• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > I Craque del momento > I CRAQUE DEL MOMENTO - Juventus, Matri: l'uomo della Coppa

I CRAQUE DEL MOMENTO - Juventus, Matri: l'uomo della Coppa

L'attaccante ex Milan ha deciso il match contro la Lazio nei tempi supplementari


Alessandro Matri © Getty Images
Omar Parretti (@omarJHparretti)

21/05/2015 12:30

I CRAQUE DEL MOMENTO JUVENTUS MATRI COPPA ITALIA / ROMA - E' Alessandro Matri il match winner della finale di Coppa Italia tra Lazio e Juventus. Massimiliano Allegri lo lascia fuori inizialmente per far spazio a Llorente, ma all'84esimo minuto di gioco lo lancia dentro la contesa. L'ex milanista va subito in rete, ma l'arbitro annulla per fuorigioco millimetrico. La gara va quindi ai tempi supplementari e il bomber lombardo riesce di nuovo a portare in vantaggio i bianconeri con un tiro potente che trafigge il non irreprensibile Berisha. E' delirio. Tutti ad abbracciare Matri, l'uomo della provvidenza, l'uomo della Coppa, considerato che fu decisivo anche nella semifinale di ritorno contro la Fiorentina. Una rinasciata incredibile la sua nell'ultima stagione: prima sei mesi di ottimo livello tra le file del Genoa conditi da 7 reti in campionato, poi il passaggio alla Juventus dopo l'addio di Giovinco ed il ritorno sotto al guida di Allegri, suo mestro a Cagliari.

Alessandro Matri nasce a Sant'angelo Lodigiano il 19 agosto '84 e cresce sin da giovane nelle giovanili del Milan, poi una volta arrivato il momento comincia un pellegrinaggio presso varie squadre delle serie minori: Prato, Lumezzane, Rimini, fino alla grande occasione in Sardegna dove si trasferisce a titolo definitivo. Con il Cagliari mette a segno 40 reti in 132 gare fino al trasferimento alla Juventus con la quale, tranne il primo anno, non riesce mai ad imporsi di forza, nonostante buone annate. Per il bomber c'è di nuovo il Milan nella sua carriera, ma l'avventura va malissimo e viene girato in prestito alla Fiorentina, dove non convince a pieno dopo un esordio super con una doppietta. Poi il Genoa, la Juventus e la storia recente.




Commenta con Facebook