• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > In evidenza > PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-LAZIO

PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-LAZIO

Candreva fa la differenza, Ghoulam imperdonabile


Lazio (Getty Images)
Antonio Papa (Twitter: @antoniopapapapa)

31/05/2015 23:00

ECCO LE PAGELLE DI NAPOLI-LAZIO

 

NAPOLI

Andujar 5 - Battezza male, anzi malissimo la conclusione di Parolo che si insacca in rete. Il laziale tira una bomba, ma l'errore è evidentissimo. Un errore da 40 milioni.

Maggio 6,5 - Corsa e spirito di sacrificio, spinge e difende come un ragazzino, con un cuore grande così. Per lui anche l'affondo del rigore, nonostante poi Higuaìn sprechi tutto. E' anche per questa metamorfosi che si è guadagnato il rinnovo triennale.

Albiol 4,5 - Preso nel mezzo sul gol di Candreva, anche su quello di Parolo non poteva farci molto. Molto molto più colpevole sul gol di Onazi, che si infila in mezzo a lui e Koulibaly, addirittura imbarazzante sul 2-4 di Klose. Stiamo parlando di un campione del mondo...

Koulibaly 4,5 - Un paio di errori incredibili in fase di disimpegno, poi l'assurdità totale sul gol di Candreva. Si ritrova a centrocampo lasciando completamente scoperta la difesa, Albiol solo nell'uno contro uno. Qui non si parla neanche più di involuzione, no, si parla proprio di follia. In ritardo anche sul gol di Onazi, pietra tombale su una prestazione che peraltro era in netta ripresa.

Ghoulam 4 - Ok, la seconda ammonizione poteva non starci, ma è davvero ingenuo a farsi prendere in castagna con due gialli in dieci minuti. Imperdonabile. 

David Lopez 4,5 - I centrocampisti laziali si infilano nella mediana napoletana come lama nel burro, colpa anche dello spagnolo che fa male filtro e lascia passare chiunque. Male male anche lui.

Inler 4,5 - Chiude in ritardo sul tiro di Parolo, la rincorsa affannosa su Candreva sullo 0-2 fa quasi tenerezza. Coinvolto in entrambe le segnature della Lazio, spiaccicato dagli avversari.  Dal 52' Gabbiadini 6,5 - Il suo ingresso in campo coincide col forcing del Napoli, che si riprende il campo e dilania la Lazio. Importantissimo sia sul piano tattico che sull'apporto qualitativo.

Callejòn 6 - Dopo una decina di minuti la difesa laziale decide di fargli un regalo, fa salire male il fuorigioco e lo libera solissimo davanti a Marchetti. Conclusione debole e imprecisa, che sfiora il palo con tutto lo specchio a disposizione. Sembra l'ennesima partitaccia, invece poi ha un sussulto quando serve ad Higuaìn il pallone dell1-2 e gioca un secondo tempo col suo antico rendimento. Non basta, purtroppo. 

Hamsik 6,5 - Ha il merito di recuperare il pallone della riscossa, aprendo a Callejòn il pallone che poi Higuaìn appoggia in rete. Da regista puro sprigiona tutta la sua classe, un secondo tempo di livello altissimo.

Mertens 6,5 - Poche palle giocabili, quando prende il pallone però sa far male. Affondi devastanti, come quello che vale il pareggio azzurro: azione sulla sinistra e assist al bacio per il Pipita. Dal 75' Insigne 6 - Entra bene, con tanta rabbia in corpo, e subito scarica un destro che Marchetti respinge di pugno. Poco tempo per fare la differenza.

Higuaìn 5,5 - Non pervenuto finché non ha sul piede il pallone che accorcia le distanze, appoggiatogli davanti alla linea di porta da Callejòn. Onestamente era più difficile sbagliare, ma almeno si fa trovare al posto giusto. Splendido in occasione del pareggio, spreca però tutto con il rigore che poteva mandare il Napoli in paradiso. Fa e disfa, come ha fatto tutto l'anno. E il risultato finale della stagione la dice lunga su quanto abbia fatto e quanto abbia disfatto. Dall'89' Zapata s.v.

All. Benìtez 4 - Primo tempo inguardabile, una ripresa che sembra iniziare male ma poi vede un risveglio impressionante, che merita addirittura la vittoria. Poi l'ennesimo tracollo, un calo di concentrazione disastroso che è l'istantanea dell'intera stagione. Finale di stagione scellerato, raggiunto e superato anche dalla Fiorentina per un finale che più inglorioso non si può. Peccato, se non fosse stato per questi ultimi due mesi forse avrebbe anche lasciato un buon ricordo.

 

LAZIO

Marchetti 6 - Il primo non poteva prenderlo, il secondo forse sì se avesse chiuso meglio lo specchio. 'Ipnotizza' HIguaìn sul rigore, ma in realtà non fa altro che guardare il pallone che arriva in curva.

