Roberto Mancini, ha parlato in conferenza stampa delle news Inter: "Quando inizia il campionato tutti partono per il massimo traguardo. Sappiamo le nostre qualità, dipenderà da noi. Se saremo bravi, potremo lottare anche per lo Scudetto. Abbiamo una squadra competitiva, il lavoro dello scorso anno servirà. Abbiamo lavorato molto in campionato e questa è la base per il futuro. Dipenderà tanto da noi, da quello che saremo in grado di fare. Ora partiamo tutti alla pari poi vedremo. Il campionato si assesterà dopo 8-9 giornate, dovremo essere bravi a rimanere nel gruppo di testa". Sulla formazione di domani: "Hernanes sta abbastanza bene, decideremo domani dopo l'ultimo allenamento. Davanti siamo in tre, due giocheranno. Come vertice basso a centrocampo possono giocare sia Medel che Gnoukouri. Il cileno può fare anche l'interno, è molto eclettico".

L'allenatore dell'Inter ha parlato anche di calciomercato, in particolare delle trattative legate alle cessioni di Shaqiri e Kovacic e all'acquisto di Kondogbia: "E' entrato Geoffrey che credo che possa essere uno dei migliori centrocampisti al mondo. E' uscito Kovacic che non volevamo cedere, ma siamo stati costretti. Stesso discorso per Shaqiri:  Ci credevamo molto, ma poi ci siamo trovati in una situazione a luglio in cui siamo costretti a far cassa. Era l'unico che aveva offerte e non potevamo fare altro. Perdiamo un giocatore che in quel ruolo non abbiamo, ma era l'unica possibilità che avevamo per fare cassa. C'è un accordo con l'Uefa e siamo stati costretti a venderlo. Acquisti? Ne avevo chiesti nove, ma se ne arrivano dieci o undici non è un problema. Montoya?  Nessuno di noi ha mai dubitato in Montoya. Arriva da un campionato straniero, da una grandissima squadra, deve avere tempo per adattarsi". Sul precampionato: "I risultati delle partite estive non hanno grande importanza, servono per migliorare la condizione della squadra. E' impossibile arrivare pronti all'inizio del campionato. I gioccatori devono conoscersi e lo staff deve capire le situazioni di gioco migliori. Non si pensa al risultato nel precampionato, non conta niente. Da domani contano i tre punti e sarà importante vincere. La squadra, come tutte le altre, non è oltre al 60% di condizione".

 

 

 

 




Commenta con Facebook