• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Sampdoria > Sampdoria, Zenga: "Cassano? Non ne parlo. Non sono un peso". Poi arriva Ferrero...

Sampdoria, Zenga: "Cassano? Non ne parlo. Non sono un peso". Poi arriva Ferrero...

Il nuovo tecnico dei blucerchiati si presenta alla stampa per la prima volta


Walter Zenga (Getty Images)
Omar Parretti (@omarJHparretti)

12/06/2015 11:15

SAMPDORIA CONFERENZA STAMPA ZENGA / GENOVA - Walter Zenga si presenta alla stampa in conferenza dal centro sportivo di Bogliasco. Il nuovo allenatore della Sampdoria torna in Liguria dopo averci giocato quando era un calciatore.

Ecco le parole del mister: "Sono contento di essere qua. Per me la Samp è un punto d'arrivo e tornare qua dove ho vissuto belle cose è un'emozione grandissima. Le scelte che fa un tecnico devono essere incentrate sulla squadra e non sul curriculum personale. Non voglio essere di passaggio da qui. Un anno di contratto? Non sono un peso e non sono in cerca di soldi. Mi interessa lavorare bene e con persone con le quali vado d'accordo. Cagni? Lo conosco da 35 anni e mi aiuterà con la fase difensiva. Ha enorme esperienza ed ha fatto un'ottima carriera. E' il mio terzo occhio. Bellucci? Anche lui è un ex con tanta voglia. Ho puntato su gente di famiglia per il mio staff".

SCELTE - "Dobbiamo aspettare. Potrei dire che vorrei giocare con un certo modulo, a ma non è detto. Avremo un modulo di base, ma servono calciatori intelligenti in grado di cambiare atteggiamento a gara in corso".

MERCATO - "Da qui alla chiusura c'è molto tempo. Il primo luglio c'è il ritiro poi risolveremo le compartecipazioni varie. Parlare di giocatori non presenti in rosa non ha senso adesso".

FERRERO - "Mi piacciono le persone come lui. Deve essere così ed essere se stesso, fa bene. Dice ciò che pensa come me. Io rispondo a me stesso di me stesso, non importa quello che dicono le persone che ci orbitano attorno".

ETO'O - "Spero non se ne vada, ma al momento è un nostro calciatore e me lo tengo. Se andrà via lo sostituiremo. Fortunatamente è qua con noi".

Arriva anche il Presidente Ferrero all'improvviso: "Guardate che v'ho portato! Un sampdoriano vero che soffre quando gioca la domenica questa squadra. Ha detto bene Zenga siamo persone vere. Perché l'ho scelto? Mi era stato che detto che aveva girato troppo, macché è sempre italiano mica giapponese. Serviva continuità e lui me la può garantire. Lo difenderò fino alla fine. Nel caso perdessi voglio perdere col bel calcio. Zenga è un grande allenatore e un grande motivatore, è l'unico che mi ha convinto. Sono favorevole alla continuità delle persone, credo che l'esonero fac male solo alle saccocce dei presidenti, quindi sosterrò Zenga fino alla morte". Poi è subito show con battute a raffica con i giornalisti. ad ogni domanda saluta e prende in giro, a chi gli chiede di Cassano: "A non lo dico sei pure genonano". Poi domanda sul caso Europa League: "Perché che è successo? Non sono preoccupato. Anche mercato in uscita: "Obiang? Ognuno fa la propria carriera. Mi ha mandato un messaggio commovente. Poi sugli arbitri: "Io tengo duro, tengo duro. Ma mica sono Bossi che ce l'ha sempre duro io sono vecchio. Servono delle riforme perché anche un solo punto fa la differenza". Poi riprende un giornalista reo di aver detto che Mihajlovic ha fatto la storia del club: "Voglio molto bene a Sinisa, ma dire che ha fatto la storia della Sampdoria è esagerato. Boskov ha fatto la storia. Boskov e Ferrero".

 




Commenta con Facebook