• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > In evidenza > PAGELLE E TABELLINO DI SAMPDORIA-LAZIO

PAGELLE E TABELLINO DI SAMPDORIA-LAZIO

Gentiletti gol da Champions! Nella Samp male Eto'o, bene De Silvestri


Lesultanza_dei_giocatori_laziali_dopo_il_gol_di_Gentiletti_(getty_images).jpg
Davide Sperati (@DavideSperati1)

16/05/2015 22:45

ECCO LE PAGELLE DI SAMPDORIA-LAZIO:


SAMPDORIA

Viviano 5,5 – Nel primo tempo nessuna grande parata da annotare sul taccuino. Nella ripresa invece non esce sull'angolo calciato da Ledesma che porta Gentiletti in gol. Viene comunque trattenuto da Klose anche se non ci sono proteste veementi.  

De Silvestri 6,5 – Il migliore. Contro la sua squadra del cuore si esalta, giocando una buona prestazione. In diverse circostanze cerca l'out di destra con annessi cross. Sul finire di tempo ottima la percussione e l'assist per Obiang, che però si divora la rete del vantaggio.  

Silvestre 6,5 - Dopo la buona prova di Udine, oggi è maggiormente impegnato a placare gli attaccanti avversari. Bada al sodo. Ruvido quanto basta. Gioca senza fare complimenti.

Romagnoli 6,5 – In campo dopo la squalifica. Il suo apporto difensivo è ancora una volta provvidenziale.

Regini 6 - Inizio sprint per Vasco, che deve stare attento alla velocità di Felipe Anderson e Candreva, spesso clienti scomodi della sua fascia. Soffre, ma alla fine esce a testa alta dal confronto.

Acquah 6 – Bene contro l'Udinese, oggi sbaglia qualche pallone in fase di ripartenza, ma nella fase difensiva è sempre molto affidabile. Dal 61' Rizzo 6 – Con il corpo salva il gol del 2-0 laziale.

Palombo 5,5 – Ammonito dopo quindici minuti per un fallo tattico su Candreva, recupera diversi palloni interessanti a centrocampo. Nella ripresa cala in lucidità, soprattutto dopo la rete subita. Dal 80' Okaka s.v.

Obiang 5,5 – Preferito a Duncan, va due volte al tiro ma, mentre la prima la conclusione è blanda, quella capitatagli al 42' è un rigore in movimento che doveva essere soltanto appoggiato in rete e non sopra la traversa.

Soriano 6 – Si fa vedere in area laziale con un colpo di testa che però non trova lo specchio della porta e con un diagonale che esce di pochissimo al 32'. Da lui passano spesso le azioni più pericolose dei doriani, ma la densità del centrocampo biancoceleste gli complica la serata.

Muriel 5,5 – Fatica a liberarsi dalla marcatura di Radu, risultando spesso prevedibile. Lotta come può, facendosi trovare anche in fase difensiva nelle improvvise ripartenze biancocelesti. Davanti trova qualche buona soluzione, ma senza gli effetti desiderati.

Eto'o 5 – Un guizzo al 10' che per poco non beffa Berisha, per il resto gioca troppo dietro. Nella ripresa, appena iniziata, scatta sul filo del fuorigioco involandosi verso il portiere, ma il suo diagonale finisce a lato di un soffio. Un errore, non da lui. Dal 61' Bergessio 6 – Mihajlovic vuole maggior profondità dalle sue giocate ma entra nel momento in cui la Samp fa più fatica a ripartire.

All. Mihajlovic 5,5 – Il tecnico serbo affronta la Lazio con un 4-3-1-2, con Soriano dietro al tandem d'attacco Eto'o-Muriel. A centrocampo solita diga composta da Palombo, Obiang e Acquah. In difesa torna Romagnoli dopo il turno di squalifica. Gara equilibrata decisa da un singolo episodio, nonostante prima i suoi uomini abbiano sprecato 2 palle gol clamorose. La Samp fallisce una grossa chance dopo il ko dell'Inter: la corsa all'Europa League resta quindi apertissima.


LAZIO

Berisha 6 – Primo tempo tranquillo senza particolari interventi. Nella ripresa è bravo a chiudere lo spazio a Eto'o che è costretto ad allargare l'angolo del tiro.

Basta 6,5 - Nel primo tempo cerca spesso il fondo, per poi arretrare leggermente la falcata. Solita ottima gara, praticamente senza sbavature.

