• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Estero > SOCCER FEVER - Top, Flop e uomini mercato della Week 19 della MLS

SOCCER FEVER - Top, Flop e uomini mercato della Week 19 della MLS

Calciomercato.it vi propone un focus sul calcio a stelle e strisce


Sebastian Giovinco ©Getty Images
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

16/07/2015 09:00

SOCCER FEVER MLS WEEK 19 / ROMA - Appuntamento settimanale di Calciomercato.it che vi offre un approfondimento sulla week 19 della MLS, il massimo campionato statunitense con i top, i flop e gli uomini mercato, oltre alla top 11 della settimana.


Nella corsa al Supporter's Shield, il D.C. United rimane la squadra favorita. Dietro perdono sia i Seattle Sounders di Sigi Schmid (sconfitta di misura con i Chicago Fire) che i Vancouver Whitecaps, sconfitti in casa dallo Sporting Kansas City. Passo falso anche per i Portland Timbers di Caleb Porter: la franchigia dell'Oregon viene letteralmente travolta da Philadelphia che vince 3-0, con Nogueira e Maidana scatenati. Nella Eastern Conference al secondo posto ci sono i New York Red Bulls di Jesse Marsch. Un 'piccolo Barcellona' per possesso palla e giocate palla a terra. Ne sanno qualcosa i New England Revolution che vengono spazzati via per 4-1. Pirotecnica anche la gara dei cugini dei Red Bulls, il New York City. Allo 'Yankee Stadium' finisce 4-4 contro Toronto. In vetrina David Villa e Sebastian Giovinco, assoluti protagonisti insieme all'arbitro Ted Unkel, che ha decretato 4 calci di rigore. Per i play-off sarà battaglia ad est, con Columbus ed Orlando che perdono (rispettivamente contro Montreal Impact e Dallas) accorciando la classifica. Ad ovest gli Houston Dynamo prendono una boccata d'ossigeno espugnando San José. In coda i Colorado Rapids vincono lo scontro diretto con il Real Salt Lake.


TOP - Riflettori puntati sullo 'Yankee Stadium' dove New York City-Toronto significa Giovinco contro David Villa. Tre gol per la 'Formica Atomica' (nominata player of the week) che sale a quota 11 gol, uno in più del 'Guaje'. Entrambi, curiosamente, hanno anche sbagliato un rigore. L'altra metà della 'Grande Mela' vede la prova eccezionale del veterano Lloyd Sam e del solito Bradley Wright-Phillips. Stelle argentine illuminano Philadelphia e Dallas: stiamo parlando di Maidana e Mauro Diaz, trascinatori dai piedi buoni. A Montreal, Oduro si rende protagonista di una doppietta ma sorprende sempre di più la costanza di Marco Donadel: padrone del centrocampo e stoccatore di assoluto rispetto (che gol dalla distanza!). Se lo Sporting Kansas City riesce ad espugnare Vancouver lo deve soprattutto all'ungherese Nemeth, meteora nel Liverpool di Rafa Benitez ed autore di una prova da 'man of the match'.


FLOP - I San José Earthquakes possono puntare il dito su Sanna Nyassi, attaccante esterno che non punge e difensivamente compie disatri: Beasley lo salta sempre e da una sua giocata sciagurata nasce il 2-0 di Houston. Nel 4-1 dei Red Bulls sui New England Revolution spicca il recidivo centrale Gonçalves: inguardabile e addirittura espulso. Ancora sul banco degli imputati Pogatetz dei Columbus Crew. Se Montreal passeggia sulla franchigia dell'Ohio la colpa è anche sua. Ad Orlando va in difficoltà il baluardo irlandese St.Ledger, finora uno dei migliori. Pesantissimo anche l'errore dal dischetto di Rivas che poteva riaprire i giochi contro Dallas. Sciocchezza clamorosa di Jaime del Real Salt Lake: manata all'avversario a gioco fermo e rosso diretto. Il risultato era di 1-1 ma in superiorità numerica i Rapids vinceranno. Meritava lo stesso epilogo anche la 'follia' di Espinoza in Vancouver Whitecaps-Sporting Kansas City: un minuto di follia da censurare. Menzione a parte per il fischietto Ted Unkel che in New York City-Toronto ha decretato la bellezza di 4 calci di rigore, alcuni evitabili. La classe arbitrale statunitense può fare di meglio.


CONSIGLI DI MERCATO - Sei gol e sette assist in 18 partite disputate. Stiamo parlando di Fabian Castillo, esterno d'attacco del Dallas Fc di Oscar Pareja. Colombiano, classe '92, è cresciuto nel Deportivo Calì che lo ha poi venduto alla franchigia texana nel 2011. Qui è la stella assieme a Mauro Diaz. Con l'argentino l'intesa in campo è formidabile perché Castillo sa dare del tu al pallone. Ambidestro, abile a giocare sia in un 4-3-3 che in un 4-2-3-1 (modulo preferito da Pareja) è velocissimo, tecnico e formidabile nel dribbling stretto. Giocatore di assoluto livello in un campionato come l'Mls, può ambire anche a palcoscenici importanti, anche se José Pekerman non l'ha ancora chiamato nella nazionale 'cafetera'.


TOP 11 (3-4-3): Melia (Sporting Kansas City); Miazga (New York Red Bulls), Hedges, (Fc Dallas), Toia (Montreal Impact); Sam (New York Red Bulls), Nogueira (Philadelphia Union), Mustivar (Sporting Kansas City), Maidana (Philadelphia Union); Bruin (Houston Dynamo), Giovinco (Toronto Fc), Villa (New York City). All. Jim Curtin (Philadelphia Union).




Commenta con Facebook