• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Estero > Scandalo FIFA, Platini: "Sono disgustato, ho chiesto a Blatter di dimettersi"

Scandalo FIFA, Platini: "Sono disgustato, ho chiesto a Blatter di dimettersi"

Il presidente della UEFA: "Domani le federazioni europee voteranno il principe Ali bin al-Hussein"


Platini e Blatter ©Getty Images
Silvio Frantellizzi (Twitter: @SilFrantellizzi)

28/05/2015 15:08

SCANDALO FIFA PLATINI UEFA/ ZURIGO (Svizzera) - Il presidente della UEFA Michel Platini, è intervenuto in conferenza stampa da Zurigo per commentare le notizie riguardanti lo scandalo FIFA sulla corruzione di undici dirigenti della massima organizzazione calcistica mondiale. Il francese ha anche annunciato pubblicamente che le federazioni europee, appoggeranno il principe Ali Bin al-Hussein alle votazioni presidenziali della FIFA previste per domani. Di seguito, tutte le dichiarazioni rilasciate da Platini in conferenza stampa e raccolte da Calciomercato.it.

SCANDALO - "I problemi della FIFA? Abbiamo seguito quello che è successo negli ultimi giorni, sinceramente io che sono un ammiratore della storia della FIFA sono veramente disgustato, non ne posso più, è veramente troppo. Non commenterò le azioni giudiziarie che sono in corso, ma per la nostra immagine non è bene per niente. Oggi abbiamo avuto una riunione in UEFA, abbiamo parlato con il segretario generale, discutendo dell'ordine del giorno e abbiamo avuto una breve discussione sulle elezioni presidenziali".

ALI BIN AL-HUSSEIN - "Posso dirvi che domani, alle votazioni per il presidente, una gran parte delle associazioni nazionali europee, voterà per il principe Ali bin al-Hussein. Le persone non ne possono più, non vogliono più un presidente che io ammiro molto, ma vogliono una FIFA più forte. Questa mattina, tornando da Varsavia, sono andato a trovare il presidente della FIFA che ci ha chiesto di appoggiare la federazione. Noi abbiamo fatto un comunicato molto duro ed io ho chiesto a Sep di parlargli faccia a faccia. Gli ho detto: abbiamo iniziato insieme tanti anni fa, ma ora ti chiederò di dimetterti e lasciare la FIFA perché io non ne posso più. Sono stato molto chiaro e l'ho guardato negli occhi. Lui mi ha risposto: lo capisco, ma adesso è troppo tardi".

ELEZIONI FIFA - "Il calcio viene prima di tutto, io ho preso posizione come si aspettavano le federazioni europee, non è stato facile dire ad un amico che deve dimettersi. Faccio un appello a tutte le federazioni, chiedo di votare il principe Ali bin al-Hussein. Se Blatter restasse in carica, perderemmo tutti. Dico tutto questo con tristezza e con le lacrime, ma ci sono troppi interessi che hanno sconvolto il mondo del calcio e la FIFA non merita tutto questo. Blatter è rimasto sicuramente colpito da quello che gli ho detto, ma ho parlato da amico. Abbiamo una lunga storia insieme, gli ho detto che doveva andarsene e lui è rimasto colpito. Lui è un mio amico, certo, abbiamo avuto i nostri problemi come tutti gli amici". 

CANDIDATURA - "Non rimpiango di non essere candiato oggi perché non ho mai voluto combattere contro un amico contro Blatter, in più non sono molto attirato dalla presidenza della FIFA perché mi piace quello che faccio in UEFA - ha spiegato Platini protagonista delle notizie estero sullo scandalo FIFA - Ho sempre pensato che magari mi sarei potuto candidare il giorno in cui non ci sarebbe più stato Blatter. Credo che i suoi anni migliori siano stati quando era segretario generale".

 




Commenta con Facebook