• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-CESENA

PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-CESENA

Mertens e Defrel in campo con una marcia in più. Koulibaly e Capelli bocciati


Hamsik e Mertens (Getty Images)
Antonio Papa (Twitter: @antoniopapapapa)

18/05/2015 23:07

ECCO LE PAGELLE DI NAPOLI-CESENA:

 

NAPOLI

Andujar 5,5 - Spiazzato due volte da Defrel, in entrambi i casi non è che potesse inventarsi chissà cosa ma resta quasi immobile, quasi inerme. Una parata non senza difficoltà su una rovesciata spettacolare di Brienza. 

Mesto 6 - Carbonero gli dà qualche pensiero ma complessivamente presidia bene la fascia senza grossi patemi. 

Albiol 6 - I pericoli per il Napoli nascono tutti dall'altro lato, anche sui gol di Defrel lui la posizione la stava tenendo bene. 

Koulibaly 5 - Marca larghissimo, lascia spazi enormi e lascia Defrel libero di fare ciò che gli pare. Un'altra gara di grande involuzione, ci chiediamo tutti che fine abbia fatto quel marcantonio che ad inizio anno era stato addirittura etichettato come nuovo Thuram, forse un po' troppo frettolosamente. 

Ghoulam 5 - Si propone e si sovrappone spesso e volentieri ma sulla sua corsia lascia un'autostrada libera. Prima Tabanelli poi Volta affondano il colpo con semplicità disarmante. La fase difensiva, il suo problema originario che ancora non è risolto a dovere. 

David Lopez 5,5 - Sbaglia diversi appoggi, impreciso nella costruzione ma comunque lucido in chiusura. Chiari e scuri. 

Jorginho 5,5 - Anche l'italo-brasiliano in mezzo al campo si limita giusto al compitino, forse in queste partite qui dovrebbe dare quello sprint in più che serve per cambiare gioco. Una stagione interlocutoria, l'attesa maturazione non è arrivata. Sarà per la prossima. 

Callejon 5,5 - Rispetto al suo opposto Mertens è molto meno coinvolto nel gioco offensivo della squadra, cerca qualche incursione delle sue ma è ben marcato e non dà l'apporto sperato. Più centrocampista che attaccante. 

Hamsik 5,5 - Si nasconde molto, sbaglia passaggi anche elementari, al 70' ha davanti al portiere un pallone che di solito non sbaglierebbe, ma lo cicca malamente. Non è serata, eppure entra anche lui nel tabellino con l'assist ravvicinato per il 3-2 a Mertens. Dall'82' Insigne s.v.

Mertens 8 - Sonnecchia per 20 minuti, poi decide che è ora di cambiare marcia e mette il turbo. Il primo lo segna da solo, il secondo lo impacchetta a Gabbiadini e glielo serve su un piatto d'argento. Le cose si complicano di nuovo e deve essere ancora lui a risolvere la questione con un diagonale perfetto da distanza ravvicinata. Un supereroe. Dall'89' Gargano s.v.

Gabbiadini 6,5 - Da prima punta non dà il peso che garantisce abitualmente un centravanti classico, ma fiuto e senso della posizione ci sono tutti. Al posto giusto al momento giusto sulla scorribanda di Mertens che gli dà il pallone per il 2-1. Fa il suo mestiere, come sempre del resto. Dal 66' Higuaìn 6 - Al suo ingresso il pubblico si divide fra chi lo fischia e chi lo osanna comunque. Ha voglia, va a recuperare anche qualche pallone nell'altra metà campo, ma lì davanti non gli arriva nulla. Avrebbe voluto la palla buona per riscattarsi, conoscendolo sarà furibondo per non averla avuta. 

All. Pecchia 5,5 - Con Benìtez squalificato ha la prima occasione di dirigere la squadra, ma naturalmente i problemi sono gli stessi di sempre, ovviamente non per colpa sua. Poco mordente, una sveglia doverosa dopo il primo gol degli ospiti e poi di nuovo il nulla. A questo Napoli manca la personalità ma soprattutto mancano gli stimoli per fare qualcosa in più, a prescindere dal risultato finale che per fortuna non è drammatico come a un certo punto si è temuto. 

 

CESENA

Agliardi 5,5 - Sul primo gol è beffato dal liscio di Volta, sul secondo Gabbiadini sbuca alle spalle di Kraijnc e devia sottomisura. Infilzato sul 3-2 da Mertens, in quel caso è lui che copre male l'angolo. 

Volta 5 - Liscio tremendo sul gol di Mertens, poco dopo arriva il raddoppio del Napoli ed è sempre lui a lasciare spazio a Mertens con una chiusura piuttosto light. Si fa 'perdonare' con la discesa sulla destra che vale il 2-2 dei suoi. 

