• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Estero > Scandalo Fifa, via al dopo Blatter. Ecco i possibili candidati

Scandalo Fifa, via al dopo Blatter. Ecco i possibili candidati

In pole position pare esserci Platini, ma in corsa ci sarebbero anche Weah e Zico


Sepp Blatter (Getty Images)

04/06/2015 10:59

SCANDALO FIFA BLATTER WEAH PLATINI WEAH ZICO / ZURIGO (Svizzera) - Lo scandalo Fifa va avanti e, dopo le dichiarazioni di Blazer che gettano ombre anche sul Mondiale  del '98, ora si comincia a pensare al dopo Blatter. Il dimissionario presidente dell'organismo internazionale andrà avanti a esercitare la carica fino alla prossima assemblea dove verrà scelto il suo erede. Tanti i nomi in corsa per la presidenza, secondo quanto riportato da 'La Stampa', a partire da quello che sembra il favorito: Michelle Platini. Il francese però non è stato escluso dalle critiche e la sua vittoria non sarebbe così scontata; l'altro uomo forte all'interno della Fifa è Sheikh Ahmad al-Fahad al-Sabah, lo sceicco del Kuwait (che in passato ha anche provato ad allenare la nazionale del suo paese), uomo molto potente e capace con le sue parole di spostare parecchi consensi. Per puntare alla presidenza Platini spera di averlo dalla sua parte.

Molte le suggestioni (da Maradona a Romario) ma due principlamente i nomi che potrebbero insidiare Platini: Zico e Weah. Il brasiliano è un'icona del calcio, ma piace molto più fuori che dentro al congresso. L'ex attaccante del Milan sarebbe il primo presidente di colore e, inoltre, sa già cosa lo aspetta, frequentando da tempo la politica. Oltre ai due ex calciatori ci sarebbero anche altri due ipotetici candidati, più indietro nelle preferenze: Ali bin Hussein (già in lizza con Blatter alle recenti elezioni) e Chung Mong-joon, magnate della Hyunday. 

A.D.S.




Commenta con Facebook