• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > Napoli, Gabbiadini: "Higuain non si tocca. Ruolo? Mi piace giocare vicino alla porta"

Napoli, Gabbiadini: "Higuain non si tocca. Ruolo? Mi piace giocare vicino alla porta"

L'attaccante azzurro parla del ritiro e della prossima stagione


Manolo Gabbiadini (Getty Images)
Bruno De Santis (@Bruno_De_Santis)

28/07/2015 15:21

NAPOLI GABBIADINI HIGUAIN RUOLO / DIMARO - Dal ritiro di Dimaro, Manolo Gabbiadini risponde alle domande su tutte le news Napoli del momento: dall'arrivo di Sarri al ritorno di Higuain, fino al calendario sorteggiato ieri. A 'Kiss Kiss Napoli', l'attaccante azzurro afferma: "I tifosi apprezzano il fatto che mi impegno sempre al massimo, la mia semplicità ma sicuramente anche per i gol fatti. La Juventus? Non è che mi ha mollato, le decisioni si prendono in due: ho deciso di venire a Napoli e sono contento di averlo fatto. La maglia della Juventus non l'ho mai indossata e non la sentivo dentro". 

MODULO E RUOLO - "Mi piace giocare vicino alla porta perché è più facile fare gol ed è la mia posizione naturale, quella fatta fin da bambino. Quindi mi trovo avvantaggiato. Comunque per me è indifferente: preferisco stare vicino alla porta ma l'importante è far bene, dare sempre il 100% e cercare di fare gol". 

BILANCIO RITIRO - "Il bilancio è buono: abbiamo fatto due partite e se anche non abbiamo fatto benissimo per novanta minuti, si è già intravisto il gioco che vuole il mister. Ci vorrà un altro po' di tempo ma per il campionato saremo pronti". 

PRIMO GOL AZZURRO - "Subito dopo il primo gol non ho sentito molto l'emozione. Mi faccio prendere di più quando sto in panchina e vedo gli altri segnare o a rivedere i filmati. In campo penso solo a giocare". 

GIOVANI ITALIANI - "La scelta giusta è punta sui giovani italiani: si cerca sempre di pescare in paesi lontani, pagando troppo calciatori che neanche si conoscono. Dovrebbe essere data più fiducia ai calciatori italiani". 

NAZIONALE - "Il Napoli può aiutarmi: ogni domenica darò il massimo in campo per me, per il Napoli e per i tifosi". 

MODELLO DI ATTACCANTE - "Mi piaceva molto Milito anche se sono molto diverso da lui". 

HIGUAIN - L'estate azzurra è stata caratterizzata dalle voci di calciomercato sul 'Pipita' Higuain, ora spente dopo il rientro anticipato dell'argentino delle vacanze e il rinnovo vicino: "E' una brava persona e in campo è un campione. Si dice tanto su di lui ultimamente, soprattutto per gli errori dal dischetto ma ne ha anche segnati tanti. Uno come lui non si tocca, non si può discutere. Io rigorista? No, se c'è in campo Higuain li tirerà lui. Ne ha sbagliati ma anche segnati tanti". 

CALENDARIO - "Non lo ritengo molto importante, prima o poi si affrontano tutte e vanno affrontate tutte le squadre con la stessa mentalità". 




Commenta con Facebook