• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > TDM - Tattica del Mercato > TATTICA DEL MERCATO - Juventus, Julian Draxler: il '10' per l'attacco di Allegri

TATTICA DEL MERCATO - Juventus, Julian Draxler: il '10' per l'attacco di Allegri

L'analisi di Calciomercato.it sui protagonisti del mercato: riflettori accesi sul trequartista dello Schalke


Julian Draxler (Getty Images)
Bruno De Santis (@Bruno_De_Santis)

22/07/2015 16:30

TATTICA DEL MERCATO JUVENTUS DRAXLER SCHALKE / ROMA – A.A.A. cercasi numero dieci: è il trequartista il grande obiettivo del calciomercato Juventus. Dopo la cessione (fatta ma ancora da ufficializzare) di Arturo Vidal al Bayern Monaco, i bianconeri hanno bisogno di un fantasista da collocare dietro la coppia di attacco nel 4-3-1-2 varato da Allegri nella scorsa stagione. Marotta durante la conferenza stampa di inizio stagione è stato chiaro: "Proveremo a fare il prima possibile". E' di bruciare i tempi Julian Draxler se ne intende: il più giovane calciatore ad esordire in Bundesliga con la maglia dello Schalke, oltre che uno dei più giovani in assoluto del campionato tedesco. E' lui l'alternativa a Mario Goetze che i bianconeri proveranno a portare in Italia nell'ultimo mese di calciomercato. Julian Draxler sembra essere l'obiettivo più facile da raggiungere per la Juventus tra quelli indicati da Massimiliano Allegri: scopriamo insieme le sue caratteristiche nella nostra rubrica 'Tattica del Mercato'.

BIOGRAFIA DI JULIAN DRAXLER, IL NUMERO 10 SEGUITO DALLA JUVENTUS

Julian Draxler nasce a Gladbeck, in Germania, il 20 settembre 1993. Dopo aver iniziato a calcare i campi di gioco con le maglie di del BV Rentfort e del SSV Buer, all'età di 8 anni sbarca allo Schalke, squadra nella quale farà tutta la trafila delle giovanili prima di sbarcare nella formazione maggiore. L'esordio in prima squadra è datato 15 gennaio 2011 contro l'Amburgo: con la sua discesa in campo, Draxler diventa il più giovane calciatore ad aver esordito con lo Schalke e uno dei più giovani di tutta la storia della Bundesliga. Per il primo gol bisogna aspettare solo qualche giorno: il 25 gennaio dello stesso anno firma la rete della vittoria contro il Norimberga nei quarti di finale di coppa di Gennaio. Nella stessa stagione fa anche il suo esordio in Champions League, competizione nella quale colleziona al primo anno sei presenze. In totale con lo Schalke ha collezionato oltre 100 presenze in Bundesliga realizzando 17 gol, mentre in Champions le presenze sono più di venti con 4 reti all'attivo. 

Per Draxler l'esordio con la maglia della Germania è datato 26 maggio 2012, nella sfida con la Svizzera, dopo aver giocato in tutte le rappresentative giovanili dall'under 18 a salire. In totale con la nazionale tedesca maggiore ha collezionato 15 presenze e 1 gol, partecipando anche alla vittoria del Mondiale in Brasile

CARATTERISTICHE TECNICO-TATTICHE DI JULIAN DRAXLER

Alto 1,87 per 75 Kg, fisicamente molto dotato, Julian Draxler è capace di utilizzare allo stesso modo sia il destro che il sinistro. Trequartista, può giostrare con naturalezza sia al centro che come esterno offensivo, sia sull'out mancino che su quello destro e in caso di necessità può essere impiegato anche come centrale di centrocampo. Molto abile a livello tecnico, sfrutta questa sua capacità per servire preziosi assist ai compagni di squadra. Tra le sue caratteristiche principali ci sono sicuramente il dribbling e il tiro da fuori. 

JULIAN DRAXLER E' UN CALCIATORE ADATTO ALLA JUVENTUS?

Giovane, forte ed eclettico: se è questo l'identikit ricercato dalla Juventus per i nuovi acquisti, Julian Draxler ha il profilo giusto per la formazione di Massimiliano Allegri. Appena 21 anni ma già una discreta esperienza alle spalle, il trequartista dello Schalke avrebbe le caratteristiche ideale per piazzarsi dietro alla coppia gol scelta dal tecnico bianconero. La sua duttilità tattica consentirebbe all'allenatore toscano anche di cambiare modulo in corso d'opera passando, ad esempio, dal 4-3-1-2 al 4-3-3 con il tedesco che potrebbe agire su una delle due fasce. Insomma, Draxler ha tutto per mettersi sulle spalle il numero 10 e provare a non far pesare più di tanto la partenza di Tevez




Commenta con Facebook