• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, Mancini: "Kondogbia come Iniesta, obiettivo Scudetto. Mihajlovic..."

Inter, Mancini: "Kondogbia come Iniesta, obiettivo Scudetto. Mihajlovic..."

L'allenatore nerazzurro ha parlato anche di Salah, Perisic, Kovacic, Handanovic...


Roberto Mancini (Getty Images)
Matteo Torre (@torrelocchetta)

03/07/2015 17:00

INTER MANCINI CONFERENZA STAMPA / APPIANO GENTILE - Roberto Mancini è pronto a inaugurare la nuova stagione dell'Inter. L'allenatore nerazzurro è intervenuto in conferenza stampa presso il centro sportivo 'Angelo Moratti': dopodomani la partenza per il ritiro di Riscone di Brunico. Calciomercato.it ha seguito le sue dichiarazioni in tempo reale.

Mancini esordisce: "Fino ad oggi hanno lavorato bene, la strada è quella giusta, speriamo che continuino così (i dirigenti sul calciomercato Inter, ndr). Gli obiettivi fissati prima del mercato sono stati quasi tutti raggiunti, ci siamo. C'è grande voglia di tornare a essere protagonisti come l'Inter merita: bisognerà lavorare tanto e i ragazzi lo sanno che ci vorranno dei sacrifici".

KONDOGBIA - "Credo che possa diventare tra i più forti centrocampisti al mondo. Ha enormi margini di miglioramento, può diventare come Iniesta e Yaya Touré".

SCUDETTO - "Il campo dà il giudizio finale, puoi cambiare anche 7 giocatori. Sono contento che siano rimasti diversi calciatori dell'anno scorso, migliorati molto nonostante gli obiettivi non centrati. Ora sta a noi lavorare e fare questi due mesi molto intensi e duri per iniziare bene e fare una stagione importante. Siamo l'Inter, il nostro obiettivo è sempre il massimo, cioè quello lì (lo Scudetto, ndr). Non partiamo in testa, c'è la Juventus che vince da diversi anni, ma non vedo un divario così enorme".

MIHAJLOVIC - "Ha parlato da milanista vero? E' il nostro lavoro. Sono felice che sia al Milan, è un grande amico e un grande allenatore, sono contento che Milan e Inter possano tornare protagoniste in campionato perché anche i rossoneri stanno facendo cose buone. Spero che faccia bene ma che arrivi dopo di noi".

SALAH, PERISIC, JOVETIC - "Jovetic è del Manchester City, Salah non so di chi sia, Perisic è del Wolfsburg. Su Salah non ho la minima idea e non posso neanche esprimermi, non ci ho né abbiamo mai parlato. Perisic so che è in trattativa, su Jovetic non so se sia partita. Sono calciatori molto bravi. Finché non si riesce a capire la situazione di Salah non si può parlare di lui, non possiamo fare niente. Quando sarà sul mercato e si capirà in che situazione poter andare si potrà iniziare a parlare. Avete visto tutti cosa ha dimostrato alla Fiorentina in sei mesi, ma in questo momento non possiamo accostarlo all'Inter".

MODULO - "Non c'è un modulo vincente, sarebbe troppo semplice. Bisogna adattarsi ai calciatori che si riesce a prendere. La difesa resterà quella, il centrocampo quasi sempre a tre, poi il tridente o il trequartista dietro le punte cambiano poco".

KOVACIC - "E' dell'Inter in questo momento, un grandissimo giocatore su cui facciamo affidamento".

JUVENTUS - "Quanto perde senza Tevez e Pirlo? E' chiaro che loro due portano tanta qualità ed esperienza. Qualcosa perde la Juve, ma ha inserito altri calciatori di qualità. Forse all'inizio perderà qualcosa, speriamo che perdano qualcosa di importante".

CESSIONI - "Bisogna avere 25 giocatori e siamo tanti, quindi pur a malincuore bisognerà fare qualcosa. Fosse per me li terrei tutti ma non potremmo inserirli in rosa, ora siamo oltre 30".

YAYA TOURE' - "Deluso da lui? No, gli voglio bene. Non siamo riusciti a parlarci, ci siamo mandati 7-8 messaggi dicendoci 'ti chiamo io, ti chiamo io' e non ci siamo mai chiamati (ride, ndr). Ho capito che qualcuno dall'alto lo ha convinto a restare. Gli faccio un in bocca al lupo, per me oltre che un grandissimo calciatore è qualcosa di particolare".

PUSCAS - "Abbiamo già deciso chi resterà. Puscas è giovane e diventerà probabilmente tra i migliori centravanti d'Europa, ma se deve stare qui e non giocare mai diventa un problema. Lo valuteremo ma non è detto che vada via".

MERCATO - "Sono felice fin qui, ma ci sono altri due mesi e credo che arriveranno altri calciatori".

SANTON E SHAQIRI - "Santon ottimo calciatore, migliorato rispetto all'anno scorso. Shaqiri anche è un ottimo giocatore, ma dobbiamo fare una lista da 25 giocatori e sfortunatamente dovremo vendere alcuni giocatori. Sono entrambi buoni per la Premier League".

CAPITANO - "Un altro capitano con Ranocchia in panchina? Deciderò io, vedremo la situazione migliore per la squadra. Abbiamo preso calciatori con grande esperienza internazionale, poi vedremo chi potrà essere capitano. Se Ranocchia giocherà benissimo sarà titolare e capitano".

VICE ICARDI - "Siamo numericamente pochi in attacco, cerchiamo calciatori che possano giocare in ogni ruolo là davanti, sia da esterni che da centravanti".

HANDANOVIC - "Il mancato rinnovo non mi preoccupa assolutamente".

ANCORA SALAH - "Se l'ho chiamato? Ho esaurito il credito, ho chiamato tanti calciatori quest'estate..."

ALVAREZ - "Non conosco la situazione ma credo che il Sunderland l'abbia riscattato".

MARIO SUAREZ E FELIPE MELO - "Sono bravi e potrebbero dare una mano. Difficile dire chi sia più o meno bravo".

THOHIR - "Sta facendo grandi sforzi economici e ne farà altri, ci tiene molto a che l'Inter torni protagonista".

SENZA EUROPA - "Mi sarebbe piaciuto fare le Coppe anche se l'Europa League di giovedì crea difficoltà per il campionato".

RINASCE LA SERIE A? - "Spero che torni il campionato di tanti anni fa, con i migliori giocatori al mondo. Col tempo spero che possiamo tornare i migliori. Quest'anno sono arrivati giocatori bravi quindi speriamo di sì".

BIABIANY - "E' un giocatore dell'Inter, sta lavorando da un mese. Ha debuttato con me tanti anni fa, spero che possa essere utile per noi. Può rimanere".

NAGATOMO - "Se troverà spazio con i nuovi acquisti imponenti? Abbiamo preso calciatori fisicamente possenti al centro della difesa, quindi... In questo momento non è destinato ad andar via, ho grande stima di lui perché è un bravissimo ragazzo oltreché un calciatore bravo e serio. Poi vedremo cosa accadrà anche per lui in futuro".




Commenta con Facebook