• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Palermo > Calciomercato Palermo, ESCLUSIVO: insidie per Calleri. Porto e Villarreal in agguato

Calciomercato Palermo, ESCLUSIVO: insidie per Calleri. Porto e Villarreal in agguato

Il giocatore del Boca Juniors al centro di molte voci di mercato


Jonathan Calleri ©Getty Images
ESCLUSIVO
Alessio Lento (@lentuzzo)

30/06/2015 13:44

CALCIOMERCATO PALERMO CALLERI PORTO VILLARREAL BOCA ESCLUSIVO / ROMA - Dopo la trattativa sfumata per Viviani (vicino al Verona), in casa Palermo si guarda con attenzione all'evolversi della situazione legata a Jonathan Calleri. L'attaccante del Boca Juniors è l'obiettivo numero uno del club rosanero per sostituire Paulo Dybala, finito alla Juventus. Come vi raccontiamo da settimane, la situazione per il 21enne calciatore argentino vive una fase di stallo con la società di Zamparini indispettita dall'atteggiamento del Boca. Gli ultimi contatti non hanno portato alla fumata bianca e, nel frattempo, altri club si stanno muovendo per accaparrarsi il bomber sudamericano.

Stando alle indiscrezioni raccolte da Calciomercato.it, Porto e Villarreal sono, allo stato attuale, le squadre più interessate a Calleri. Entrambi i club hanno già presentato le loro offerte alla dirigenza degli 'Xeneizes': la cifra proposta per il cartellino del giocatore si aggira sugli 8 milioni di euro. E' facile immaginare come il Palermo, nei prossimi giorni, tenterà di superare la concorrenza cercando di chiudere il cerchio con la società argentina, in questi giorni in Italia dove ha definito il ritorno a 'casa' di Carlitos Tevez dalla Juventus. Porto e Villarreal in agguto, ma il Palermo non si farà trovare impreparato per regalare al tecnico Iachini il rinforzo per l'attacco.




Commenta con Facebook