• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Calciomercato Juventus, da Haller a Khedira: i grandi tedeschi acquistati dai bianconeri

Calciomercato Juventus, da Haller a Khedira: i grandi tedeschi acquistati dai bianconeri

La storia della colonia arrivata dalla Germania fino a Torino


Sami Khedira (Getty Images)
Silvio Frantellizzi (Twitter: @SilFrantellizzi)

15/07/2015 17:46

CALCIOMERCATO JUVENTUS HALLER KHEDIRA HASSLER/ ROMA - Con l'ingaggio di Sami Khedira a parametro zero dopo la fine del contratto che lo legava al Real Madrid, la Juventus è andata arricchire la lista dei calciatori tedeschi che hanno vestito la casacca bianconera nella storia ultracentenaria della 'Vecchia Signora'. Con lui, sono in tutto otto i giocatori arrivati a Torino dalla Germania.

Il pioniere fu Josef Edmund Hess, passato alla storia come Giuseppe: padre originario della Prussia Renana e madre di Francoforte il terzino nacque a Torino e acquisì cittadinanza italiana. Con la Juventus collezionò appena 19 presenze in tre stagioni, ma a fine carriera divenne dirigente bianconero, ricoprendo anche la carpica di presidente dal 1913 al 1915. Di Hans Mayer Heugerger si ricorda solo una fugace apparizione (datata 1909), ma lo stesso non si può dire di Helmut Haller, uno dei più grandi calciatori tedeschi insieme a Matthaus e Klose ad aver mai calcato i campi italiani. La Juventus lo acquistò dal Bologna (dove aveva vinto lo storico scudetto dello spareggio contro l'Inter) nel 1968: con la maglia bianconera, 'Helmuttone'si laureò campione d'Italia nel '72 e nel '73, perdendo anche una finale di Coppa dei Campioni contro la grande Ajax di Crujiff.

Alla riapertura delle frontiere del calciomercato negli anni '80, la Juventus concentrò i propri sforzi verso l'irlandese Brady prima, il francese Platini e il polacco Boniek poi. Per rivedere un tedesco a Torino bisogna aspettare gli anni '90. Sfortunata l'esperienza di Thomas Hassler, strappato al Colonia ma arrivato in bianconero nella disastrosa stagione con Maifredi in panchina, meglio le avventure di Stefan Reuter, Andy Moeller e Jurgen Kohler: i primi due vinsero una Coppa UEFA con Trapattoni, il terzo riuscì anche a centrare lo Scudetto del 1995, il primo anno di Lippi. Tutti e tre ceduti al Borussia Dortmund, si presero un'enorme rivincita contro la Juventus, battuta nella finale di Champions League del 1997.




Commenta con Facebook