• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Udinese > Udinese, Giaretta: "Strama? Non è il momento per i bilanci. Niang, Paloschi e Scuffet..."

Udinese, Giaretta: "Strama? Non è il momento per i bilanci. Niang, Paloschi e Scuffet..."

Il ds bianconero fa il punto sul mercato dei friulani in vista della sessione estiva


Giaretta © Getty Images

19/05/2015 15:48

UDINESE GIARETTA STRAMACCIONI NIANG PALOSCHI SCUFFET PINILLA / UDINE - La stagione non è ancora conclusa, ma il mercato Udinese è già in gran fermento. Ci pensa il Ds Cristiano Giaretta a fare il punto sulle strategie dei bianconeri in una lunga intervista concessa ai microfoni del canale tematico 'Udinese Channel': "Stramaccioni giustamente parla da riconfermato. A prescindere dalle montagne russe che il campionato ci ha imposto, l'allenatore ha sempre sentito il nostro sostegno per il suo lavoro. Il momento dei bilanci non è ancora arrivato. Stankovic? E' l'anima aggiunta di questa squadra. Non vogliamo né vendere né svendere i migliori, l'obiettivo è fare molto meglio di quest'anno. Pinilla? Cerchiamo qualcosa di meglio, pur essendo un ottimo attaccante. Gnoukouri è un profilo interessante, ma per il futuro. Che attaccante ci serve? Niang. Ci piace. Perica rimane, l'anno prossimo potremo riscattarlo".

Giaretta, poi, conclude: "Abbiamo prospetti importanti in giro. Il Watford non prenderà giocatori da noi. Angella resterà lì, vuole giocare in Premier. Karnezis ha fatto una grande stagione, Scuffet è cresciuto tanto ed è pronto per fare il titolare. Fiorentina? Piazza importante, vedremo. Camigliano ha bisogno di un altro anno in B, su Battocchio dobbiamo vedere. Ragioneremo anche su Verre, tra i migliori della B. Guilherme? E' uno su cui bisogna insistere, dobbiamo avere pazienza. Quagliarella è un nome affascinante, ma il nome lo abbiamo già ed è Di Natale. E Cairo non penso lo lascerà partire. Paloschi? Ci piace, ma la vedo difficile".

L.P.




Commenta con Facebook