• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan-Torino, Inzaghi: "Ho un contratto e vado avanti. Ci sono le basi per ricostruire"

Milan-Torino, Inzaghi: "Ho un contratto e vado avanti. Ci sono le basi per ricostruire"

Calciomercato.it seguirà le dichiarazioni dell'allenatore rossonero


Pippo Inzaghi (Getty Images)
Bruno De Santis (@Bruno_De_Santis)

23/05/2015 15:00

MILAN TORINO CONFERENZA INZAGHI / MILANO - Tra un presente che può dire nulla a livello di classifica a un futuro ancora tutto da scrivere: Pippo Inzaghi parla in conferenza stampa alla vigilia della sfida tra Milan e Torino. L'allenatore rossonero si sofferma sulle news Milan del momento con un occhi a quello che accadrà nella prossima stagione: Calciomercato.it seguirà per voi in diretta la conferenza di Inzaghi

SPIRITO GIUSTO - "Le parole di Diego Lopez e Bonaventura sono di grande senso di appartenenza e da uomini veri. Da questo bisogna ripartire. Poi è l'ultima partita a 'San Siro' e per questo dobbiamo vincere. Le ultime tre partite siamo scesi in campo con lo spirito giusto ed è lo stesso che ci vorrà domani per finire con una vittoria". 

ATTACCANTI - "A me il granata portava bene, ma ormai faccio un altro ruolo. Sarà bello giocare a 'San Siro' di sera. E' stata un'annata complicata ma spero di chiudere bene". 

ULTIMA A SAN SIRO - "Sto vivendo la vigilia come al solito, non mi pongo il problema. Finché non avrò comunicazione andrò avanti per la mia strada. Credo di aver avuto risposte buone dai giocatori dal punto di vista della voglia di fare e vado avanti della mia strada. Tornare un giorno? Stiamo parlando di una cosa che non è realtà: sono l'allenatore del Milan, ho un contratto e vado avanti della mia strada. Quello che succederà non si può sapere purtroppo". 

GIOVANI E BERLUSCONI - "Non devo rispondere a nessuno, ho parlato quasi tutti i giorni con il presidente. Per molte volte siamo stati in accordo, altre volte no, ma la decisione finale è sempre stata la mia. Ho letto le sue dichiarazioni e ha detto cose positive che non sono state rimarcate come sempre. Parlando tutti i giorni, come in tutte le grandi famiglie non si hanno le stesse opinioni. Vado avanti per la mia strada cercando di dare il massimo e la società mi comunicherà quello che succederà". 

ANCELOTTI - "E' normale che si facciano nomi per la sostituzione. Ancelotti è un grandissimo allenatore e non sta a me scoprirlo. Fin quando non mi sarà comunicato niente andrò avanti. Ieri Berlusconi ha detto che nessuno è stato esonerato, allora andiamo avanti". 

CAMPAGNA ACQUISTI - "Non sono cose da chiedere a me. Con Galliani parlo ogni giorno e sa quali sono le mie opinioni sulla rosa e su cosa bisogna fare per ritornare dove il Milan deve stare". 

BASE - "Credo ci sia una buona base di giocatori italiani e di buoni principi. Credo che le basi giuste ci siano, poi si vedrà: non la vedo così nero, anche se bisogna fare parecchie cose. Ci sono i presupposti per poterlo fare". 




Commenta con Facebook