• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI PARMA-VERONA

PAGELLE E TABELLINO DI PARMA-VERONA

Varela illude, Feddal ribalta tutto. Sala è fuori posizione, Toni diventa capocannoniere


Luca Toni (Getty Images)
Antonio Russo (Twitter @tonyrusso93)

24/05/2015 17:00

ECCO LE PAGELLE DI PARMA-VERONA

 

PARMA

Mirante 6 – Il Verona per tutto il primo tempo è praticamente inconcludente, non può molto invece sull’incornata di Toni. Nella ripresa gli scaligeri sono maggiormente intraprendenti, ma lui è bravo a non farsi cogliere impreparato. Non può molto sul rigore calciato nel finale dal numero 9 veronese.

Cassani 5,5 – Non spinge come al solito su quell’out e concede troppo spazio ad Agostini nelle sue discese. Prestazione sottotono per lui.

Lucarelli 6,5 – Esce sempre con i tempi giusti, d’anticipo sugli avversari. Impeccabile di testa, sbroglia diverse situazioni intricate.

Feddal 4,5 – Va in difficoltà nel marcare Toni, che lo sovrasta costantemente fisicamente. Sul crepuscolo del primo tempo permette agli scaligeri di ritornare in partita non riuscendo a contrastare il numero 9 gialloblu che realizza il suo ventesimo gol stagionale. Nella ripresa completa la sua prestazione horror concedendo il rigore al Verona con un fallo di braccio in area.

Gobbi 6 – Con lo scorrere dei minuti, viste le difficoltà in marcatura di Sala, spinge sempre con maggiore convinzione. Bravo anche in fase di contenimento.

Lila 6 – Si limita a svolgere il compitino da quel lato. Prestazione senza macchie nè onori. Sufficienza meritata.

Mauri 6,5 – Si posiziona sul centro-sinistra e spesso dialoga con Varela. Nell’azione del gol del raddoppio è bravissimo con un’azione personale a mettere in crisi la retroguardia scaligera prima di servire proprio l’esterno portoghese.

Jorquera 6 – Si posiziona davanti alla difesa e orchestra tutte le giocate del Parma. Non si esibisce mai in azioni trascendentali, ma offre geometrie efficaci alla propria squadra. Dal 66’ Galloppa 5,5 – Entra in maniera molle nel match. Non eccezionale il suo impatto sulla partita.  

Nocerino 6,5 – Molto attivo, recupera qualche buon pallone e fa ripartire la manovra ducale. Rifinisce e quando può conclude l’azione. A metà del primo tempo è bravissimo nel dribblare Marquez e trafiggere Rafael per il gol dell’1-0. Dal 76’ Ghezzal s.v.

Varela 7 – Dopo pochi minuti si divora una clamorosa palla gol a pochi passi da Rafael. A 10 minuti dalla fine del primo tempo però si riscatta con un gran diagonale per il raddoppio parmense. Nel secondo tempo offre sprazzi di gran classe su quell’out.

Palladino 6 – Nell’azione della rete di Nocerino ci mette lo zampino con il tiro che Rafael è costretto a respingere sui piedi del centrocampista napoletano. Dall’89’ Esposito s.v.

All. Donadoni 6,5 – Ancora una volta il suo Parma è eroico. Dopo una stagione tribolata, tra cambi di proprietà, stipendi non pagati e la retrocessione acquisita da tempo i suoi ragazzi continuano a guadagnare punti in questa serie A. Il Parma sarà anche fallito nei tribunali, ma sportivamente ha vinto il suo campionato.

 

VERONA

Rafael 6 – Dopo una stagione vissuta da comprimario si ritrova di nuovo a difendere i pali del Verona. Si esibisce in un paio di buoni interventi, ma non può molto sulle reti di Nocerino e Varela.

Sala 4,5 – Il suo ruolo naturale è centrale di centrocampo, ma quest’oggi viene schierato terzino destro. In questa posizione soffre maledettamente le incursioni di Varela e Nocerino. Da quel lato gli scaligeri sono troppo vulnerabili. Burro in cui il Parma affonda in maniera spietata.

Marquez 5 – Stagione caratterizzata da alti e bassi per lui. Nella giornata di oggi non fa una gran figura su Nocerino che lo dribbla con eccessiva facilità in occasione del gol.

Moras 5 – Svagato, nell’azione che porta Nocerino alla rete concede troppo spazio a Palladino che tira indisturbato verso la porta difesa da Rafael.

