• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Calciomercato Milan, Menez: "Resto. Con Ibrahimovic è obiettivo Scudetto"

Calciomercato Milan, Menez: "Resto. Con Ibrahimovic è obiettivo Scudetto"

L'attaccante francese chiama a Milano il suo ex compagno di squadra


Jeremy Menez ©Getty Images
Stefano D'Alessio (Twitter: @SDAlessio)

29/07/2015 07:45

CALCIOMERCATO MILAN INTERVISTA MENEZ AL CORRIERE DELLO SPORT / MILANO - L'edizione odierna del 'Corriere dello Sport' propone una lunga intervista a Jeremy Menez tra calciomercato Milan e obiettivi per la stagione 2015/2016.

FUTURO - Apertura dedicata al calciomercato: "Sono i giornalisti francesi e inglesi che vogliono che vada via da Milano, io sto bene qua e non ho intenzione di andarmene. Io sono il calciatore preferito del presidente Silvio Berlusconi? Lui capisce di calcio, per questo gli piace il mio gioco (ride, n.d.r.)".

BACCA, LUIZ ADRIANO E... IBRAHIMOVIC - "Bacca ha segnato tanto col Siviglia, Luiz Adriano ha aiutato parecchio lo Shakhtar anche in Champions. Speriamo si ripetano al Milan. Con Ibrahimovic, il Milan sarebbe da Scudetto, è uno dei più forti al mondo. Con lui, a Parigi, il rapporto era ottimo, sono state dette tante bugie su questo".

BILANCIO 2014/2015 - "E' un bilancio negativo perché non siamo arrivati né in Champions né in Europa League. Mi pesa non giocare in Europa. A livello di gol, per me, è stata l'annata migliore, ma a me non basta segnare: conta più fare un assist ed essere utile alla vittoria della squadra. La prossima stagione spero di fare ancora meglio".

MIHAJLOVIC E NUOVO RUOLO - "Di Mihajlovic ho avuto subito una buona impressione. Mi ricorda Spalletti per il lavoro sulla corsa e sui movimenti. Ruolo? Ho già parlato con l'allenatore, sono a sua disposizione. Non ho disimparato a giocare dietro le punte o a sinistra, sono due posizioni che mi piacciono almeno quanto fare la prima punta".

NAZIONALE - "Devo far vedere il mio valore meritarmi la Nazionale. E' passato un po' troppo tempo dalla mia ultima convocazione. So che Deschamps mi segue e sta a me metterlo in difficoltà. Voglio continuare a dare il massimo per non avere rimpianti".




Commenta con Facebook