• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > > PAGELLE E TABELLINO DI INTER-JUVENTUS

PAGELLE E TABELLINO DI INTER-JUVENTUS

Icardi segna sempre, Handanovic irriconoscibile. Morata si prende la Juve, Romulo ancora male


Alvaro Morata (Getty Images)
Antonio Russo (Twitter @tonyrusso93)

16/05/2015 20:03

ECCO LE PAGELLE DI INTER-JUVENTUS

 

INTER

Handanovic 4,5 – Si disimpegna bene su un paio di conclusioni di Morata. Non può molto sul rigore calciato da Marchisio, purtroppo per lui la sua difesa continua a ballare troppo. Sul finire di match, con una clamorosa papera, regala alla Juve la vittoria.

D’Ambrosio 6 – Spinge molto su quella fascia e lascia inevitabilmente larghe praterie da quel lato agli juventini. Si annulla praticamente con Padoin. Nel finale sfiora il possibile 2-1 su un'intuizione di Kovacic.

Ranocchia 5,5 – Si ritrova a marcare un Morata in gran giornata. Tenta in alcuni frangenti di anticiparlo, ma finisce sempre per essere sopraffatto dallo spagnolo. Pomeriggio da incubo per lui. Dall’89’ Gnoukouri s.v.

Vidic 5 – Lento e macchinoso, appare spesso in affanno in marcatura sugli attaccanti bianconeri. Sul crepuscolo del primo tempo con un intervento disperato regala il penalty alla Juve per un fallo su Matri.

Juan Jesus 6 – Viene schierato da terzino sinistro, una posizione a lui poco congeniale. Nonostante ciò, si disimpegna abbastanza bene nel ruolo ed offre inverosimilmente anche una buona spinta da quel lato.

Kovacic 6,5 – Mancini l’ha richiamato spesso per essere poco aggressivo a metà campo. Quest’oggi sembra raccogliere i suggerimenti dell’allenatore e disputa una partita di grande sostanza. Annulla Romulo e quando può si fa vedere dalle parti di Storari. Prova a prendere per mano la squadra nel finale, ma non basta.

Medel 5 – Lui non ha certo i piedi vellutati di Kovacic e Shaqiri e si sa che dovrebbe principalmente spezzare il gioco dei bianconeri, ma questo non gli riesce mai. Con un’ingenuità dà il via all’azione culminata con il fallo da rigore da parte di Vidic.   

Brozovic 6,5 – Si posiziona sul centro-destra e duetta bene con gli attaccanti nerazzurri. Si mostra sin dai primi minuti molto propositivo e mette il proprio zampino nella rete di Icardi. Sul finire del primo tempo trova anche la gloria personale, ma Doveri annulla per un fuorigioco che non c’è. Dall’82’ Podolski s.v.

Shaqiri 6 – Gioca tra le linee e tenta di fare impazzire la retroguardia bianconera con le sue serpentine. Comincia bene e si fa passare spesso la palla dai compagni, poi con il passare dei minuti comincia a dosarsi ed esce fuori a strappi. Con un gran tiro nel primo tempo coglie l’incrocio dei pali. Dal 71’ Nagatomo 6,5 - Riesce a dare quella spinta in più sulla sinistra richiesta da Mancini. Da una sua percussione nasce la doppia occasione sulla quale è bravissimo Storari ad evitare il 2-2.

Icardi 6,5 – Dopo pochi secondi, con una bordata dalla distanza costringe subito Storari agli straordinari. Come sempre quando vede bianconero gli viene facile fare gol. Realizza una rete all’Inzaghi con una fortunosa deviazione su un tiro da fuori area di Brozovic. Nel finale soltanto un grande Storari gli impedisce la doppietta personale.

Palacio 5,5 – Nella prima frazione di gioco grazie ad un errato intervento di Lichtsteiner si ritrova sui piedi la palla del raddoppio, ma anche in questo caso il portiere bianconero si fa trovare pronto. Nella ripresa si eclissa e sparisce dal match.

All. Mancini 5 – La sua Inter appare ancora un giocattolo troppo fragile nelle retrovie. I nerazzurri giocano un buon match contro una Juve venuta a San Siro per fare passerella. I ragazzi di Mancini però, come sempre, in questa stagione sono apparsi incompleti, un continuo vorrei essere, ma non posso che non gli permette di sbocciare completamente. La qualificazione alla prossima Europa League, a questo punto, è seriamente a rischio.

 

JUVENTUS

Storari 7 – Non ha colpe sulla rete di Icardi, risponde con riflessi felini invece, a metà primo tempo, su una conclusione ravvicinata di Palacio. Sul tramonto del primo tempo prima su Palacio e poi su Icardi compie due miracoli nella stessa azione. Nel finale dice ancora no ai padroni di casa, superandosi sul tap-in a botta sicura di Icardi.

