• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Palermo > Palermo, ESCLUSIVO Aguirregaray: "Punterei su Calleri. Voglio tornare in Italia"

Palermo, ESCLUSIVO Aguirregaray: "Punterei su Calleri. Voglio tornare in Italia"

L'ex esterno del club del patron Zamparini in esclusiva a Calciomercato.it


Matias Aguirregaray(Getty Images)
ESCLUSIVO
Giorgio Elia

26/05/2015 10:35

CALCIOMERCATO PALERMO ESCLUSIVO AGUIRREGARAY / PALERMO - Correva la stagione 2011/2012. Il Palermo proveniva dal sogno della finale di Coppa Italia poi persa contro l'Inter, atteso dal delicato compito di mantenere alto il livello delle prestazioni della squadra. Tra gli acquisti della campagna estiva figurava anche l'esterno Matias Aguirregaray, prelevato dal Montevideo Wanderers. Una parentesi italiana non esaltante per l'uruguaiano ora all'Estudiantes, conclusasi con appena dodici presenze. Lo stesso esterno ai microfoni di Calciomercato.it parla così però dell'esperienza in maglia rosanero: "Ricordo con piacere quell'anno. E' stato bello per me misurarmi con un calcio difficile come quello italiano, che ti porta sempre a mantenere alta la concentrazione. Mi dispiace che l'esperienza al Palermo sia durata solo un anno, soprattutto per l'accordo non trovato da parte del mio ex procuratore con il club. Quello per me è stato un anno di crescita molto importante".

Comunque dopo Palermo ha raggiunto alcuni traguardi importanti.

"Esatto, uno su tutti quello di poter giocare la Champions League con il Cluj. Poi sono tornato al Penarol club nel quale ero cresciuto calcisticamente, prima dell'approdo all'Estudiantes. Quello argentino è un calcio fisico, tecnico ma anche molto veloce, con il quale sono felice di essermi misurato".

Mi sembra di capire però che lei l'Italia non l'ha proprio dimenticata...

"Effettivamente è cosi. Ho tanta voglia di poter tornare nel campionato italiano e dimostrare che posso confrontarmi con successo con questo tipo di calcio. Vorrei poter avere la mia rivincita e lavoro duro giorno dopo giorno per farmi trovare pronto e sfruttare una eventuale opportunità".

Come ha fatto il suo ex compagno Vazquez al Palermo.

"Esatto e non mi ha sorpreso che il risultato finale sia stato questo. Franco oltre alle qualità tecniche ha anche quelle umane, un ragazzo che vive per il calcio e conosce alla perfezione le regole di vita. La sua classe in allenamento era sotto gli occhi di tutti e non avevo dubbi che prima o poi sarebbe esploso".

Così come alla fine la serie A ha visto protagonista anche Pioli.

"Posso dire di lui solo cose positive, nonostante siano stati veramante pochi i giorni passati insieme al Palermo. Ho avuto comunque l'impressione fin da subito di trovarmi al cospetto di un tecnico molto preparato e alla fine il tempo gli ha dato ragione. In tal senso penso che a Palermo si sia avuta poca pazienza con lui".

Al Palermo consiglierebbe Mancuello e Calleri?

"Sì. Li ho visti da vicino e ho potuto apprezzare le loro qualità. A differenza di quanto si possa pensare, il campionato argentino non è per nulla semplice da affrontare e loro sono comunque riusciti ad emergere. Fossi nel Palermo investirei su di loro".




Commenta con Facebook