• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan, una difesa da blindare: Mihajlovic studia le altenative in attesa di Romagnoli

Milan, una difesa da blindare: Mihajlovic studia le altenative in attesa di Romagnoli

Al momento è difficile individuare i quattro titolari che schiererà il tecnico serbo


Sinisa Mihajlovic (Getty Images)
Martin Sartorio (Twitter: @SartorioMartin)

16/07/2015 19:21

MILAN MIHAJLOVIC DIFESA ROMAGNOLI/ ROMA - In attesa di capire se il Milan riuscirà a piazzare il colpo Romagnoli, Sinisa Mihajlovic lavora alla ricerca dell'assetto migliore in difesa. Al momento, infatti, non sembrano esserci calciatori sicuri di un posto da titolare. Sugli esterni Abate, De Sciglio e Antonelli hanno le stesse possibilità di guadagnarsi una maglia. L'ex Genoa, però, sembra avvantaggiato dal fatto di essere l'unico mancino naturale. Una sfida tra i tre che interessa da vicino anche Antonio Conte. A giocarsi una convocazione in Nazionale è anche Gabriel Paletta. L'ex Parma per convincere il ct azzurro dovrà riuscire a battere la folta concorrenza. L'italo-argentino si giocherà una maglia al Milan con Mexes, Zapata, Alex ed Ely. Tutti al momento sembrano partire alla pari, con il giovane brasiliano qualche passo indietro vista la poca esperienza in serie A. Il francese ha dalla sua la simpatia di Berlusconi e la grande espierenza. Per l'ex Psg molto, invece, dipenderà dalla condizione fisica. L'ultima stagione è stato spesso fermato dagli infortuni. Il colombiano, infine, può imporsi grazie alle sue caratteristiche, diverse da quelle della concorrenza. Sinisa Mihajlovic avrà tutta l'estate per capire chi schierare a protezione di Diego Lopez. Da qui, certamente, ripartirà la risalita del Milan.




Commenta con Facebook