Gentiletti 7 – Da Genova a Genova. In campo dopo otto mesi, l'argentino sembra non avere perso il feeling con il ruolo. Ottima la gestione della linea difensiva con un solo errore sul diagonale di Soriano durante il primo tempo. Nella ripresa la gioia più bella quando al 54' col ginocchio sinistro realizza il gol partita: sì proprio con quel ginocchio, proprio nello stadio dove è si era procurato l'infortunio. Dal 75' De Vrij 6 – Nella giornata dei rientri, c'è spazio anche per lui. Il difensore più talentuoso di casa Lazio. 

Ciani 6 - Non dà mai la sensazione di sicurezza che un centrale difensivo dovrebbe avere. Ciò detto riesce comunque a dare il suo e fare un buon movimento sul gol di Gentiletti.

Radu 6,5 - In difficoltà soltanto sull'affondo di De Silvestri che manda al tiro Obiang da due passi. Nella ripresa prende le misure e torna sui livelli che gli competono.

Parolo 6,5 -  Il primo tiro della Lazio porta la sua firma ma la botta da fuori termina alta. Al 38' rischia l'autogol per eccesso di foga difensiva ma ciò nonostante anche oggi Marco Parolo è il leader del centrocampo biancoceleste. Utile e prezioso.

Ledesma 6 - Sbaglia diversi palloni nella zona mediana del campo, ma il calcio d'angolo battuto in occasione del vantaggio laziale, è una pennellata perfetta che va menzionata.  

Lulic 6 - Alla mezz'ora va vicinissimo alla realizzazione personale ma non arriva sul pallone per una questione di millimetri. Una gara fatta di lavoro sporco e tantissima corsa su e giù per il campo.

Candreva 6,5 – Uno dei più in forma della compagine capitolina. Al 68' rischia l'eurogol con un bolide di sinistro che sfiora l'incrocio dei pali. A volte è poco lucido nell'ultima passaggio, ma è dapperttutto...Indemoniato. Dal 83' Mauri s.v.

Klose 6 - Furbo quando tiene la maglia di Viviano in occasione del gol di Gentiletti. Per il resto gara intelligente anche in virtù della finale in programma Mercoledì prossimo contro la Juventus. Dal 70' Djordjevic 6 – Venti minuti al servizio della squadra. Va vicinissimo alla rete, negata solo dalla respinta con il corpo di Rizzo. 

Felipe Anderson 6,5 – Non segna dal 12 aprile ma oggi la sua velocità è un grande problema per i difensori blucerchiati. Attivo e dinamico è uno dei più in forma.

All. Pioli 7 – Nel tecnico parmigiano scelte di formazione abbastanza condizionate dagli infortuni e dalle squalifiche. Da notare il rientro in campo dal primo minuto di Santiago Gentiletti, infortunatosi lo scorso 21 settembre proprio a Marassi, contro il Genoa. Scelta azzeccata, perché proprio l'argentino sigla la rete decisiva in un campo dove, prima di oggi, aveva vinto soltanto la Juventus campione d'Italia.
 
Arbitro: Mazzoleni 5,5 – Dopo le polemiche della scorsa settimana non era facile arbitrare questa sfida. Al 21' poteva ammonire Radu per il fallo su Acquah. Nella ripresa qualche dubbio sulla posizione di Eto'o che si presenta poi a tu per tu con Berisha; difficile, infine, valutare fallosa la trattenuta di Klose ai danni di Viviano in occasione del gol Gentiletti.


TABELLINO

SAMPDORIA-LAZIO 0-1

SAMPDORIA (4-3-1-2): Viviano; De Silvestri, Silvestre, Romagnoli, Regini; Acquah (dal 61' Rizzo), Palombo (dal 80' Okaka), Obiang; Soriano; Muriel, Eto'o (dal 61' Bergessio).  A disp: Romero, Duncan, Correa, Munoz, Coda, L. Djordjevic, Marchionni, Wszolek, Cacciatore.
All. Sinisa Mihajlovic

LAZIO (4-2-3-1): Berisha; Basta, Gentiletti (dal 75' de Vrij), Ciani, Radu; Parolo, Ledesma; Lulic, Candreva (dal 83' Mauri), Felipe Anderson; Klose (dal 70' F. Djordjevic). A disp: Guerrieri, Strakosha, Braafheid, Cavanda, Novaretti, Cataldi, Onazi, Keita, Perea,. All. Stefano Pioli 

Arbitro: Paolo Silvio Mazzoleni della sezione di Bergamo

Marcatori: 53' Gentiletti (L),

Ammoniti: 16' Palombo (S), 39' Silvestre (S), 

Espulsi:
 




Commenta con Facebook