• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Benessere > Benessere, ecco i dieci consigli per ottenere l’aumento di stipendio dal capo

Benessere, ecco i dieci consigli per ottenere l’aumento di stipendio dal capo

Da “curare l’aspetto” a “trovare il momento giusto”: il decalogo degli esperti del recruitment


A lavoro (Getty Images)

15/07/2015 19:46

BENESSERE 10 CONSIGLI AUMENTO STIPENDIO / ROMA - Chiedere al proprio capo un aumento di stipendio non è mai facile, soprattutto in tempi di crisi. Il “non è il momento” secondo gli esperti di Hays Executive, la divisione del Gruppo Hays specializzata nel recruitment di figure dirigenziali, non è un buon motivo per rinunciare, in partenza, ad avanzare la richiesta, perché se ottenere l’aumento di stipendio non è cosa facile, non è però neppure impossibile.

Grazie all’esperienza sul campo, gli esperti nel recruitment hanno stilato una lista di 10 consigli da seguire per chi vorrebbe chiedere e ottenere qualche soldo in più in busta paga dello stipendio.

Il decalogo degli esperti:

1.Valutare le condizioni economiche dell’azienda: se le condizioni dell’azienda non sono buone e alcuni colleghi rischiano il licenziamento è opportuno attendere tempi migliori ed evitare di chiedere un aumento di stipendio e rischiare di ricevere un secco “no”.

2.Raccogliere dati su posizioni simili: fare un’indagine (su siti o riviste di settore) preventiva alla richiesta di aumento, per capire se lo stipendio percepito è in linea con quanto guadagnano dai “pari grado” in Italia o in Europa e se esiste, quindi, margine per un incremento salariale.

3.Giustificare la richiesta e stabilire l’ammontare della cifra da raggiungere: la richiesta deve essere motivata quindi bisogna tenere ben presenti quali sono i punti di forza del lavoratore oltre ai risultati raggiunti e i problemi risolti. Avere già in mente, inoltre, la cifra da richiedere permette di tenere in pugno la trattativa.

4.Trovare il momento giusto per parlare con il proprio capo: è opportuno non improvvisare un incontro per parlare di una questione delicata come lo stipendio. Il consiglio è di chiedere per tempo un appuntamento e, nel caso, rinviarlo se si percepisce che il superiore sta affrontando un periodo di particolare stress. È fondamentale che il capo sia ben disposto e rilassato.

5.Curare l’aspetto: evitare abiti eleganti e fuori luogo e optare per qualcosa di semplice, ma curato.

6.Tenere a bada le emozioni: gli aumenti di salario vengono concessi a chi se li merita e non a chi ha bisogno di denaro in più quindi meglio evitare lamentele o rivendicazioni. Mantenere inoltre un certo self control e un’attitudine positiva per esporre le ragioni della richiesta con successo.

7.Chiedere al capo cosa si può fare per migliorare: se l’incontro non sembra andare verso la giusta direzione bisogna mostrarsi ben disposti ad avere una maggiore mole di lavoro o responsabilità in più. Questa predisposizione potrebbe spostare gli equilibri verso il “sì”.

8.Ringraziare comunque per il tempo e la disponibilità dimostrata: qualunque sia l’esito dell’incontro è consigliabile scrivere una e-mail di ringraziamento al proprio capo. Oltre ad essere un gesto di buona educazione è segnale di maturità e responsabilità che potrebbero tornare utile in futuro.

9.Non vantarsi con i colleghi del risultato ottenuto: se, al contrario, il risultato è stato raggiunto,  meglio evitare di vantarsi con i colleghi. Si potrebbe causare malcontento in azienda e il capo rischierebbe di essere subissato di richieste di aumento dal resto dello staff. Non si confrontano mai le buste paga, non è educato.

10.Non deludere in alcun modo la fiducia dei superiori: dopo aver raggiunto l’obiettivo tanto desiderato non rallentare il ritmo. Meglio preservare credibilità e professionalità.

S.C.




Commenta con Facebook