Agostini 6,5 – Spinge molto su quella fascia e narcotizza Cassani rendendolo inoffensivo. È lui a confezionare l’assist a Toni per il suo ventesimo gol stagionale. 

Obbadi 5 – Non riesce a fare filtro a metà campo, soffre le continue incursioni di Nocerino e non riesce a limitarlo nelle giocate. Partita mediocre per lui. Dal 76’ Greco s.v.

Tachtsidis 5,5 – Non offre una gran prestazione, sbaglia diversi suggerimenti e appare con la testa già in vacanza. Mandorlini lo richiama diverse volte, ma questo non basta.

Hallfredsson 6 – Come sempre il suo spessore tecnico si fa sentire a metà campo. Molto bravo in fase di appoggio, sbaglia pochi palloni.

Jankovic 5 – Si posiziona a ridosso della punta Toni, ma duetta poco con quest’ultimo. In generale appare abbastanza fuori dal match e non riesce mai ad impensierire Mirante. Dal 69’ Saviola 6,5 – Entra col piglio giusto, mette in difficoltà la difesa ducale con le sue improvvise accelerazioni. Nell’azione che porta il Verona a guadagnarsi il calcio di rigore c’è il suo zampino.

Toni 7,5 – Unica missione di giornata per lui è quella di agguantare Tevez e Icardi in vetta alla classifica cannonieri e vi riesce sul finire del primo tempo con un imperioso stacco aereo. Come un’imposta da pagare per tutti mette nuovamente la propria firma sul tabellino dei marcatori. Nel secondo tempo dal dischetto si prende la vetta solitaria della classifica marcatori. A quasi 38 anni appare davvero un’impresa incredibile.

Fernandinho 5 – Dovrebbe dare verve alla manovra scaligera con le sue serpentine, ma è praticamente inconcludente per tutto il tempo che resta in campo. Mandorlini stanco della sua inconsistenza ad inizio ripresa lo sostituisce. Dal 58’ Nico Lopez 6 – Buona la sua prestazione, entra e mette pepe al match. Forse sarebbe stato meglio impiegare lui e Saviola dall’inizio.

All. Mandorlini 6,5 – Gli scaligeri entrano in campo in maniera un po’ svagata e si lasciano sopraffare da un Parma più cattivo. Meglio nella ripresa quando i gialloblu trascinati dalla fame di gol di Toni agguantano il pareggio che lascia tutti contenti.

 

Arbitro Minelli 5 – Il quasi esordiente arbitro di Varese non dirige granché il match del ‘Tardini’. Nel primo tempo dubbi sulla validità del gol di Varela, l’esterno portoghese, infatti, appare in off-side. Al 49’ contatto in area tra Nocerino e Marquez, il difensore va in scivolata sulla finta del napoletano e colpisce quest’ultimo con la spalla che si lascia cadere con eccessiva facilità, ci poteva stare il penalty. Da rivedere infine anche il rigore concesso nel finale al Verona: il fallo di mano del giocatore gialloblu poteva essere considerato anche involontario. Buona la gestione dei cartellini.

 

TABELLINO

PARMA-VERONA 2-2

Parma (4-5-1): Mirante; Cassani, Lucarelli, Feddal, Gobbi; Lila, Mauri, Jorquera(dal 66’ Galloppa), Nocerino(dal 76’ Ghezzal), Varela; Palladino(dall’89’ Esposito). A disp.: Haraslin, Prestia, Mendes, Mariga, Bertozzi, Broh, Coda, Iacobucci, Lodi. All. Donadoni.

Verona (4-3-3): Rafael; Sala, Marquez, Moras, Agostini; Obbadi(dal 76’ Greco), Tachtsidis, Hallfredsson; Jankovic(dal 69’ Saviola), Toni, Fernandinho(dal 58’ Nico Lopez ). A disp.: Ferrari, Valoti, Lazaros, Gu. Rodriguez, Campanharo, Sorensen, Benussi, Marques, Brivio.  All. Mandorlini.

Arbitro: Daniele Minelli di Varese

Marcatori: 21’ Nocerino (P), 36’ Varela (P), 42’ Toni (V), 80’ Toni (V)

Ammoniti: 41’ Obbadi (V), 51’ Moras (V), 90’ Lila (P)

Espulsi:




Commenta con Facebook