Mauricio 6 - Rischia il patatrac nel primo tempo, poi però si dà una grossa assestata e contribuisce a salvare il salvabile, nonostante la fase disastrosa di tutta la squadra nella ripresa, che inevitabilmente coinvolge anche lui.

Gentiletti 5,5 - Scherzato da Higuaìn in occasione del 2-2, rovina una prestazione che nel primo tempo era stata solida.

De Vrij 6,5 - Un salvataggio sulla linea sul tiro di Mertens che vale un altro gol, un po' in bambola nella fase di ripresa del Napoli ma alla fine se la cava anche lui.

Basta 6 - Molto sacrificato, finisce spesso a fare il terzino senza apportare molto alla manovra offensiva. Non poteva fare molto di più, il Napoli su quel lato faceva davvero paura.

Cataldi 7 - Corsa, sostanza e tanto impegno, sa sempre dove deve farsi trovare per recuperare il pallone. Un gran bel prospetto e lo dimostra anche stasera, nella serata più importante di tutte. Dall'83' Onazi 7 - Entra e in un minuto cambia nuovamente la storia della partita, mandando i suoi in paradiso e risolvendo una situazione che si stava facendo difficile. Una favola vera e propria.

Parolo 5,5 - Dieci gol, uno più bello dell'altro, in una stagione che lo ha consacrato come uno dei centrocampisti più forti della nostra serie A. Perde però il pallone che segna la rinascita del Napoli, poi dopo pochi minuti prende il secondo giallo in venti minuti e si fa buttare fuori. Ha rischiato grosso, lui e anche la Lazio.

Lulic 6,5 - Ci mette l'impegno e la leadership, ci mette la faccia sul rigore. Grande impegno e spirito di abnegazione, qualità che lo hanno reso un simbolo di questa squadra e di questa grande stagione, nonostante il grave infortunio.

Candreva 7 - Ha a disposizione un'azione-fotocopia rispetto a quella che dall'altra parte ha sprecato Callejòn. Lui invece non perdona, spiazzando Andujar che gli si pone davanti chiudendogli lo specchio. La differenza sta tutta lì.

Djordjevic 6 - Prende tante botte lì davanti, combatte e sgomita ma ha poche palle utili. Lottatore vero. Dal 77' Klose 7 - Mette il timbro finale sulla meritatissima Champions della Lazio, proprio lui che è stato il simbolo della rimonta sul Napoli. Non poteva che finire così.

Felipe Anderson 5,5 - Le sue lacrime dopo la palla persa che dà il 2-2 al Napoli durano fino a fine partita ed evidenziano sia l'errore che la grande sensibilità di questo ragazzo che per tutto il campionato ha trascinato i compagni e ora rischiava di affossarli. Che bella storia. Dal 65' Ledesma 6,5 - Entra per rinforzare il centrocampo e fa il suo ampiamente, anzi fa anche di più visto che dà il via all'azione che manda in rete Onazi.

All. Pioli 7,5 - Rischia lo psicodramma nel secondo tempo, quando i suoi in vantaggio di due gol incassano il pareggio e rischiano addirittura il ko, graziati dall'errore del Pipita. Il rush finale dopo il golazo di Onazi restituisce entusiasmo e consente di chiudere in bellezza con Klose. Missione compiuta, impresa vera. Ma che paura.

Arbitro Rocchi 5 - Nel primo tempo il Napoli reclama un rigore per sandwich di Mauricio e Basta su Mertens, ma era piuttosto difficile da fischiare. Giusti entrambi i gialli a Parolo, nonostante le proteste del laziale. Molto opinabile invece il secondo giallo a Ghoulam, così come il rigore dato al Napoli: Maggio sembra tuffarsi e per giunta fuori area.

 

TABELLINO

NAPOLI-LAZIO 2-4

NAPOLI (4-2-3-1): Andujar; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; David Lopez, Inler (dal 53' Gabbiadini); Callejon (dall'89' Zapata), Hamsik, Mertens (dal 77' Insigne); Higuain. A disp.: Rafael, Colombo, Henrique, Zuniga, Strinic, Mesto, Jorginho, Gargano. All.: Benitez

LAZIO (3-4-3): Marchetti; Mauricio, De Vrij, Gentiletti; Basta; Parolo, Cataldi (dall'83' Onazi), Lulic; Candreva, Djordjevic (dal 77' Klose), F. Anderson (dal 65' Ledesma). A disp.: Berisha, Strakosha, Novaretti, Cana, Ciani, Braafheid, Keita, Mauri, Perea. All.: Pioli

Arbitro: Rocchi

Marcatori: 33' Parolo (L), 46' Candreva (L), 55' e 64' Higuain (N), 85' Onazi (L), 92' Klose (L)

Ammoniti: Djordjevic, Mauricio, Parolo, Candreva (L), Ghoulam, Andujar (N)

Espulsi: Parolo (L), Ghoulam (N)




Commenta con Facebook