• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > Serie A, Ghizzoni: "La Juve un modello, tutto meritato. Thohir e Pallotta..."

Serie A, Ghizzoni: "La Juve un modello, tutto meritato. Thohir e Pallotta..."

Le parole dell'amministratore delegato di Unicredit che analizza la situazione finanziaria del calcio italiano


James Pallotta ©Getty Images
Lorenzo Polimanti (@oldpoli)

08/06/2015 12:30

SERIE A GHIZZONI JUVENTUS THOHIR PALLOTTA / ROMA - Un calcio in crisi, sempre più indebitato e che perde appeal in favore di altri campionati europei, in grande crescita e proiettati al futuro. La crisi del movimento italiano al centro dell'intervista concessa dall'amministratore delegato di Unicredit, Federico Ghizzoni, a 'La Gazzetta dello Sport'. Il numero uno della banca, tra i principali gruppi di credito italiani ed europei, annuncia l'allargamento della partnership con l'Uefa e poi fa il punto sulle ultime news Serie A: "Siamo estremamente soddisfatti del successo avuto dopo i primi sei anni di sponsorizzazione ed abbiamo deciso di estendere l'accordo anche all'Europa League oltre che alla Champions League, così potremo espandere il nostro brand nei paesi del centro-est Europa - esordisce Ghizzoni che poi prosegue - Le tv sono estremamente importanti ed i diritti tv, anche in Italia, continuano ad aumentare, ma il calcio italiano non ha sfruttato tutto il suo potenziale come avrebbe potuto. Conosco da vicino la realtà del Bayern Monaco e lì l'approccio all'attività commerciale è molto più evoluto. Anche lo Stato dovrebbe dare una mano: servono normative più incisive per facilitare la costruzione di nuovi stadi e proteggere i marchi dai falsi".

L'analisi di Ghizzoni, poi, si concentra su alcuni club italiani: "Ora non si può più investire a fondo perduto, soprattutto con il Fair Play Finanziario e le nuove logiche industriali del calcio. Molti presidenti si stanno muovendo in questa direzione ed i risultati si vedono. Non giudico il lavoro di Thohir e Pallotta, ma di certo stanno portanto un approccio manageriale e un'attenzione all'equilibrio economico che in Italia mancavano. Ogni volta che parlo con Thohir mi conferma che ha grande attenzione per i mercato asiatici: è lì che bisogna crescere. Il rifinanziamento? Unicredit ha fatto solo da intermediario, non ha finanziato. Diverse società di diversi sport hanno riorganizzato così il debito negli Usa. Il calcio italiano deve reagire, nessuno ora può più investire per coprire i buchi".

In chiusura, una battuta sulla Juventus: "Anche se non ha vinto la Champions ha chiuso una stagione fantastica. Tutto meritato, non solo per quello fatto sul campo ma anche per il management che ha mostrato negli anni come gestire una squadra di calcio". 
 




Commenta con Facebook