Capelli 5 - Insieme a Volta si trova a dover fronteggiare uno scatenato Mertens ed è un massacro.  Soffre costantemente, prima di uscire prende un cartellino a centrocampo, segno evidente di stanchezza. Dal 72' Rodriguez 5,5 - Entra quando il Cesena non sta più attaccando e la partita volge stancamente a perdere. 

Krajnc 5,5 - Sul 2-1 Gabbiadini gli sfugge ed insacca, errore di marcatura abbastanza evidente. Per il resto non demerita, ma non è di certo una prestazione da incorniciare. 

Renzetti 6 - Se Callejòn trova pochi spazi è anche per la prestazione molto concentrata dell'esterno cesenate, che resta praticamente bloccato sulla linea a quattro e si occupa soprattutto del contenimento. 

Tabanelli 6,5 - Non impeccabile in fase difensiva, ha il merito di costruire praticamente da solo il gol del vantaggio cesenate. Ottima discesa sulla destra con assist ad un liberissimo Defrel, che prende la mira ed insacca. Dal 56' Lucchini 6 - Di Carlo inserisce un nuovo difensore, forse per conservare il pareggio, bisognerebbe capire perché. Comunque il fato lo punisce perché dopo 30 secondi Mertens castiga per la terza volta Agliardi, naturalmente non per colpa di Lucchini. 

De Feudis 6 - Dei due centrali di centrocampo è il 'bajito', che imposta e prende per mano la squadra. Ad intermittenza, ma lo fa in maniera onesta. Dall'82' Cazzola sv

Cascione 6 - Leve lunghe e tanto agonismo, la sua presenza è importante per coprire le spalle ai compagni più propositivi in avanti. Un centrocampista utilissimo sul piano tattico, mestierante ideale per squadre di questo tipo. 

Carbonero 6 - Parte largo a sinistra per creare qualche grattacapo a Mesto ma qualche volta si accentra per dare una mano alla linea mediana. Meno coinvolto nella ripresa. 

Brienza 6 - Scala spesso sulla linea dei centrocampisti a recuperare il pallone e ad impostare, è il cervello occulto della squadra. Ha anche la chance buona per freddare Andujar ma spedisce la palla in curva. Una bella rovesciata nella ripresa con Andujar che smanaccia fuori e gli toglie la soddisfazione dell'eurogol.

Defrel 7,5 - Doppio sigillo con due palloni giocabili, un cecchino infallibile. Uno in un angolo e uno nell'altro, entrambi non semplicissimi. Non si può dire che non abbia varietà di colpi. Segnatevi il suo nome: sarà di certo un pezzo pregiato del mercato estivo. 

All. Di Carlo 6 - La sua squadra dovrebbe essere già ampiamente in vacanza e invece tira fuori una prestazione di grande orgoglio, mettendo in difficoltà il Napoli e sfiorando il colpaccio. Fare di più, viste le forze in gioco e le motivazioni differenti, era obiettivamente difficile. 

Arbitro: Irrati 6 - Il Cesena reclama un rigore nel secondo tempo, ma lui è piazzato molto bene e lascia correre. E' l'unico vero episodio da moviola di una gara senza grossi sussulti dal punto di vista arbitrale. 

 

TABELLINO

NAPOLI-CESENA 3-2

Napoli (4-2-3-1): Andujar, Mesto, Albiol, Britos, Ghoulam; David Lòpez, Jorginho; Callejòn, Hamsik (dall’82’ Insigne), Mertens (dall’89 Gargano); Gabbiadini (dal 66’ Higuain). A disp: Rafael, Colombo, Strinic, Henrique, Britos, Maggio, Inler, Duvàn. All. Pecchia (Benitez squalificato)

Cesena (4-4-2): Agliardi, Volta, Capelli (dal 73 Rodriguez), Krajnc, Renzetti; Tabanelli (dal 57’ Lucchini), Cascione, De Feudis (dall’82’ Cazzola), Carbonero; Brienza, Defrel. A disp: Leali, Bressan, Nica, Djuric, Succi, Perico, Dal Monte, Zè Eduardo. All: Di Carlo

Arbitro: Irrati di Pistoia

Marcatori: 15’ Defrel (C), 19’ Mertens (N), 21’ Gabbiadini (N), 46’ Defrel (C), 57’ Mertens (N)

Ammoniti: 6’ Volta (C), 42’ Ghoulam (N), 71' Capelli (C), 76’ Koulibaly (N)

Espulsi: -




Commenta con Facebook