• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Il punto di CM.IT > IL PUNTO DI CM.IT - Milan-Inter, Inter-Juve, Genoa-Samp: è sempre derby, anche sul mercato

IL PUNTO DI CM.IT - Milan-Inter, Inter-Juve, Genoa-Samp: è sempre derby, anche sul mercato

Da Kondogbia ad Abdennour passando per Cassano, sul mercato va di moda la stracittadina


Adriano Galliani ©Getty Images
Antonio Papa (Twitter: @antoniopapapapa)

24/06/2015 13:30

PUNTO CMIT DERBY DI MERCATO / NAPOLI - Derby di mercato, che strana definizione. Ci pensi e ripensi a questo stadio pieno, la città divisa in due curve e in mezzo al campo i dirigenti che si sfidano a colpi di telefonate e rilanci. Qualche giorno fa a Montecarlo è accaduto più o meno questo, in un briefing surreale che vedeva coinvolti Galliani e i dirigenti dell'Inter, a contendersi Geoffrey Kondogbia come due leoni con una gazzella. Alla fine sappiamo bene come è andata, l'hanno spuntata i nerazzurri e per i tifosi è stata una doppia soddisfazione. Ma non è l'unico derby a cui stiamo assistendo in questi ultimi giorni. Fra Milano, Genova e quelli più in senso lato c'è davvero tanto a bollire in pentola.

A MILANO E' 'GUERRA CIVILE' - Se le stanno dando di santa ragione, Milan e Inter. I nomi caldi sono quelli lì, quindi è inevitabile ritrovarsi a lottare sulle stesse trattative. L'affaire Kondogbia ha squarciato il velo e ha dato il via alle danze. Pare che il Milan, infastidito, si sia lanciato subito su Imbula, obiettivo storico dell'Inter. Per ora è in stand-by, anche perché ora c'è un difensore nel mirino di entrambe: Aymen Abdennour, 26enne difensore del Monaco seguito anche da Juve e Roma. E intanto nel Principato si fregano le mani. Già, perché questa guerra intestina non fa altro che far lievitare il prezzo dei cartellini, così fra i due litiganti alla fine gode sempre il venditore. E i tifosi della squadra che ha 'vinto' il derby, of course. 

C'E' ANCHE IL DERBY D'ITALIA - L'Inter quest'anno sembra quasi aver focalizzato solo obiettivi delle rivali. Passi per il Milan, che è più o meno nella stessa barca: la fame è quella, entrambe vengono da un'annata disastrosa e hanno più o meno le medesime necessità di rifondazione, praticamente in ogni ruolo. Ma con la Juventus è un pizzico più difficile. Ricca, vincente e senza grosse pressioni. Marotta cerca un esterno d'attacco e sul taccuino ci sono Cuadrado e Salah, guardacaso proprio i due desideri dell'Inter. Si prevede bagarre: sono lontani i tempi del discusso scambio Vucinic-Guarin. I nerazzurri pregustano lo smacco, almeno sul mercato possono combattere (quasi) ad armi pari. Ma attenzione a tirare troppo la corda: dopo i 38 mln di Kondogbia, di questo passo la sessione estiva rischia di diventare un bagno di sangue, alla faccia del fair play finanziario. 

LA LANTERNA E L'EMILIA - Come dicevamo, sono soprattutto gli obiettivi comuni ad infiammare le stracittadine del calciomercato. Mai come quest'anno Genoa e Sampdoria hanno lottato per la stessa torta, quindi anche per loro è inevitabile lo scontro al tavolo delle trattative. Hanno bisogno di un difensore ed entrambe hanno messo nel mirino il prestito di Rugani dalla Juve. Serve un attaccante di grido ed eccole a pensare ad Hernandez. Nel frattempo si infiamma di nuovo il derby storico, quello per Cassano. Lui ha voglia di tornare a Genova, è svincolato e piace sia a Ferrero che a Preziosi. Ne vedremo delle belle. Ah, e occhio alla via Emilia. Sono salite in A Bologna e Carpi: il loro mercato sta per partire e non è esclusa qualche collisione con il Sassuolo. Qualche avvisaglia c'è già stata, con Defrel che piace sia ai rossoblu che ai neroverdi, ma la sensazione è che non finirà qui. Perché in fondo, parafrasando un antico adagio, non c'è cosa più divina che soffiarlo alla cugina.




Commenta con Facebook