• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Il punto di CM.IT > IL PUNTO DI CM.IT - Papere, regali e disastri: è un campionato 'generoso'

IL PUNTO DI CM.IT - Papere, regali e disastri: è un campionato 'generoso'

Finale di stagione strano, fra gli errori dei singoli e le clamorose dèbacle delle squadre ancora in corsa per qualcosa


Samir Handanovic (Getty Images)
Antonio Papa (Twitter: @antoniopapapapa)

18/05/2015 14:52

PUNTO CM.IT PAPERE SERIE A / ROMA - Potete dire che la Serie A è diventata un campionato minore, dove lo spettacolo latita e le avversarie della Juve pure, ma di certo non potete dire che non sia un campionato generoso. Papere, regali, distrazioni. Tutto sembra ricondurre al leit-motiv stagionale, o meglio quello delle ultime stagioni. Sbaglio io che sbagli tu, alla fine non vince chi ha fatto di più ma chi ha toppato di meno. I singoli come le squadre, tutti pronti ad aiutare il prossimo anche quando il prossimo non ha bisogno. Lo vediamo nel punto di oggi di calciomercato.it.  

PAPERISSIMA SPRINT - Sarà il clima di vacanza, con tante squadre che come sempre sono già a mare prima del tempo. Sarà il clima e basta, visto che Sarri ha detto che è scandaloso far giocare le squadre alle 15 con questo caldo (a maggio...?). Fatto sta che mai come in questo weekend si sono viste scene che la Gialappa's di un tempo ci avrebbe costruito su un programma intero. Il sigillo ad un turno 'speciale' ce l'ha messo Manolas, con l'errore che ha portato al gol di Perica, un errore per sua fortuna - vista l'aria che tira a Roma - assolutamente ininfluente. Avevano iniziato il trend Morata e Handanovic col gollonzo del sabato sera, proseguivano poi Diego Lopez e Guida nel lunch match. Il portiere spagnolo si lascia sfuggire il pallone innocuo di Berardi, e va bene, poi l'arbitro ci mette del suo convalidando un gol che probabilmente non c'era. Giusto per far capire che in questo clima 'natalizio' (con questo caldo? a maggio?) sono tutti più buoni. I calciatori, gli arbitri e pure le squadre. 

LOTTA ANTI-SALVEZZA - Già, perché la 'guerra' di classifica non è da meno. Se Lazio e Roma una volta tanto hanno tenuto fede alle aspettative della vigilia battendo Sampdoria e Udinese, le altre lotte non sono state poi così serrate. In zona Europa League l'Inter saluta tutti suicidandosi contro una Juve più che satolla, lo stesso fa la Samp stendendo il tappeto rosso alla Lazio. Ed è curioso che la squadra più pugnace sia il Genoa, che se pure arriva quinto probabilmente l'Europa League non potrà farla comunque. Simpatico anche ciò che accade in zona salvezza, dove all'Atalanta bastava un punto per condannare il Cagliari alla Serie B. I nerazzurri soccombono a un Genoa scatenato, i sardi ringraziano e rispondono perdendo in casa contro un Palermo che più sazio non si può. Bei tempi quando i finali di campionato erano infuocati almeno da chi lottava per non retrocedere. Ora sono già tutte in B e fanno di tutto per farci capire che è giusto così. Con tanti saluti a Babbo Natale. 

 




Commenta con Facebook