• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > I Craque del momento > I CRAQUE DEL MOMENTO - Cile, Alexis Sanchez: l'instancabile 'Niño Maravilla'

I CRAQUE DEL MOMENTO - Cile, Alexis Sanchez: l'instancabile 'Niño Maravilla'

L'attaccante dell'Arsenal ha realizzato il rigore decisivo nella finale di Coppa America con l'Argentina


Sanchez (Getty Images)
Andrea Della Sala (Twitter: @dellas8427)

06/07/2015 11:48

CRAQUE DEL MOMENTO SANCHEZ CILE COPPA AMERICA ARSENAL / LONDRA (Inghilterra) - E' lui l'eroe della finale di Coppa America. Se Edu Vargas è stato il capocannoniere del Cile, Alexis Sanchez si è preso la briga di realizzare, con un cucchiaio, il rigore che regalato il torneo alla 'Roja'. L'attaccante dell'Arsenal viene da una stagione da grandi numeri, da vero stakanovista: ha iniziato l'annata il 6 settembre 2014 e ha chiusto proprio il 4 luglio 2015 con la finale contro l'Argentina di Messi contando all'attivo tra nazionale e club la bellezza di 67 presenze condite da 28 gol e ben 13 assist. Il ruolino di marcia di Sanchez è impressionante, 52 presenze con l'Arsenal, avendo partecipato a Premier League, Community Shield, Champions League, FA Cup e League Cup, sempre in campo e sempre decisivo. Ovviamente, dopo aver dato tutto con i 'Gunners', non poteva mancare l'appuntamento con il suo Cile nella Coppa America che ha giocato in casa e nella quale ha voluto mettere il sigillo del vincente, calciando con grande freddeza un rigore carico di tante responsabilità.

Alexis Sanchez nasce a Tocopilla il 19 dicembre del 1988 e tira i suoi primi calci da professionista nel Cobreloa. Nel 2006 il passaggio all'Udinese, ma il club friulano preferisce prima girarlo in prestito al Colo Colo e poi al River Plate, per poi farlo tornare in Italia due anni dopo. In Italia ha la sua definitiva consacrazione con la maglia bianconera, tanto da attirare l'attenzione di un club come il Barcellona che nel 2011 lo acquista per una cifra intorno ai 37 milioni di euro. Dal 2011 al 2014 le 39 reti in 88 presenze con la maglia blaugrana non gli valgono la riconferma, così l'Arsenal selo aggiudica per 48 milioni e ne fa uno degli elementi fondamentali della formazione di Wenger




Commenta con Facebook