• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Roma, Castan: "Per me è una stagione speciale, qui conta solo vincere"

Roma, Castan: "Per me è una stagione speciale, qui conta solo vincere"

Il brasiliano: "Il 26 maggio è ancora nella mia testa, la partita più brutta della mia carriera"


Leandro Castan (Getty Images)

23/07/2015 09:25

NEWS ROMA CASTAN GARCIA / MELBOURNE (Australia) - Tra le news Roma migliori in vista della prossima stagione c'è senza dubbio il ritorno a pieno regime di Leandro Castan, 28enne difensore brasiliano che ha saltato tutta la scorsa stagione per l'operazione alla testa subita a dicembre. Un colpo importante anche in ottica calciomercato, perché la Roma non ha di fatto la necessità di trovare un nuovo difensore centrale. Del passato e soprattutto del futuro ha parlato oggi Castan in un'intervista al 'Corriere dello Sport'. "Per me inizia una stagione speciale. Sono rimasto un anno fuori, mi sento ogni giorno meglio e voglio che questa sia la migliore stagione della mia vita. - le sue parole - Dalla prima partita di Pinzolo ho fatto molti progressi, quel giorno mi ero un po' perso dentro il campo. Contro Real e City credo di essere andato bene, erano bei test anche a livello di concentrazione. La velocità è la cosa più difficile da ritrovare dopo un anno fermo: sembra che tu stai con la Smart e gli altri sulla Ferrari".

GARCIA - "Lo ringrazio davvero, mi è stato molto vicino. Ora lo ringrazio perché mi tratta come un giocatore normale. Non sopporto chi mi vede in modo diverso. Lui mi critica e mi rimprovera come fa con tutti, se deve essere duro lo è".

SCUDETTO - Quando indossi la maglia della Roma devi pensare solo a vincere, ma ora è sbagliato mettere troppa pressione sulla squadra. Ho rivisto la viglia di vincere che c'era in questa squadra: ho ancora tre anni di contratto, non vincere nulla qui sarebbe la delusione più grande della mia carriera".

26 MAGGIO - "Quel derby è ancora nella mia testa, è stata la partita più brutta della mia carriera. Ho perso poche finali, ma quella non mi va giù".




Commenta con Facebook