Lichtsteiner 5 – Disattento, appare svagato ed è spesso fuori tempo. Non spinge come al solito su quell’out ed in fase di contenimento si rende protagonista di diverse imprecisioni. Nel primo tempo con un intervento scellerato regala una clamorosa palla gol all’Inter. Dal 56’ Ogbonna 6 – Col suo ingresso la Juve soffre meno da quel lato. Prestazione sufficiente.

Barzagli 6 – Nei primi minuti sembra soffrire eccessivamente la verve di Icardi, poi gli prende le misure e non commette più errori.

Bonucci 6 – Gioca un buon match, tiene bene Palacio e sbroglia diverse situazioni intricate. Positivo.

Padoin 5,5 – D’Ambrosio spinge tanto da quel lato e lo costringe a rimanere basso. Non offre una gran prova in ambo le fasi di gioco, insufficiente.

Romulo 4,5 – La settimana scorsa aveva la scusante di giocare in una posizione che non ha mai amato molto (terzino destro). Ma quest’oggi viene schierato da mezzala e non vi è alcuna giustificazione per il scarso contributo. L'unico neo nella straordinaria stagione dei bianconeri.

Marchisio 6,5 – Detta i tempi della manovra e nonostante non compia giocate trascendentali gioca una buona partita. Sul finire del primo tempo è freddissimo nel realizzare il rigore che regala il momentaneo pareggio alla Vecchia Signora.  

Sturaro 5,5 – Soffre da quel lato la verve di Brozovic che quest’oggi si inserisce con solerzia negli ultimi 30 metri. Sull’azione del gol di Icardi non esce dai blocchi per andare a contrastare il centrocampista croato che calcia indisturbato verso la porta di Storari.

Pereyra 5,5 – Non è in un periodo felice, disputa un’altra partita sottotono. Non dialoga con i compagni e si rende protagonista di giocate prevedibili. Dal 78’ Pogba s.v.

Morata 7,5 – Galvanizzato dalla notte del Bernabeu si mostra subito molto attivo. Viene di frequente incontro alla palla per fare da sponda per i compagni e far salire la squadra. Sul finire della partita con un tiro da fuori area trova la rete del sorpasso bianconero. Per tutta la gara tiene in apprensione la retroguardia nerazzurra, incredibile.

Matri 6 – Comincia un po’ contratto e non sembra in gran giornata. Non dialoga quasi mai con Morata e tende ad isolarsi, poi sul finire del primo tempo costringe Vidic al fallo da rigore e riabilita la sua prestazione. Dal 66’ Llorente 5,5 – Non offre una gran prova. Entra, ma non si fa notare praticamente mai.

All. Allegri 7 – I bianconeri arrivano a San Siro rimaneggiati, con la sola ambizione di disputare una gara dignitosa contro gli storici rivali dell’Inter. Nonostante però non vi fossero grandi motivazioni, i ragazzi di Allegri si conquistano in qualche modo l’ennesimo pomeriggio di gloria. Da applausi la reazione avuta dopo la rete di Icardi. Questa Juve sembra poter vincere anche quando non s’impegna più di tanto, senza parole. 

 

Arbitro Doveri 4,5 – Direzione pessima per il fischietto capitolino, tanti gli episodi dubbi valutati male: al 39’ Shaqiri coglie l’incrocio dei pali, sulla ribattuta Brozovic ribadisce in rete, ma il gol viene annullato per off-side. In realtà, però, il croato è tenuto in gioco da Lichtsteiner. Minuto 41, Matri a tu per tu con Handanovic viene steso in area da Vidic, giusto il penalty concesso: manca l’espulsione per l’ex Manchester che viene invece soltanto ammonito. Infine al 44’ manca un giallo a Kovacic che interviene a piedi uniti su un calciatore bianconero.

 

TABELLINO

INTER-JUVENTUS 1-2

Inter (4-3-1-2): Handanovic; D'Ambrosio, Ranocchia (dall’89’ Gnoukouri), Vidic, Juan Jesus; Kovacic, Medel, Brozovic (dall’82’ Podolski); Shaqiri (dal 71’ Nagatomo); Icardi, Palacio. A disp.: Carrizo, Andreolli, Santon,  Felipe, Kuzmanovic, Obi, Bonazzoli, Puscas, Dimarco. All. Mancini.

Juventus (4-3-1-2): Storari; Lichtsteiner (dal 56’ Ogbonna), Barzagli, Bonucci, Padoin; Romulo, Marchisio, Sturaro; Pereyra (dal 78’ Pogba); Morata, Matri (dal 66’ Llorente). A disp.: Rubinho, De Ceglie, Marrone, Audero, Asamoah, Coman, Pepe. All. Allegri.

Arbitro: Daniele Doveri di Roma

Marcatori: 9’ Icardi (I), 42’ Marchisio (J), 83’ Morata (J)

Ammoniti: 33’ Ranocchia (I), 35’ Brozovic (I), 41’ Vidic (I), 52’ Morata (J), 54’ Lichtsteiner (J), 58’ Kovacic (I), 67’ Juan Jesus (I)

Espulsi:




Commenta con Facebook