• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Calciomercato Juventus, situazione difensori: chi resta e chi parte

Calciomercato Juventus, situazione difensori: chi resta e chi parte

Grande abbondanza in un reparto che potrebbe essere rivoluzionato


Angelo Ogbonna (Getty Images)
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

16/06/2015 16:20

CALCIOMERCATO JUVENTUS DIFENSORI ALLEGRI RUGANI OGBONNA / TORINO - Il calciomercato Juventus edizione 2015 sarà senza dubbio rivoluzionario. Dopo i primi 5 anni (conditi da numerosi successi) della gestione Agnelli-Marotta-Paratici c'è bisogno di un restyling della rosa, per accontentare Massimiliano Allegri e per non far calare le motivazioni. Un discorso che vale per tutti i reparti, anche quello difensivo. Ecco chi resta e chi invece può fare le valigie.

CHI RESTA - La Juventus riparte da un trio oramai indissolubile: Barzagli, Bonucci e Chiellini. Il primo ha recuperato da un lunghissimo infortunio e sarà un nuovo acquisto per la stagione 2015/2016. Bonucci ha mostrato un rendimento invidiabile durante tutta l'annata e per lui è già pronto il rinnovo. Stesso discorso per Chiellini che, invece, ha firmato il prolungamento già nel 2014. Rimarrà anche Martin Caceres: anche per lui ci sarà un nuovo contratto. Dall'Empoli ecco Daniele Rugani, talento emergente classe '94 pronto a insidiare i 'titolarissimi'.

CHI PARTE - L'arrivo di Rugani (che sarà valutato attentamente in ritiro) è un chiaro messaggio: per qualcuno ci sarà meno spazio. Probabile, dunque, che termini il matrimonio tra la Juventus ed Angelo Ogbonna: la scintilla non è mai scoppiata e l'ex Torino è corteggiato da tantissime squadre. Andrà via anche Luca Marrone, mai utilizzato e che potrebbe lasciare il Piemonte in prestito  e con molti rimpianti per non essere riuscito a mostrare il proprio valore.




Commenta con Facebook