• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > Calciomercato Napoli, De Laurentiis 'tradito' da Benitez e Higuain. Ora punta tutto su Emery

Calciomercato Napoli, De Laurentiis 'tradito' da Benitez e Higuain. Ora punta tutto su Emery

Il patron azzurro è volato a Madrid per convincere il tecnico del Siviglia. Rafa è del Real, Higuain ai saluti


Emery e Castro (Getty Images)
Lorenzo Polimanti (@oldpoli)

01/06/2015 13:10

CALCIOMERCATO NAPOLI DE LAURENTIIS EMERY HIGUAIN / MADRID (Spagna) - Passano da Madrid il futuro ed il calciomercato Napoli. Calciomercato che è già rovente, ancor prima di cominciare. Perché c'è una rivoluzione da programmare, un gruppo da ricostruire. Il Napoli, con la sconfitta interna contro la Lazio nell'ultima giornata del campionato di Serie A, saluta il sogno Champions League e Rafael Benitez, da tempo promesso sposo del Real Madrid, e si tuffa su Unai Emery, tecnico del Siviglia vincitore per due anni di fila dell'Europa League. Ipotesi difficile, e tanto, ma non impossibile. Perché De Laurentiis vuole espandere il marchio azzurro in tutto il mondo, ma soprattutto vuole tornare a puntare in alto dopo il passo indietro dell'era Benitez, che da Walter Mazzarri ha raccolto un Napoli lanciatissimo dopo il secondo posto e l'accesso diretto in Champions e lo lascia al suo erede nell''Europa di consolazione'. Erede che De Laurentiis si augura sia Emery, appunto. Ed in prima persona prova a convincerlo. Basterà? 

BENITEZ E DE LAURENTIIS A MADRID: PARTE L'ASSALTO A EMERY

Il primo passo lo ha fatto Rafael Benitez. Dopo la brutta sconfitta interna contro la Lazio che ha sancito l'addio al terzo posto, il tecnico spagnolo, questa mattina, ha salutato i tifosi all'aeroporto imbarcandosi per Madrid, dove ad ore dovrebbe essere annunciato dal Real come erede di Carlo Ancelotti. Niente di nuovo, era nell'aria. Si attende solo l'ufficialità. L'asse Napoli-Madrid, però, registra anche un altro volo: quello del presidente Aurelio De Laurentiis, partito per la capitale spagnola per cercare di convincere Unai Emery ad accettare la panchina azzurra. Il tecnico del Siviglia è il grande sogno, il nome in cima alla lista dei desideri azzurri. Il patron partenopeo si è mosso in prima persona, partendo per la Spagna insieme ad Andrea Chiavelli, il suo uomo che si occupa dei contratti. Sul piatto è pronto un triennale, ma Emery, prima di tutto, chiede garanzie. 

I contatti risalgono a due settimane fa, con De Laurentiis che nell'incontro con l'agente Manuel Garcia Quilon, che cura anche gli interessi di Benitez e Pepe Reina, ha confermato l'interesse per l'ex Spartak Mosca, rinviando però ogni aggiornamento a dopo la finale europea di mercoledì scorso. Ora, Emery resta anche nel mirino del Milan, ma prima di tutto vuole conoscere le intenzioni del Napoli, qual è il progetto per il futuro immediato e non a lunga scadenza. Anche perché, variabile da non dimenticare, la tentazione di giocare finalmente la Champions con il suo Siviglia è tanta. Siviglia che, comunque, per liberarlo chiede il pagamento della clausola rescissoria da 1,5 milioni di euro.

In attesa, intanto, resta Sinisa Mihajlovic, che ha annunciato ufficialmente il suo addio alla Sampdoria con una lunga lettera pubblicata sul sito del club blucerchiato. Il serbo sembrava l'erede designato di Benitez, ma la nuova tentazione spagnola ora è in pole. Jurgen Klopp, invece, rimane una suggestione. Nonostante le presunte dichiarazioni di Franz Beckenbauer infatti, che avrebbe rivelato l'imminente arrivo a Napoli dell'ex tecnico del Borussia Dortmund, il tedesco, assicurano in Inghilterra, è sempre più vicino al Liverpool

HIGUAIN: UN RIGORE CHE CAMBIA IL FUTURO ED IL CALCIOMERCATO DEL NAPOLI

E nell'altalena della stagione del Napoli può succedere che anche uno come Gonzalo Higuain, autore di 29 reti in stagione, finisca al centro delle critiche. Basta un rigore. O meglio, un rigore sbagliato. Mica un dettaglio, soprattutto nella sfida decisiva che vale il terzo posto, l'ultimo utile per la prossima Champions League. La permanenza del 'Pipita' al 'San Paolo' sembrava difficile, o comunque legata al piazzamento nell'Europa che conta. Il tiro dal dischetto finito alto ha chiuso i discorsi, per l'Europa e, quasi sicuramente, per il suo futuro. L'ex Real Madrid ha già le valigie pronte. Piace all'Atletico Madrid, piace all'Arsenal e, soprattutto, piace al Manchester United, che offre 60 milioni di euro per assicurarsi l'erede del possibile partente Robin van Persie. De Laurentiis non traballa e si trincera dietro la clausola rescissoria da 100 milioni di euro. Tanti soldi, una cifra enorme. Che, però, potrebbe non bastare a lavar via la delusione dei tifosi, traditi sul più bello dalla solita difesa imbarazzante e da un grande attaccante, uno dei migliori in circolazione, ma ancora una volta fermo ad un passo dalla zampata del fuoriclasse decisivo.




Commenta con Facebook