• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus-Barcellona, Capello: "Occhio alla Juve. Messi poteva essere bianconero"

Juventus-Barcellona, Capello: "Occhio alla Juve. Messi poteva essere bianconero"

L'allenatore ha parlato della finale di Champions League di Berlino


Leo Messi (Getty Images)

03/06/2015 12:30

JUVENTUS-BARCELLONA FINALE CHAMPIONS LEAGUE / MADRID (Spagna) - Fabio Capello ha commentato le ultime news Juventus in vista della finale di Champions League contro il Barcellona nel corso di un'intervista concessa a 'Marca'. L'allenatore ha rivelato anche un retroscena di calciomercato su Messi.

JUVENTUS-BARCELLONA - "Le due squadre hanno il 50% di possibilità. E' la prima finale da molti anni dove non vi è un vero favorito, entrambe sono grandissime squadre. Molta gente crede che per il Barcellona sarà facile, ma io dico occhio alla Juve. Non sono un indovino, è troppo rischioso fare pronostici".

LA FORZA DEL BARCELLONA - "Il Barcellona è una squadra incredibile, però senza dubbio il massimo lo esprime lì davanti. Messi, Neymar e Suarez sono determinanti, il miglior reparto offensivo del mondo. I vari Iniesta, Pique e Alves completano una squadra di grandissimo livello".

MESSI - "E' il migliore al mondo, non si discute. E' un genio, un artista. Tentai di prenderlo ai tempi in cui allenavo la Juventus. Il Barcellona lo voleva cedere, però poi Rijkaard disse che sarebbe diventato un grandissimo. E ci prese in pieno"

LA FORZA DELLA JUVENTUS - "La cosa che più mi piace è il loro centrocampo. E' sensazionale: hanno velocità, fanno pressing ed è collaudato. E poi hanno già vinto campionato e Coppa Italia, puntano anche loro al triplete".

MORATA - "Sta facendo benissimo. Prima era già un buon giocatore, adesso ha acquisito maggior sicurezza ed è riuscito ad adattarsi facilmente al calcio italiano, segnando spesso gol decisivi per la squadra. Sta avendo quella fiducia che non aveva al Real Madrid ed è stato una delle grandi sorprese di quest'anno. Alvaro sarà il "9" della Spagna per molto tempo".

LUIS ENRIQUE E ALLEGRI - "Luis conosce l'ambiente e la filosofia del club, un aspetto fondamentale per trionfare con il Barcellona. E ha anche una grandissima squadra a disposizione. Quello di Allegri è stato un successo incredibile. Chi pensava a inizio stagione che la Juve avrebbe disputato la finale di Champions? Allegri ci è riuscito".

S.D.

 




Commenta con Facebook